Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
 
POLITICA
Politica

Consiglio Comunale: le comunicazioni inascoltate e il caso ancora irrisolto del Pronto Soccorso
La seconda seduta online continua a presentare problemi audio e di connessione, tanto che Davide Colucci ha espresso il parere di svolgere le prossime sedute al Palazzetto dello Sport

Lucera, 17.12.2020 Nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale, tenutosi di nuovo in videoconferenza nel pomeriggio dello scorso 14 dicembre, il consigliere di opposizione Francesco Di Battista ha voluto fare due comunicazioni. Con la prima Di Battista ha informato che un paio di giorni prima aveva letto sulla pagina facebook del comitato “Io sto con il Lastaria” una notizia, a suo parere molto interessante ma allo stesso tempo preoccupante, che egli ha voluto porre, pertanto, all’attenzione dell’intero Consiglio Comunale e della città come spunto di riflessione. Il post dice, in particolare: “Chiusura del Pronto Soccorso di Lucera: come va nelle altre città? Sono ormai trascorsi più di 40 giorni da quando la dirigenza del Policlinico Riuniti di Foggia ha sospeso l'attività del Pronto Soccorso di Lucera e pertanto il Comitato "Io sto con il Lastaria" ha iniziato un tour negli ospedali della Capitanata per verificare come i vari presidi ospedalieri si siano attrezzati per affrontare l'emergenza Covid 19. Il nostro tour è iniziato ieri venerdì 11 dicembre quando abbiamo consegnato mascherine ffp2 e chirurgiche al Punto di Primo Intervento dell’Ospedale San Giacomo di Torremaggiore e nell’occasione abbiamo avuto modo di conoscerne il personale, la struttura e le modalità operative. Nella prima fotografia il momento della consegna dei dispositivi di protezione alla dottoressa Rosa Tardio e al suo staff. Prima di tutto bisogna premettere che la città di Torremaggiore ha una popolazione di circa 17.000 abitanti e che il Punto di Primo Intervento del “San Giacomo” non ha mai chiuso durante questa emergenza pandemica rimanendo un punto di riferimento per tutta la cittadinanza e i paesi limitrofi del subappennino. L’Ospedale San Giacomo, al pari del Lastaria, è stato declassato rispetto ad altri presidi, in primis Foggia, San Severo, Cerignola e anche l’Unità di Emergenza – Urgenza di Torremaggiore ha subito profondi tagli, tant’è che il Pronto Soccorso è stato riconvertito a Punto di Primo Intervento Territoriale, con grandi modifiche qualitative e quantitative all’assistenza ai pazienti che vi fanno accesso. Al Punto di Primo Intervento vengono prese in carico direttamente soltanto le patologie minori, come ad esempio punti di sutura, coliche renali, colpi di frusta (l’elenco non è esaustivo) garantendo quindi una prima risposta sanitaria sul territorio, con presa in carico principalmente dei cosiddetti codici bianchi e verdi. Le patologie più gravi, infarti, ictus, emergenze chirurgiche politrauma da incidente stradale o altre simili, vengono dirottate dalle ambulanze accorse sul luogo dell’incidente o all’abitazione del paziente direttamente verso i Pronto Soccorso degli Ospedali di San Severo, Foggia e San Giovanni Rotondo, attrezzati per trattare i cosiddetti codici gialli e rossi. Allo stesso tempo può capitare che un paziente con infarto o ictus si rechi autonomamente presso il Punto di Primo Intervento di Torremaggiore senza aver preventivamente chiamato l’ambulanza del 118. In questi casi si procede a stabilizzare temporaneamente il paziente in fase critica e contemporaneamente si predispone il suo trasferimento in sicurezza il prima possibile verso il pronto soccorso di riferimento attrezzato per i codici gialli e rossi. Normalmente al Punto di Primo Intervento viene affiancata una postazione del 118 consistente in un'ambulanza con medico e infermiere a bordo che si integra nella rete del 118, gestita dalla centrale operativa del 118. All’ospedale San Giacomo di Torremaggiore, inoltre, soltanto nelle ore diurne si ha la disponibilità della Radiologia e del Laboratorio di Analisi e pertanto l’attività nelle ore serali del Punto di Primo Intervento è notevolmente limitata alle patologie più lievi. Al Punto di Primo Intervento di Torremaggiore si accede attraverso un’unica porta, non c’è il doppio percorso, area pulita destinata ai pazienti no Covid e area sporca destinata ai Covid. Ogni qual volta un paziente si reca nella struttura viene effettuato il pre triage, ossia viene misurata la febbre e viene analizzata l’ossigenazione del sangue con il saturimetro. Se i parametri sono normali e non c’è febbre, il paziente viene preso in carico dal personale e fatto accedere ai locali del Punto di Primo Intervento che provvederanno a prestargli soccorso. In caso di febbre o di altri sintomi Covid, il paziente viene comunque fatto accedere ai locali del presidio ospedaliero ma soltanto dopo che il personale ha indossato la tuta integrale, copricalzari e copricapo, oltre alle normali protezioni rappresentate da mascherine ffp2, guanti e visiere, che costituiscono la dotazione minima di sicurezza. Dopo l’intervento i locali del Punto di Primo Intervento vengono sanificati. Cosa abbiamo capito dalla visita al Punto di Primo Intervento dell’Ospedale San Giacomo di Torremaggiore?
- Innanzitutto che è possibile continuare a lasciare aperta una struttura di emergenza urgenza anche senza il doppio percorso area pulita e area sporca. Semplicemente è possibile prendere tutte le precauzioni del caso per permettere agli operatori di lavorare in sicurezza mantenendo aperto al contempo un punto di riferimento per la salute della popolazione.
- L’altra cosa che ci ha colpito è che il Pronto Soccorso di Lucera, nonostante il nome, è già nei fatti un punto di Primo Intervento come quello di Torremaggiore. La struttura lucerina, infatti, è più grande di quella del San Giacomo ma non può configurarsi a tutti gli effetti come un Pronto Soccorso non avendo nelle ore serali la disponibilità della Radiologia e del Laboratorio di Analisi.
Il Lastaria, inoltre, è privo dei reparti specialistici fondamentali per l'operatività di un Pronto Soccorso (vedi Emodinamica, Neurologia d’Urgenza e Stroke Unit per ictus ischemico od emorragico e Chirurgia d’urgenza per i politrauma). Il tour negli ospedali della Capitanata continua”.


Francesco Di Battista sul Pronto Soccorso

Alla luce di tutto ciò, la preoccupazione è allora scattata immediatamente nel consigliere della coalizione “Fare. Meglio!”, il quale ha detto di essere arrabbiato e contemporaneamente desideroso di maggiori chiarimenti, cogliendo pertanto l’occasione per chiedere ai colleghi consiglieri, oltre al sindaco, innanzitutto, che cosa ne pensassero e se non fosse il caso di intraprendere qualche iniziativa concreta, seria e forte.


Francesco Di Battista e le maschere antivirali

Con la seconda comunicazione Di Battista ha informato circa la produzione di una mascherina prodotta con tessuto antivirale e munita di filtri che si sta già impiegando in un altro comune: la cosa positiva è che, oltre ad essere ovviamente certificata, è lavabile, in modo da favorire la riduzione dell’inquinamento. La sua produzione avviene in Italia e quella dei filtri, in particolare, in un’azienda pugliese. Pertanto, il consigliere ha detto che nei giorni seguenti avrebbe cercato di avere ulteriori informazioni che avrebbe portato all’attenzione della capigruppo o comunque della commissione consiliare competente: «L’idea sarebbe quella di riuscire ad acquistarne quante più possibile per cercare di assicurarne la fornitura a chi ne è sprovvisto: se con una serie di servizi che non sono stati portati avanti in questo periodo a causa del Covid si sono generate delle economie, una parte di quelle potrebbe essere destinata anche a questa forma di investimento di carattere ambientale».


Davide Colucci e i Consigli Comunali al Palasport

In seguito, il consigliere Davide Colucci è intervenuto per fare una comunicazione-richiesta, cioè quella di svolgere il prossimo Consiglio al Palazzetto dello Sport per evitare i problemi che si sono creati si per quanto concerne l’audio che le connessioni delle dirette.


Giuseppe De Sabato e la pregiudiziale sull'11º accapo

Giuseppe De Sabato, invece, ha voluto porre all’attenzione dell’assise una questione pregiudiziale. L’articolo 23 del regolamento di funzionamento del Consiglio Comunale, infatti, consente ai consiglieri di presentare questioni pregiudiziali rispetto a determinati argomenti sottoposti all’esame del Consiglio. Rivolgendosi al presidente, De Sabato ha fatto rilevare che oltre agli argomenti che si era già deciso di inserire nell’ordine del giorno il 9 dicembre nella conferenza dei capigruppo e che risultava inserito il giorno 11 dicembre tra gli accapi, come aggiuntivo, relativo al piano delle valorizzazioni ed alienazioni del patrimonio immobiliare (aggiornamento del precedente piano): dato che tale argomento non era stato portato all’esame delle competenti commissioni Urbanistica e Bilancio e poiché mancava quindi uno degli elementi tali che l’argomento potesse essere inserito tra gli argomenti, questo accapo per De Sabato andava ritirato, ma tale richiesta è stata respinta, in quanto dalla votazione nominale della pregiudiziale sono risultati quindici contrari e nove favorevoli, senza tenere conto della questione legittimamente sollevata dal consigliere di opposizione e fornendo così chiara l’impressione che dai banchi della minoranza si può osservare qualsivoglia cosa, tanto come sempre rimarrà inascoltata.

Greta Notarangelo

 
 
 


Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.