Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
EVENTI
Eventi

Cremeria Letteraria: Nicola Ravera Rafele… "Il senso della lotta"
Nicola Ravera Rafele, che è anche sceneggiatore, è figlio d’arte: il padre, Mimmo Rafele è un noto regista e sceneggiatore e il nome della madre Lidia Ravera, scrittrice, è legato a “Porci con le ali“, emblema della rivoluzione sessuale del ‘68

Lucera, 09.03.2017 - Giovedì 9 marzo alle 20:30 approda in Cremeria Letteraria lo scrittore romano Nicola Ravera Rafele con il suo ultimo libro “Il senso della lotta” edito da Fandango, in probabile corsa per il prossimo Premio Strega.
Nei giorni dispari della settimana Tommaso va a correre. Allena il fiato, svuota la mente. A trentasette anni ha un contratto a tempo nella redazione romana del Corriere della Sera, una fidanzata esigente e una zia, Diana, della consistenza di una quercia, che l’ha cresciuto da quando, nel 1983, suo padre l’ha lasciato lì, davanti a casa, prima di scomparire nel nulla, nel bel mezzo di un temporale estivo. Già, perché i suoi genitori, Michele Musso e Alice Rosato, da quelle poche informazioni che ha, sono morti in un incidente, ed erano terroristi. A trentasette anni Tommaso è riuscito a costruirsi una vita normale, a non pensare più al suo tormentato passato. Ma quando una mattina il respiro gli s’ingolfa, e un dottore, diagnosticandogli un attacco di panico, gli chiede se sia figlio di quel Michele Musso, che lui ha incontrato a Grenoble nell’84, qualcosa si rompe, come uno strappo in una rete. Perché quella data fa tanto rumore? Quante versioni esistono della stessa cosa? In quale punto puoi ricucirle insieme senza sentire troppo male?
Con la mano ferma di chi conduce un’inchiesta e l’eleganza espressiva di chi sa come raccontarla, Nicola Ravera Rafele compone un’opera sinfonica per restituire una vicenda familiare che comincia nel 1969 e arriva fino ai giorni nostri. Romanzo borghese, noir letterario, j'accuse generazionale, "Il senso della lotta" è un libro sul presente che fa i conti con il passato, una storia in cui la ricerca della verità ha un prezzo così alto che alla fine sarà difficile separare la salvezza dalla distruzione.
Nicola Ravera Rafele, che è anche sceneggiatore, è figlio d’arte: il padre, Mimmo Rafele è un noto regista e sceneggiatore e il nome della madre Lidia Ravera, scrittrice, è legato a “Porci con le ali“, emblema della rivoluzione sessuale del ‘68. Eredità pesante che lui by-passa con l’agilità di chi sa costruire una storia. Nicola Ravera Rafele è una penna lucida, attenta, tagliente e mai banale o noiosa.
“Il senso della lotta” si legge come un giallo ma è anche ricco di riferimenti storici molto accurati. La ricerca di Tommaso lo porterà a scoprire quello che davvero è accaduto ai suoi genitori con un finale a sorpresa, ma non a dare un significato a quel che è accaduto negli anni di piombo. Così il figlio Tommaso-Nicola presenta il conto a un’intera generazione.
Conversa con l’autore: Michele Colucci.
Info e prenotazioni: 3273509326-3470850970.

Cremeria Letteraria
Comunicato stampa



Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.