Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
EVENTI
Eventi

Leonardo Palmisano ospite di Cremeria Letteraria con "Mafia Caporale"
L'autore venne già a Lucera per presentare un altro suo successo: "Ghetto Italia". “Mafia Caporale” è oggi più forte del collocamento pubblico, e dà vita a una moltitudine di agenzie di somministrazione lavoro in cui lava somme inimmaginabili di denaro sporco

Lucera, 14.09.2017 - Venerdì 15 settembre alle 20,30 Cremeria Letteraria torna a ospitare Leonardo Palmisano, che dopo “Ghetto Italia” presenta l’ultimo suo lavoro dal titolo “Mafia Caporale” sempre edito da Fandango Editore.
Il Global Slavery Index 2016 – il rapporto annuale sulla schiavitù nel mondo – conta in 129.600 le persone ridotte in schiavitù in Italia, collocandoci al 49esimo posto nel ranking dei 167 Paesi presi in considerazione. In Europa unicamente la Polonia fa peggio. Siamo il vertice europeo della sparizione dei minori non accompagnati e dello sfruttamento delle prostitute provenienti dalla Nigeria e dai Paesi ex Socialisti, ma siamo soprattutto lo Stato dove caporalato e impresa tendono a fondersi con le più consolidate organizzazioni mafiose. Questo intreccio è “Mafia Caporale”. Il business di questa metamafia è l’illecito sfruttamento del lavoro. Dall’agricoltura ai servizi, fino alla piccola industria, il mercato del lavoro si riempie di lavoratori e di lavoratrici schiavizzati. “Mafia Caporale” è oggi più forte del collocamento pubblico, e dà vita a una moltitudine di agenzie di somministrazione lavoro dentro le quali lava somme inimmaginabili di denaro sporco. Sarte, braccianti, camgirls, muratori, prostitute, blogger, coccobello!, lavavetri, parcheggiatori, vigilanti, camionisti, mendicanti e minori, sono solo alcuni dei volti della schiavitù di cui ci parla Leonardo Palmisano nel suo viaggio dal nord al sud di Italia dove ha incontrato personalmente ognuno di loro, e per ognuno ha raccolto una storia, un’immagine, un ritratto. Non si può rimanere indifferenti dopo la lettura di “Mafia Caporale”, ogni storia rimane impressa nella memoria.
Leonardo Palmisano (Bari, 1974), etnografo e scrittore, insegna Sociologia Urbana al Politecnico di Bari. È autore del romanzo “Trentaquattro” (Premio Eboli 2011), delle inchieste “Arrivare per restare? La presenza straniera in Puglia”, “La Città del Sesso. Dominazioni e prostituzioni tra immagine e corpo”, “Dopo di Lui. Cosa sarà dell’Italia dopo Silvio Berlusconi”; e dei saggi “Palombella Rotta, un decalogo per la sinistra in piena crisi” e “Nessuno tocchi la Puglia Migliore”.
È sceneggiatore e attualmente redattore per www.sulromanzo.it; ha scritto per Il Manifesto, Liberazione, AlfaBeta2 e NarcoMafie.
Dialoga con l’autore Alfredo Padalino.
Info e prenotazioni: 3273509326 – 3470850970.

Cremeria Letteraria - Presìdi del Libro
Comunicato stampa



Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.