Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
EVENTI
Eventi

Due appuntamenti in Cremeria Letteraria: letteratura e musica
Il 19 luglio un romanzo di Marcello Introna che narra di una storia vera. Il 21 luglio un graditissimo ritrorno: "Notturno Concertante"

Lucera, 18.07.2016 - Ancora un doppio appuntamento settimanale in Cremeria Letteraria, presso la “Cremeria al Duomo” in Piazza Duomo n. 18 a Lucera, nell’ambito della Rassegna estiva “InRivalDuomo”, con due serate da non perdere di altissima qualità letteraria e musicale.
Si parte martedì 19 alle ore 21:00 con Marcello Introna e la presentazione di “PERCOCO”, romanzo che narra di una storia vera, nerissima e dimenticata.
Bisognerebbe leggere questa storia senza saperne nulla. Sentiremmo così crescere in noi l’angoscia di qualcosa che sta per accadere. Qualcosa che si preannuncia nefasto fin dall’inizio, tra gli odori della Bari del 1956, le sue vie affollate, i suoi bordelli e le case borghesi di tante famiglie normali, come quella dei Percoco. Abitavano in via Celentano 12. Il capofamiglia era un ferroviere, lavoratore integerrimo, all’epoca da poco in pensione; la moglie, casalinga, proveniva da una famiglia di ricchi proprietari terrieri. C’erano poi tre figli: il primogenito, cleptomane, in galera – la vergogna di casa; il più piccolo affetto dalla sindrome di down – anche lui un oltraggio da tenere nascosto; infine, quello di mezzo, Franco, il “normale”: uno studente fuori corso ombroso e insoddisfatto, soprattutto rancoroso e violento.
Sapere già in partenza che in quella casa il 27 maggio del 1956 si consumò la prima strage di famiglia del Dopoguerra ad opera del figlio di mezzo non diminuisce però la forza di questo libro, anzi, ci fa vedere questa storia come un fatto di cronaca nera simile a quelli di cui leggiamo tutti i giorni, di certo con un’indifferenza che non sfiorava nemmeno l’opinione pubblica coinvolta nel caso Percoco nel 1956.
 Quella operata da Franco Percoco fu una carneficina, caratterizzata da un'efferatezza che non avrà uguali neanche in seguito e fu l’unico caso nella nostra storia in cui i giornalisti che lo raccontarono furono accusati di reato: il direttore della Gazzetta del Mezzogiorno e il giornalista che pubblicò integralmente la confessione dell'omicida furono accusati per aver diffuso del materiale raccapricciante. Vennero arrestati, allontanati dal lavoro e mai più reintegrati. La vicenda fu talmente sconvolgente che tutte le copie del giornale furono ritirate su scala nazionale. Il caso venne rinchiuso nell'archivio di stato di Bari e lì dimenticato. Marcello Introna, sceneggiatore e scrittore, ha riaperto l'enorme faldone, ricavandone un libro che tiene alta la tensione e indaga le ragioni di una mente labile e frustrata, facendoci intravedere il debole confine tra normalità e follia. Il libro, dato alle stampe con buon riscontro locale nel 2012 da un editore pugliese, è stato da poco pubblicato da Mondadori e merita assolutamente di essere letto. Come un romanzo, un giallo, un noir, un thriller psicologico. Soprattutto, come una storia vera a lungo dimenticata, che ha ancora molto da dire.
A conversare con l’autore sarà Raffaella Gambarelli.
A leggere brani del romanzo sarà l’attore e cabarettista barese Alessandro Schino.
Giovedì 21, sempre alle ore 21:00, sarà la volta della musica e della poesia con il ritorno di “Notturno Concertante”, trio musicale formato da Lucio Lazzaruolo e Raffaele Villanova alla chitarra classica e da Raffaele Tiseo al violino.
Il “Notturno Concertante” ha al suo attivo sei cd (“The Hiding Place” pubblicato originariamente dall’etichetta francese “Musea” nel 1989 e ristampato su cd dalla “Mellow Records” tre anni dopo, “Erewhon” edito nel 1993, “News From Nowhere” pubblicato nello stesso anno, “The Glass Tear” realizzato nel 1994) “Riscrivere Il Passato” (2002), “Canzoni allo specchio” (2012).
Da segnalare la pubblicazione del brano “Nocturne” nell’ambito di una compilation europea (Double Exposure). A tale compilation ha partecipato, fra gli altri, anche l’ex chitarrista dei Genesis Anthony Phillips. Inoltre hanno collaborato con Tony Pagliuca (storico tastierista delle Orme),e con il poeta bolognese Stefano Benni.
Il gruppo si è esibito dal vivo in varie città italiane (Firenze, Roma, Napoli, Benevento, Torino, Milano), e in prestigiosi festival e teatri.
Nel corso degli anni la band ha ottenuto numerosi passaggi radiofonici, articoli e interviste sulla stampa specializzata italiana ed estera.

I componenti storici del Notturno Concertante sono Raffaele Villanova (cantante e chitarrista) e Lucio Lazzaruolo (chitarre e tastiere), ma da anni si avvalgono della partecipazione fissa, in studio e live di svariati collaboratori.
Dal 1994 Lucio Lazzaruolo e Raffaele Villanova compongono musiche che sono utilizzate da Rai International nei documentari della serie Radici (in onda su RaiSat), da RaiUno (per la P.T. Productions) e da Canale5 (La clinica degli animali). Inoltre hanno composto parte della colonna sonora del film “Natale rubato”, con Patrizio Rispo.
La parte poetica della serata sarà affidata alle interpretazioni di Gabriele Zanini, attore e poeta di origini liguri ma trapiantato in Puglia, già due volte graditissimo ospite di Cremeria Letteraria.
Info e prenotazioni: 3273509326 – 3470850970.

Il Frizzo



Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.