Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
EVENTI
Eventi

Un giovane lucerino
alla Cornell University

A luglio del 2011 Michele partì per gli Usa e frequentò il suo quarto anno di scuola superiore in una High School della Pennsylvania dove, grazie ai suoi brillanti risultati scolastici, gli venne concesso di diplomarsi a pieni voti

Lucera, 14.06.2015 - In questi ultimi tempi i nostri occhi e le nostre menti si sono assuefatte a notizie sempre più brutte e drammatiche, tanto che non rimaniamo più nemmeno sorpresi o sgomenti a sentirne delle nuove. Quest’oggi invece, un po’ controcorrente, vogliamo parlare di una cosa bella, di un orgoglio per Lucera, di una mente brillante che sta dando a mamma e papà in primis e a tutti noi grandi soddisfazioni. Parliamo del giovane Michele Dell’Aquila e del suo ricco curriculum scolastico benché giovanissimo (classe 1995).
Nell’anno scolastico 2010-2011, frequentava il terzo anno di liceo scientifico al Bonghi di Lucera. E proprio nel 2011 Michele partì per gli USA e frequentò il quarto anno di scuola superiore in una High School della Pennsylvania, dove ebbe il merito di diplomarsi a pieni voti, accarezzando l’idea di continuare gli studi universitari nel sistema americano. Iniziò così a sostenere durissime selezioni nei College americani; il suo obiettivo è stato da sempre studiare medicina. Gli esiti di quelle prove selettive non tardarono e ben presto Michele ricevette una lettera di ammissione alla Saint Louis University che gli offriva una delle tre borse di studio e la possibilità di frequentare il loro college di Madrid con incluso lo studio della lingua spagnola. A Madrid ottenne il massimo dei voti in tutti gli esami, ed ebbe modo di conseguire la certificazione ministeriale per la lingua spagnola (alias DELE) e il certificato di idoneità all’immersione subacquea (alias PADI). Contemporaneamente il giovane ha lavorato come volontario per mesi in un ospedale di Cordoba (Argentina), sognando e sperando di riuscire ad entrare in una delle Università della Ivy League americana, considerate ai primi posti delle classifiche dei migliori college al mondo. Tutte le università della Ivy League sono annoverate in cima alla classifica pubblicata annualmente dal U.S. News & World Report sui college e le università statunitensi e sono: Harvard University, Yale University, University of Pennsylvania, Princeton University, Columbia University, Brown University, Dartmouth College, Cornell University.
Finalmente in un bel giorno di maggio, proprio come accade nei film, il sogno del nostro prodigio si avvera ed un mago, travestito da postino, consegna alla famiglia Dell’Aquila una raccomandata contenente la lettera di ammissione del giovane studente nientemeno che presso la Cornell University.
La soddisfazione è stata immensa ed indescrivibile. Impensabile o difficile a credersi che un giovane italiano (meglio: lucerino!) potesse studiare in un’istituzione scolastica in cui le percentuali di ammissione si aggirano intorno al 10% (le richieste sono state circa 42.000 da tutto il mondo, ma solo 6.000 sono stati gli ammessi).
«Un giorno – raccontano i suoi genitori – tornò da scuola gasatissimo: un ragazzo più grande era appena tornato da un’esperienza scolastica in USA della quale gli avevano chiesto di parlare agli altri studenti del liceo tra cui c’era appunto anche Michele. Da quel giorno cominciò l’opera di convincimento nei confronti di noi genitori: lui aveva già deciso che l’anno successivo lo avrebbe frequentato in America. Cominciò a scaricare da Internet tutto il materiale necessario e ci mise di fronte al fatto compiuto: Michele aveva appena compiuto 15 anni ed era già sicuro di ciò che desiderava per la sua vita. Cominciammo tutto l’iter per organizzare il suo anno scolastico all’estero e a luglio del 2011 Michele partì per gli Usa e frequentò il suo quarto anno di scuola superiore in una High School della Pennsylvania dove, grazie ai suoi brillanti risultati scolastici, gli venne concesso di diplomarsi a pieni voti e, anche dietro consiglio dei suoi docenti statunitensi, cominciò ad accarezzare l’idea di continuare gli studi universitari nel sistema americano. Intanto, anche per non deludere noi, decise comunque di tornare in Italia e terminare il suo iter scolastico presso il Liceo Scientifico Marconi di Foggia. Durante il quinto anno Michele cominciò anche a sostenere le durissime selezioni per i College americani. Obbiettivo: lo studio della medicina».
Noi de “Il Frizzo” – visto che già in passato abbiamo dato notizia delle imprese di Michele – non potevamo non condividere con la famiglia Dell’Aquila la gioia dell’evento e delle propositive prospettive future.
Caro Michele in bocca al lupo per tutto ed un sentito ad maiora!!!

Deborah Testa



Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.