Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
EVENTI
Eventi

Il lungo applauso e le lacrime di Seccia per l'addio a Lucera
In riferimento alla presenza di Seccia a Lucera, Agnusdei ha riconosciuto il privilegio dei «soli, ma intensi tre anni» di lavoro del Procuratore, il quale ha garantito la verifica del tessuto socio-economico del circondario

Lucera, 07.10.2013 - La sala di Corte d’Assise del Palazzo di Giustizia di Lucera ha accolto molta gente questa mattina, tra magistrati, autorità civili ed ecclesiastiche e diversi avvocati, tutti riuniti lì per salutare Domenico Seccia (il cui intervento finale sarà trattato a parte), Procuratore Capo di Lucera, che raggiungerà la Procura di Fermo. Un commiato parallelo alla cessazione della funzionalità della stessa struttura giudiziaria a seguito della stabilita chiusura di essa. È emersa la tristezza tipica di ogni separazione dalle parole dell’avvocato Giuseppe Agnusdei, il quale ha esordito definendo la presente giornata «di festa» e «di tristezza» insieme per la partenza di Seccia (commosso non poco per il lunghissimo applauso tributatogli), che vedrà appunto Fermo come prossima tappa del suo operato. Dal 13 settembre, come l’avv. Agnusdei ha ricordato, è infatti diventata efficace la soppressione del presidio giudiziario che, con un cambio di dicitura, si chiamerà d’ora in poi “articolazione territoriale” del tribunale di Foggia. L’operazione di trasferimento dei fascicoli è stata portata a termine, «tuttavia, gli elementi sufficienti ad evitare la chiusura c’erano». Ne sono convinti in molti ancora. Riguardo alla riforma della geografia giudiziaria, ha rimproverato la mancanza di rettitudine in chi ha ritenuto che tribunali più piccoli di quello di Lucera venissero salvati. «La penalizzazione territoriale di cui siamo vittime non è avvenuta in altre parti d’Italia»: asserzione derivante dalla presa di coscienza della trascuratezza con cui, a livello nazionale, si è agito fin dall’inizio nei confronti di questa regione, contrariamente all’attenzione mostrata per altri tribunali nell’ambito di una scrupolosa rimodulazione territoriale che ha garantito il decongestionamento di qualsiasi tipo di procedimento in corso. «Non meritavamo tale trattamento: lo dimostra la storia di questo tribunale, che ha sempre portato fortuna con le sue grandi figure professionali». In riferimento alla presenza di Seccia a Lucera, Agnusdei ha riconosciuto il privilegio dei «soli, ma intensi tre anni» di lavoro del Procuratore, il quale ha garantito la verifica del tessuto socio-economico del circondario suscitando l’attenzione per le problematiche locali da parte delle autorità nazionali.

Anche per l’avvocato Nicola Marino la legge giudiziaria è stata mal concepita. Inoltre, è stata recentemente costituita, proprio dal ministro Cancellieri, una Commissione di Monitoraggio composta, oltre che dal suo Presidente, da sei magistrati e due rappresentanti, l’uno dell’avvocatura e l’altro dell’ANCI, destinata a raccogliere tutte le prevedibili emergenze scaturite da tale situazione di disagio. Un unico difetto, come evidenziato da Marino: essa è stata formata in base a criteri fiduciari. Può rincuorare, considerata la criticità del momento, che il Presidente della Repubblica, «più sensibile», abbia incaricato il Segretario Generale di intervenire presso il ministro per ottenere i correttivi; ma ciò non basta a giustificare l’inattività della politica in senso più ampio. Si tratta del rischio di cadere nel vortice della retorica celebrativa, usando l’espressione dell’avvocato Guido De Rossi, il quale, servendosi della stessa, ha assicurato, nell’impeccabile “Panegirico del Procuratore Seccia”, che, conoscendolo, ha trovato nella sua persona l’antitesi della retorica e l’espressione della centralità dell’istituzione, manifestatasi nel magnifico rapporto con l’intera classe forense e nelle numerose iniziative finalizzate a ricostituire la coscienza civica.
Marcello Prignano, Presidente Onorario dell’Ordine degli Avvocati di Lucera, ha ringraziato «a nome di tutti gli avvocati anziani» Seccia per aver, comprendendo la realtà lucerina, dimostrato che la presenza del Presidio Giudiziario nella città è necessaria e che è un delitto privare quest’ultima di esso: «Lo dice la storia di questo territorio: Lucera era una delle quattro province questorie romane. È un fatto culturale». Piuttosto frettoloso, invece, l’intervento dell’onorevole Lello Di Gioia: «Fino al 12 settembre abbiamo fatto il possibile. Credo che vi siano le condizioni per un decreto correttivo». Il Sostituto Procuratore di Lucera, Pasquale De Luca, ha messo in luce la professionalità di Seccia nell’essersi sempre fatto carico di ogni responsabilità, «volendo indagare meglio, spietato con tutti», nonostante «l’iniziale diffidenza, l’iniziale difficoltà, incomprensione, perché Domenico Seccia è una persona speciale in tutto». Lo ha confermato Giancarlo Pecoriello, Presidente della Sezione Penale del tribunale di Lucera, e gli ha augurato le migliori soddisfazioni lavorative anche altrove, «perché lo merita: è raro imbattersi in magistrati come lui». Si è dichiarato fortunato Giuseppe Pellegrino, Presidente della Corte d’Appello di Potenza nonché ex Presidente del tribunale di Lucera, a lavorare con il Procuratore «in un’intesa quotidiana favorita dalla sua abilità di comprendere facilmente i problemi».
A chiusura, il lungo, accorato ed energico intervento di Seccia che al prolungato applauso tributatogli non è riuscito a trattenere la commozione fino alle lacrime.

Greta Notarangelo



Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.