Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
EVENTI
Eventi

C’è il Duo Girotto-Biondini alle Cantine d’Araprì
Javier-Girotto al sax; Luciano-Biondini alla fisarmonica. Sabato 11 gennaio 2014, ore 21:30. Cantine d’Araprì, via de Troia, San Severo. Info e prenotazioni: 0882/227643; info@darapri.it

San Severo, 08.01.2014 - Corrientes tres - cuatro - ocho segundo piso, ascensor… è il verso più famoso di A media luz, uno dei grandi tanghi argentini. Certo, l’Argentina di oggi non può esprimersi in tango, desaparecidos, Maradona, come risuona continuamente in un romanzo di Montalbàn: oggi l’Argentina è un Paese moderno che si dibatte tra croce e delizie dell’essere un Paese “occidentale” e, come il resto dei Paesi d’occidente, sempre in equilibrio instabile, ha espresso un Papa fortemente innovativo, ha attraversato problemi politici enormi dai quali si è faticosamente affrancato ma… chi può cancellare la nostalgia? Oggi gli italiani d’Argentina, coloro che, cioè, hanno una qualche discendenza italiana sono circa 25 milioni. Come non provare nostalgia per loro?
Di questa nostalgia, in una chiave moderna, come l’Argentina di oggi, ci suoneranno Javier Girotto, saxofonista e Luciano Biondini, fisarmonicista, l’undici gennaio nella sala AR.CA. delle cantined’Araprì.

Chiunque volesse ridurre il jazz del XXI secolo alla sola musica afroamericana statunitense commette un madornale errore musicologico: così come tutti i Paesi del mondo sono divenuti multietnici, altrettanto il jazz è divenuto musica multiculturale perché nasce come musica interculturale ed è cresciuta attraverso le contaminazioni, no, meglio, attraverso il contributo di ciascun musicista, nessuno escluso: può un processo culturale essere più democratico?

Javier Girotto, argentino di Cordoba, conosce il Jazz a Buenos Aires, lo studia al prestigioso Berklee College of Music di Boston e lo esporta in tutto il mondo. La sua musica, perciò, non puònon avere un forte accento italo-argentino, il ritmo del tango e il linguaggio jazz.
Luciano Biondini nasce a Spoleto, in Umbria: come dire al centro geometrico esatto del jazz in Italia. Come non suonare tutte le musiche del mondo che ti passano davanti anno dopo anno?
Da ricordare che la rassegna Bulle Notes incontra la partnership di Casa Sollievo della Sofferenza, l’ospedale di San Giovanni Rotondo cui la rassegna stessa è dedicata per favorire la raccolta fondi per la ricerca sulle cellule staminali ed ha come sponsor fondanti Michele Sabatino con la sua immancabile degustazione gastronomica e Fornosammarco di Antonio Cera con i suoi premiatissimi prodotti da forno. Aspettatevi una generosa dose di spumanti e vini made in d’Araprì, non foss’altro che per festeggiare l’ennesimo premio ai suoi Riserva Nobilee Dama Forestiera.
L’undici gennaio si chiude la rassegna di quest’anno del Bulles Notes, come ormai gli appassionati chiamano le cantine d’Araprì a San Severo, e noi ne abbiamo già nostalgia.

Il Frizzo



Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.