Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
EVENTI
Eventi

Don Michele Tangi: 50 anni di semplicità
Conformemente alla tradizione che sussiste nel paese di Celle, il 12 agosto 2012 (data dell'ordinazione sacerdotale di don Mike) è stata celebrata, nella chiesa parrocchiale del paese, una Santa Messa solenne in lingua franco-provenzale

Lucera, 14.08.2012 - Si è celebrato, lo scorso 11 Agosto 2012, il 50º anniversario dell’ordinazione sacerdotale di monsignor Michele Tangi, attuale parroco in S. Matteo al Carmine, nella città di Lucera. Alla Santa Messa, celebrata dallo stesso don Michele Tangi, erano presenti numerosi fedeli provenienti non solo da Lucera e dintorni, ma anche «da lontano» – così ha detto il parroco –, a confermare, seppure nella lontananza fisica, che “commutatio loci” e “commutatio animi” continuano a non equivalersi.
Sfogliando l’opuscolo che è stato distribuito nella stessa parrocchia, si ripercorre, con il supporto di foto che ritraggono i momenti salienti della sua vita di sacerdote, l’intero cammino esistenziale di don Michele. Un “cantuccio” nel libretto, ma prima ancora nel cuore, è riservato alle persone più influenti della sua vita: papà Ersòn e mamma Clelia, da lui ricordati affettuosamente anche nei momenti più intensi della funzione liturgica. Ancora, vi sono foto che lo ritraggono in veste di seminarista, diacono, per poi giungere finalmente all’ordinazione sacerdotale, conferitagli dal vescovo di Troia, monsignor Antonio Pirotto, nella chiesa di Celle San Vito. È il 12 agosto1962. Nell’anno 2004 invece gli viene affidato l’alto compito di guidare le anime dei fedeli attraverso l’amministrazione della parrocchia di S. Matteo al Carmine.
A dare voce a queste “tranche de vie” è un pensiero rivolto al passato, in cui monsignor Tangi ringrazia tutto il mondo ed in particolare tutto il paese di Celle, «che mi ha visto crescere e camminare», il paese delle ginestre e del canto dei cardellini, lodato nell’«Inno a Celle» dal fratello Vito.
Conformemente alla tradizione che sussiste nel paese di Celle, il 12 agosto 2012 è stata celebrata, nella chiesa parrocchiale del paese, una Santa Messa solenne in lingua franco-provenzale. “Il Provenzale” è la rivista che testimonia tale tradizione: la sua pubblicazione ha inizio, per opera di monsignor Tangi, nel 1968, a Faeto, dove egli riceve il primo incarico come parroco, amministratore e pastore della comunità franco-provenzale. Proprio l’ultimo numero della rivista ha dedicato un’intera pagina ai suoi cinquant’anni di sacerdozio, delineando le tappe più significative della sua vita: la nomina, nel 1970, a Vice Rettore della Facoltà Teologica del Pontificio Seminario Interregionale di Benevento e Segretario della stessa Facoltà; l’avvio, nel 1977, delle trasmissioni via etere di Radiocattolica e, l’anno seguente, quello delle emissioni con le frequenze televisive di Telecattolica; la nomina, nel 2006, a Cappellano Pontificio con il titolo di “Monsignore”.
Quella di monsignor Michele Tangi è stata dunque una vita dominata dalla semplicità e dalla generosità verso il prossimo, nello sforzo costante di seguire soltanto ciò che avrebbe potuto rendere l’altro felice, a testimonianza di come la forza interiore più che i grandi mezzi può fare l’uomo grande.

Greta Notarangelo



Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.