Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
EVENTI
Eventi

Riqualificazione o deturpazione? Ai posteri l'ardua sentenza
Comunicato del movimento “Riscrivere la storia in dissesto - Il castello di Lucera”

Lucera, 02.09.2011 - «Si sono appropriati indebitamente del “puer apuliae” per utilizzarlo come specchietto per le allodole. Povero Federico!». Raffaele Licinio, ordinario di storia medievale presso l’Università degli Studi di Bari, diventa parte integrante del fronte di protesta contro il progetto di riqualificazione della fortezza svevo-angioina intitolato “Terre e torri del puer apuliae”.
Domenica 28 agosto, presso il teatro parrocchiale di Santa Maria delle Grazie, dopo un incontro informale, organizzato da un gruppo di giovani cittadini, «mossi solo dalle loro coscienze», come sottolinea uno di loro, è nato “Riscrivere la storia in dissesto – Il castello di Lucera”.
Un movimento che si pone l’obiettivo di informare la cittadinanza sul progetto di riqualificazione che prenderà il via il 6 settembre, ma che, allo stesso tempo, fornisce delle proposte alternative per la riqualificazione e fruizione del monumento.
La fortezza svevo-angioina si trova in condizioni strutturali precarie. La cinta muraria, a partire dal versante sud, palesa evidenti crepe, lo stesso vale per le torri quadrangolari mediane.
Secondo il movimento, anziché provvedere alle urgenze, il Comune accelera sull’edificazione dei casoni angioini nella parte interna della cinta muraria, come si evince dalla nota del dott. Capobianco dell’8 agosto 2011.
Al di sopra dei reperti archeologici dovrebbero sorgere i casoni angioini in legno e ferro, indefinitamente simili a quelli dell’epoca, atti a contenere i mosaici di epoca paleocristiana della chiesa A di San Giusto. Tale è la prima fase del progetto “Terre e torri del puer apuliae”.
Il movimento cerca di porre l’accento sulla totale mancanza di pertinenza storico-filologica del sopracitato progetto che, in luogo di valorizzare il complesso della fortezza e i mosaici di San Giusto, si risolve in una deturpazione di un fiorente sito archeologico che, certamente, ha ancora da donare svariati reperti.
“Riscrivere la storia in dissesto – il castello di Lucera”, per illustrare i dettagli del suo punto di vista propone una pubblica conferenza in piazza duomo domenica 4 settembre 2011 alle ore 20:00.
I giovani lucerini si stanno mobilitando affinché non venga arrecato un ulteriore danno al nostro patrimonio culturale: non lasciamo affievolire questa luce di speranza.

“Riscrivere la storia in dissesto
Il castello di Lucera”



Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.