Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
EVENTI
Eventi

Giornalista e saggista, Gigi Di Fiore a Lucera racconta 150 anni di unità “al contrario”
L’evento il 9 dicembre 2011 alle 18:30 presso l’Hotel Villa Imperiale. Il suo “Controstoria dell’unità d’Italia” è stato adottato nell’anno accademico 2011-2012 come testo di riferimento sul tema della revisione del Risorgimento nel corso di storia e pensiero politico italiano all’Università per stranieri di Perugia”

Lucera, 04.12.2011 - “Quando i posteri esamineranno gli atti del governo e del Parlamento italiano durante il risorgimento, vi troveranno cose da cloaca. Povera Nizza! Io feci male a non parlare chiaramente, a non protestare con energia, a non dire là in Parlamento, a Cavour, che era una canaglia, e a quei che ne volevano votare la rinunzia che erano tanti vili”. Sono le parole di Giuseppe Garibaldi che il giornalista Gigi Di Fiore (leggi la biografia) ha documentato in un libro che ha riscosso un grande successo, “Controstoria dell’unità d’Italia – Fatti e misfatti del risorgimento”, edito da Rizzoli nel 2007, mentre la nazione “unita” si preparava con largo anticipo a festeggiare nell’anno che oramai volge al termine una unificazione in fondo mai avvenuta.
La redazione de “Il Frizzo” ha organizzato, per venerdì 9 dicembre 2011 alle ore 18:30, presso l’Hotel Villa Imperiale (al quale va il più sentito ringraziamento per la disponibilità della location) un incontro-dibattito con l’autore di importanti ricerche e scritti sulla camorra e sul risorgimento: l’ultimo suo lavoro editoriale è intitolato “Gli ultimi giorni di Gaeta”, città palcoscenico tristemente nota per l’epilogo finale di una guerra che avrebbe dovuto portare alla “unificazione” ma che ha contato, purtroppo, la distruzione atroce di tante vite umane.
Gigi Di Fiore racconta non una storia “contro” l’Italia, ma una “controstoria”, un revisionismo del risorgimento – “…fondamentale alla comprensione delle divisioni e dei problemi nell’Italia attuale di cui quegli anni sono stati naturale e diretto presupposto” (Wikipedia) – attraverso un’attività di ricerca dettagliata e documentale, portando alla luce atti e fonti storiche che negli ultimi 150 anni non hanno mai raggiunto la conoscenza e l’interesse pubblici.
«Per quest'attività di storico, ha ricevuto riconoscimenti pubblici ed ha partecipato a inchieste-dossier televisive sul brigantaggio anche dopo la pubblicazione di alcuni dei suoi saggi, come
I vinti del Risorgimento per la Utet di Torino, o Controstoria dell'unità d'Italia per la Rizzoli. Nell’ottobre del 2008, invitato dall'Università di Torino, ha partecipato alla quarta edizione del Festivalstoria per parlare del brigantaggio post-unitario. L’invito gli è stato rinnovato anche per la sesta edizione del Festivalstoria, che si è tenuto nell’ottobre del 2010, dove è stato al centro di un “processo” storico-culturale da parte di gruppi di docenti e studenti per la rilettura del processo unitario contenuta nel suo saggio “Controstoria dell’unità d’Italia - Fatti e misfatti del Risorgimento”. La sentenza è stata a favore del suo lavoro di ricerca storica in controtendenza. A dicembre del 2009, ha aperto il XII ciclo di studi dell’Accademia nazionale della politica a Palermo, che aveva come tema “Lo Stato, la Chiesa, l’unità d’Italia e la questione meridionale”, con una conferenza sul brigantaggio post-unitario. Alla stessa Accademia della politica ha poi tenuto un seminario sui 150 anni di unità d’Italia nell’aprile del 2011. Relatore a diversi convegni e manifestazioni culturali in più regioni d'Italia, ha tenuto seminari sulla camorra a Milano per il Dap (Dipartimento amministrazione penitenziaria) della Lombardia, alla facoltà di giurisprudenza dell’Università di Bologna, all’Università di Napoli, in diverse scuole superiori per conto di Libera, o su invito degli stessi istituti scolastici. Il 25 giugno 2011 ha partecipato a Lamezia Terme come autore e relatore alla prima edizione di “Trame - festival dei libri sulle mafie”, insieme con decine di altri scrittori, giornalisti e studiosi impegnati nelle battaglie per la legalità. Il 3 settembre successivo ha invece presentato il suo libro “Controstoria dell’unità d’Italia” alla 44esima edizione del Festival delle Nazioni di Città di Castello, dedicata ai 150 anni dell’unità d’Italia. Proprio “Controstoria dell’unità d’Italia” è stato adottato nell’anno accademico 2011-2012 come testo di riferimento sul tema della revisione del Risorgimento nel corso di storia e pensiero politico italiano all’Università per stranieri di Perugia». (Fonte: Wikipedia)

Il Frizzo



Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.