Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
EVENTI
Eventi

Gli auguri del bel canto della Corale S. Cecilia dopo il tradizionale Concerto di Natale
…un invito a partecipare personalmente alla realizzazione della pace nel mondo

Lucera, 31.12.2011 - Una grande emozione serpeggiava fra il numerosissimo pubblico presente nella trecentesca chiesa di San Francesco in Lucera la sera del 26 dicembre quando, in un’atmosfera semibuia “da presepe”, sono comparsi in fondo alla navata i bambini delle “Voci Bianche”, che, recando in mano una piccola luce, processionalmente andavano incontro ai cantori del Primo Coro schierato sui gradini dell’abside cantando con essi in concorde armonia l’Adeste fideles.
E la serata è trascorsa in un clima di partecipata gioia con un crescendo di entusiasmo che ha accomunato tutti attraverso il canto corale: brani di varia natura e di diversa origine, fusi in un percorso guidato che sollecitava i presenti a mettersi in ascolto del messaggio proveniente dalla Grotta di Betlemme, per poi passare in un momento di successiva riflessione personale all’apprendimento dello stesso ed infine alla sua diffusione attraverso le semplici e ripetute azioni della vita quotidiana.
Ecco il repertorio molto ricco, musicalmente prezioso e localmente impegnativo.
Voci Bianche: due canti natalizi popolari spagnoli (Zagalillos del Valle venid e Tutaina).
Primo Coro: Ave maris stella (di C. Franco), Resonet in laudibus (di A. Schubiger), Ev’ry time I feel the Spirit (spiritual), Soon and very soon (spiritual), All things bright and beautiful (di J. Rutter), Gerusalem!… (da I Lombardi alla prima Crociata di G. Verdi), Ave Maria (di Gounod), Let us go in the house of Lord (spiritual), I love the Lord (di Smallwood), Confirma hoc Deus (di A. Salieri).
Cori uniti: carrellata di canti natalizi.
Lungo l’intera serata, attraverso il canto, pian piano ma con molta chiarezza abbiamo scoperto che noi del “vecchio mondo”, così presuntuosi nel nostro convincimento di essere “i grandi della storia” ma tanto rovinosamente precipitati in basso nel campo dei valori morali, dobbiamo lasciarci guidare dallo spirito dei nostri fratelli negri i quali, pur nella sofferenza più dura delle deportazioni e dello sfruttamento nelle piantagioni dell’uomo bianco, si son lasciati guidare dalla luce della Grotta di Betlemme che brillava in fondo al tunnel: insomma, una vera inversione di direzione nel campo missionario. Illuminanti in questa ricerca anche i testi degli altri canti che insistentemente invitano l’uomo a mettere Cristo al centro della propria vita.
Con questo concerto si chiude l’anno sociale della nostra Corale, attiva sul territorio fin dal 1942, che conta oltre cento soci di età compresa tra i sette e gli ottanta anni, che opera nel campo del “volontariato musicale” e si prefigge il compito della formazione artistico-professionale, sociale e civile attraverso il bel canto.
Auguri di pace vera a tutti.

Giada Cimino



Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.