‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra

Massimo Lucianetti lascia Lucera. Nominato Procuratore Generale della Corte d'Appello di Potenza
Paolo Campo, segretario provinciale del PD, in una nota stampa: «Traguardo professionale importante, ma la Capitanata perde un civil servant di raro pregio»

Lucera, 23.12.2009 - Massimo Lucianetti, 64 anni, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Lucera dal 2004 al 2009, lascia il centro federiciano e torna in Basilicata dopo diversi anni (dal 1994 al 2004 fu procuratore capo di Melfi), ma questa volta come Procuratore Generale della Corte di Appello di Potenza. Insieme a D’Amelio, suo amico e collega scomparso nel 1995 per un infarto, coordinò le indagini sulla tangentopoli foggiana (nel capoluogo di Capitanata ha operato dal 1979 al 1994) nei primi anni ’90. Lucera ora attende la nomina del nuovo Procuratore che avverrà, come di rito, attraverso un bando di concorso.
Non ha mai fatto mistero, Massimo Lucianetti, di amare Lucera soprattutto per quel suo insostituibile scrigno di storia e di cultura.

«Il compiacimento per la nomina a Procuratore Generale presso il Tribunale di Potenza del dott. Massimo Lucianetti non può celare la constatazione che la comunità di Capitanata è privata di un civil servant di raro pregio, il quale ha operato, con misura istituzionale e riservatezza personale, unicamente per garantire la reale ed effettiva uguaglianza di ogni cittadino, potente o meno che sia, di fronte alla legge». È il commento, in una nota stampa giunta in redazione, del segretario provinciale del Partito Democratico Paolo Campo, alla notizia del prestigioso incarico assegnato al magistrato foggiano.

«È l’ulteriore dimostrazione – ha aggiunto –, se mai ve ne fosse ancora bisogno, delle qualità professionali e delle doti umane espresse da Massimo Lucianetti nella sua lunga carriera e di cui i cittadini del distretto giudiziario potentino non potranno che giovarsi.
A noi saranno sempre di ausilio l’autorevole e arguto punto di vista sul delicato tema dei rapporti tra le istituzioni dello Stato – conclude Paolo Campo – al pari della fermezza dimostrata nell’affrontare le inchieste che hanno disvelato il contagio mafioso da cui è affetto il nostro corpo comunitario».

Roberto Notarangelo

Scrivete a info@ilfrizzo.it



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.