Lucera in cartolina



Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
PSICOLOGIA
Psicologia
Alfred Adler e i fiori del male
di Ambrogio Giordano

Se riflettiamo oggi le parole vengono usate per descrivere una realtà che non esiste, una rappresentazione di sé e degli altri totalmente inesatta nonché palesemente falsa

Foggia, 03.08.2021 - Prima di scrivere questa breve nota ho cercato una immagine iconica che rappresentasse simbolicamente il senso comune a tutte le componenti di questo mio scritto.
La rosa ha rappresentato nei secoli il fiore vessillo del bene e del male, ed il suo accostamento con la croce racchiude il senso che ha essa nel complesso e vasto universo della cristianità e della sua influenza sociale evolutasi nei secoli.
Sono immagini dei fatti contrastanti quelle che vorrei imbrigliare nei contenuti semantici comuni dello scritto partendo dai temi affrontati da Baudelaire nella sua opera “I fiori del male”, gli stessi che sono alla base del paradossale conflitto dell’individuo di oggi rispetto alla realtà che lo circonda. Necessita un modello interpretativo che sia una chiave di lettura epistemologica all’agire umano, che interpreti i paradossi e spieghi che il mondo funziona solo per forme logiche.
Alfred Adler nella teoresi della psicologia individuale comparata, pone in evidenza che l’individualità soggettiva rappresenta una monade indivisibile che correla gli specifici ed unici aspetti somatici, psichici e sociali del soggetto, il tutto orientato ad un modello interpretativo che vede nella comparazione con l’altro da sé, il delinearsi della dimensione socio-culturale dell’uomo in quanto soggetto attivo che interagisce con gli altri e con l’ambiente che lo circonda.
Le radici filosofiche della psicologia individuale adleriana attingono a Leibnitz per il concetto monadico di spirito e di individualità indivisibile, passando per Kant, per il modello pragmatico antropologico della conoscenza umana e del suo concetto di comportamento etico-pratico.
Ma Adler attinge dall’evoluzionismo di Darwin e dalla volontà di potenza di Nietzsche, arrivando all’approccio analitico della struttura della filosofia della scienza di Karl Popper.
La chiave di lettura della psicologia individuale comparata si evolve e struttura nella metapsicologia adleriana, all’interno della quale la vita psichica dell’uomo è scandita da eventi rispondenti a veri e propri assiomi che conducono ad un processo evolutivo di perenne ricerca del senso dell’individuo, la cui unità è comunque sempre caratterizzata dai tre aspetti inscindibili: biologico, psicologico e sociale.
Tale modello interpretativo sfocia nella ricerca e comprensione dell’altro da sé, trasformandosi in una psicologia del sé in relazione con l’altro da sé.
Nella psicologia individuale l’inconscio viene presentato con i suoi meccanismi capaci di includere anche la concezione simbolica e pertanto esso assurge a ruolo di piano oscuro di ciò che noi non conosciamo di noi stessi.
Conscio ed inconscio non rappresentano più elementi psichici antagonisti dell’individuo.
Ed è proprio la non conoscenza del nostro profondo che determina “lo stile di vita” perpetuato inconsciamente. In contrapposizione il conscio deriva da una elaborazione intrapsichica delle interrelazioni sociali, che hanno modificato il modello paradigmatico di fondo esistente nell’individuo, generando così un artefatto della mente socialmente mediato tra natura e cultura.
Gli individui che in età infantile hanno avuto deficit esperienziali inerenti il corretto evolversi dei processi psico-sociale, senza una equilibrato connubio tra sentimento di appartenenza sociale e la paradigmatica tendenza alla supremazia, saranno soggetti alle problematiche inerenti veri e propri disturbi comportamentali, giungendo fino alla crisi di autostima, per la quale pur di sostenere l’immagine idealizzata del sé, l’individuo dovrà generare comportamenti, azioni ed affermazioni compensativi, anche se falsi, pur di sminuire o negare la realtà e conseguentemente l’insopportabile  senso della  sconfitta.
Questa è una possibile chiave di lettura dell’approccio dell’individuo all’agire sociale, in condizioni di anomia sociale i cui effetti sono una sintesi dei temi affrontati dall’autore ne “I fiori del male”.
La chiave interpretativa dell’uomo adleriano, differenziato ma inscindibile, conclude che sussiste una rete intrapsichica, la cui dinamica evolutiva è sottesa al controllo ed alla crescita dei tre compiti esistenziali dell’individuo: amore, lavoro e società.
Tutti coloro che nella loro infanzia non hanno interiorizzato attraverso l’interazione sociale una soluzione alle proprie esperienze e sensazioni di inadeguatezza, relazionate all’inconscia volontà di potenza, si sentiranno sicuramente inadeguati ad adempiere con successo ai propri compiti esistenziali sul palcoscenico mutevole che è la realtà, la quale rappresenta la vita.
Ne deriverà che il malessere del vivere comporterà la deriva inconscia di una “sensazione triste e cupa di paura del fallimento”, che inciderà con deficit negativi nei confronti del sé ideale, che richiede in via assiomatica il successo come fine ultimo.
Qual è il risultato? I soggetti produrranno una soluzione all’angoscia del vivere, mascherando o negando le evidenti sconfitte, cercando di modificare con parole vuote e false una realtà evidente e ciò con una reazione paradossale, la cui intensità grottescamente simulatrice e fantasiosa, sarà correlata alla volontà fobica di allontanare il dolore e l’umiliazione della sconfitta.
Se riflettiamo oggi le parole vengono usate per descrivere una realtà che non esiste, una rappresentazione di sé e degli altri totalmente inesatta nonché palesemente falsa.
 Ciò apre le porte al dolore del vivere, il cui alito triste e disperato è provocato dalle spine della rosa che meglio rappresenta tutti i fiori del bene e del male nella dicotomica danza che è il divenire della vita.

Ambrogio Giordano

Ambrogio Giordano, nato a Foggia il 5/9/1961, è attualmente Dirigente Tecnico presso AMIU Puglia Spa. È laureato in Ingegneria Civile ed Ambientale, Sociologia, Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale ed ha anche conseguito un Master universitario di II Livello in Scienze Criminologiche.
Da anni si occupa di problemi inerenti l’ambiente, modelli matematici e temi sociali collegati al mondo del lavoro ed ai fenomeni di devianza sociale, collaborando con numerose Organizzazioni, Enti ed Associazioni con finalità sociali e culturali. Attualmente è presidente del comitato tecnico scientifico dell’Associazione Rinascita e Rose. Ha collaborato alla stesura di numerosi testi organizzando e presiedendo convegni inerenti tematiche legate alla filosofia, alla logica matematica e tematiche socio-economiche. Tra i suoi interessi: la filosofia, la logica e le scienze sociali. Molti dei suoi scritti sono rintracciabili su numerosi blog e sui social network.


SATYRICON

Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento
Il sommelier

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.