‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
Luoghi da visitare
| Vai all'argomento principale | Vai all'indice |

Giornate Europee del Patrimonio
Passeggiando fra le terme della villa romana di Faragola ad Ascoli Satriano

Ascoli Satriano, 22.09.2005 - Nel quadro delle “Giornate Europee del Patrimonio” promosse dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali sabato 24 e domenica 25 settembre pp.vv., l’Università di Foggia (Dipartimento di Scienze Umane e Facoltà di Lettere - Corso di Laurea in Beni Culturali) e il Comune di Ascoli Satriano, hanno organizzato una serie di visite guidate agli scavi della villa romana e tardoantica di Faragola (ore 10:00-13:00) curate dagli archeologi dell’équipe di scavo e un “Laboratorio di mosaico” riservato agli studenti delle scuole elementari e medie di Ascoli Satriano presso il Parco Archeologico dei Dauni “P. Rosario” a cura della restauratrice Oriana Casparrini. Nel corso di questa attività verranno riprodotti particolari dei mosaici delle terme della villa di Faragola.

Scheda sulla Villa di Faragola
Lì dove nel V e ancora agli inizi del VI secolo si pranzava sdraiati sul lussuoso stibadium o si faceva un bagno nelle terme, nel VII e VIII secolo si viveva in povere capanne di legno, con pavimenti di terra battuta e semplici focolari, seppellendo i propri cari accanto alle case

Dal 2001 è in corso lo scavo della villa tardoantica di Faragola, nei pressi di Ascoli Satriano (l’antica Ausculum), diretto da Giuliano Volpe con la collaborazione di Maria Turchiano e Giuliano De Felice (Università di Foggia).
L’area di Faragola ebbe un’occupazione lunga più di un millennio: in questo sito rurale infatti sono presenti i resti di un abitato di età daunia (IV-III a.C.), di una fattoria di età romana (I a.C.-III d.C.), di una grande villa tardoantica (IV-VI d.C.) e infine di un villaggio di età altomedievale (VII-VIII d.C.).
È però la residenza aristocratica di età tardoantica, sicuramente appartenuta ad una ricca famiglia senatoria (forse gli Scipioni Orfiti, come sembrerebbe documentare un’iscrizione), a costituire l’elemento di maggior rilievo. Della grande villa, sicuramente molto estesa, si è finora indagata solo una limitata porzione (ca. 1.200 mq), corrispondente in particolare alle terme e ad una lussuosa sala da pranzo, cioè a due degli elementi più caratteristici delle dimore aristocratiche. È ben nota, infatti, l’importanza attribuita dai ricchi signori di età tardoantica sia alla cura del corpo sia ai riti del convivio.
Le grandi terme comprendono un ampio salone interamente pavimentato con un mosaico policromo a decorazione geometrica (fine IV-iniziV secolo d.C.), probabilmente utilizzato per gli esercizi ginnici, per i massaggi, la depilazione e altre pratiche termali, le sale fredde (frigidarium), tiepide (tepidarium) e calde (caldarium), oltre a vasche per i bagni caldi, tiepidi e freddi, una delle quali interamente rivestita di marmi pregiati. Nei pavimenti marmorei furono utilizzate anche alcune iscrizioni reimpiegate, tra cui un’importante epigrafe del III secolo, relativa ad un personaggio di rilievo della gens Graecidia, nella quale è riportato tutto il suo prestigioso cursus honorum.
Proviamo a immaginare alcuni momenti di un’ideale giornata in questa villa: dopo i bagni e le conversazioni nelle terme, e magari una passeggiata in giardino, il proprietario (dominus) e i suoi ospiti, all’ora del banchetto serale, potevano recarsi nella lussuosa sala da pranzo (cenatio) decorata da pavimenti di marmo policromo e da pregevoli tappeti in opus sectile con elementi di pasta vitrea, di marmo, di osso e di legno; qui l’elemento di maggior spicco era un esclusivo e rarissimo stibadium in muratura, dotato di una fontana con acqua corrente e abbellito sulla fronte con rivestimenti in opus sectile, mosaici rivestiti da lamine d’oro e rilievi con la raffigurazione di una menade danzante. Il dominus prendeva posto sul lato sinistro e gli ospiti si accomodavano al suo fianco a seconda della loro importanza. La sala era dotata di un altro effetto speciale: il pavimento della parte centrale dell’ambiente, dove erano collocati i coloratissimi tappeti in opus sectile, veniva infatti coperta da uno strato di acqua, in modo sia da rinfrescare l’ambiente sia da ravvivare i colori dei marmi e delle paste vitree di pavimenti. Gli stibadia erano normalmente in legno, rivestiti da cuscini e materassi, mentre molto rari erano gli stibadia in muratura, in particolare quelli collegati a fontane: quello di Faragola, che si aggiunge ai due noti a Roma e nella villa romana di El Ruedo in Spagna, è sicuramente l’esemplare finora noto meglio conservato e più lussuoso. Nato come struttura per il banchetto all’aperto in campagna (una specie di pic-nic), lo stibadium finì per sostituire il triclinio, diventando la sistemazione preferita per i banchetti aristocratici in età tardoantica, nei quali si cercava una maggiore intimità con pochi e selezionati commensali (cinque o al massimo sette), tanto da essere spesso presente nelle raffigurazioni del banchetto per eccellenza, e cioè l’ultima cena, come mostra ad esempio un famoso mosaico della chiesa di Sant’Apollinare Nuovo a Ravenna.
Dopo l’abbandono nel tardo VI secolo, le strutture della villa furono in parte occupate da un villaggio di età altomedievale, di cui si sono finora rinvenute alcune capanne e sepolture, oltre a strutture artigianali per la lavorazione di metalli. È impressionante come nell’arco di un secolo circa, nella stessa località, le condizioni di vita si siano modificate così radicalmente: lì dove nel V e ancora agli inizi del VI secolo si pranzava sdraiati sul lussuoso stibadium o si faceva un bagno nelle terme, nel VII e VIII secolo si viveva in povere capanne di legno, con pavimenti di terra battuta e semplici focolari, seppellendo i propri cari accanto alle case, in condizioni che ricordano quasi l’epoca protostorica.
Per saperne di più sugli scavi, leggi anche l'articolo correlato facendo clic qui.

Prof. Giuliano Volpe
Professore ordinario di archeologia tardoantica
Dipartimento di Scienze umane.
Territorio, beni culturali, civiltà letterarie, formazione
Università di Foggia - Via Arpi 155 - 71100 Foggia
Presidente del Corso di Laurea in Beni Culturali
Piazza R. Bonghi, 38 (c/o Convitto Nazionale R. Bonghi)
71036 Lucera (FG)



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Oggetti smarriti
Newsletter
F.A.Q.