‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
Luoghi da visitare
| Vai all'argomento principale | Vai all'indice |

Eolie, l’arcipelago degli dei
Un set cinematografico tra i più utilizzati. Da “Vulcano” con Anna Magnani a “Stromboli”, che vide l’avvio della romantica storia d’amore tra Roberto Rossellini e Ingrid Bergman, fino ai più recenti “Il Postino” di Massimo Troisi e “Caro diario” di Nanni Moretti

Varese, 04.07.2006 - Se il Monte Olimpo era la dimora ufficiale e loro sede legale, le Eolie possono considerarsi la sede operativa degli dei, la loro residenza estiva, la principale filiale divina nel Mar Mediterraneo. Il crocevia di venti e correnti fu affidato da Zeus ad Eolo, figlio di Poseidone dio del mare, eletto in tal modo dio dei venti, col compito non facile di controllarli e dirigerli.
Eolo li custodisce in un otre all’interno di alcune caverne dell’isola di Lipari, su cui aveva stabilito la sua reggia. Austro (vento del sud, caldo e apportatore di pioggia), Borea (il più violento, che arriva dal nord ed è conosciuto come Tramontana), Euro (vento dell’est, tempestoso e asciutto, portatore del bel tempo) e Zefiro (dolce e benefico, dall’ovest annuncia la primavera), sono i quattro venti principali a cui se ne aggiungeranno altri quattro (Maestrale NO, Bora NE, Libeccio SO e Scirocco SE) per completare il celeberrimo insieme della “Rosa dei Venti”, che ogni navigatore conosce e imprime sullo sfondo di ciascuna delle sue preziosissime bussole.
Le isole abitate sono sette. Sette gioielli di un’affascinante corona a nord-est della Sicilia, a cui vanno annessi i tre grani degli isolotti non abitati. Lipari, Vulcano, Salina, Panarea, Alicudi, Filicudi e Stromboli sono la declinazione di un rosario fatto di suggestione, storia, mitologia, colori, emozioni e aromi di un’intensità senza eguali.
Nate letteralmente dal mare, data la loro origine vulcanica, le Eolie sono creature antiche. Settemila o settecentomila anni di storia, nelle loro testimonianze geologiche, ancora non bastano a fissare un’evoluzione in continuo fermento, rinnovata e modificata da un’attività del sottosuolo mai sopita e sempre foriera di improvvise e ulteriori manifestazioni vulcaniche.
Il modo migliore per visitarle e viverle in tutti i variegati aspetti è quello di affidarsi ai locali uomini di mare, che con le loro barche a motore diventano le guide più esperte e i ciceroni più quotati nella scoperta di anfratti nascosti e di calette limpidissime, paradisi naturali disseminati lungo le coste di queste isole così affascinanti.
Le sabbie nere e le “fumarole” (esalazioni ad alta temperatura di vapore acqueo, zolfo e anidride carbonica che si sprigionano dal cratere e dalle fessure del terreno) di Vulcano. I capperi e la malvasia (il dolcissimo vino ambrato detto “il nettare degli dei”) di Salina. Il museo archeologico e le cave di pietra pomice di Lipari. L’essenzialità e la calma assordante di Alicudi e Filicudi. La mondanità di Panarea. I lapilli e le cicliche eruzioni di Stromboli. Sono solo alcune cartoline da un arcipelago da favola, i cui contrasti selvaggi hanno a lungo ispirato scrittori come Dumas e Guy de Maupassant.
Un set cinematografico tra i più utilizzati. Da “Vulcano” con Anna Magnani a “Stromboli”, che vide l’avvio della romantica storia d’amore tra Roberto Rossellini e Ingrid Bergman, fino ai più recenti “Il Postino” di Massimo Troisi e “Caro diario” di Nanni Moretti. È stato un susseguirsi di magiche occasioni, per richiamare su queste isole turisti provenienti da tutto il mondo.
E in tale paradiso di contrasti, tipico della più autentica macchia mediterranea,  la cucina eoliana si esalta con l’uso sapiente delle sue erbe odorose. Rosmarino, origano, basilico, aglio, menta e naturalmente il cappero, riempiono i piatti di una fragranza irripetibile. Protagonista di ogni tavola è il pesce, semplicemente arrostito e condito con un filo d’olio e un goccio di limone o farcito con pomodorino rigorosamente “a pennula”, basilico, aglio, capperi e mollica. Comprimari i totani e le aragoste. Gran finali con dolci di mandorle, con uva passa e vino cotto o biscottini al sesamo.
Tappe assolutamente da non mancare, per gratificare il palato e riconciliarsi con ogni divinità, il ristorante “da Filippino” a Lipari e “Il diavolo dei polli” in contrada Piano a Vulcano.

Antonio V. Gelormini



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Oggetti smarriti
Newsletter
F.A.Q.