Lucera in cartolina


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
 

Indice Fedro Argomento principale Fedro

La Volpe e la Cicogna
da Le Favole di La Fontaine
(15.01.2006)

Monna Volpe un bel dì fece lo spicco / E invitò la Cicogna a desinare. / Il pranzo fu modesto e poco ricco, / Anzi, quasi non c'era da mangiare. / Tutto il servizio in ultimo costrutto / Si ridusse a una broda trasparente / Servita in un piattello. Or capirete, / Se in grazia di quel becco che sapete, / La Cicogna potè mangiar niente. / Ma la volpe in un amen spazzò tutto.

Per trar vendetta dell'inganno, anch'essa / La Cicogna invitò la furba amica, / Che non stette con Lei sui complimenti. / La Volpe, a cui non manca l'appetito / Andò pronta all'invito. / Vide e lodò il pranzetto preparato, / Tagliato a pezzi in una salsa spessa, / Che mandava un odore delicato. / Ma il pranzo fu servito per dispetto / In fondo a un vaso a collo lungo e stretto / Ben vi attingea col becco la Cicogna / Per entro la fessura, / Ma non così Madonna Gabbamondo, / Per via del muso tondo e non ridotto / Dell'anfora alla piccola misura.

A pancia vuota e piena di vergogna, / Se ne partì quell'animale ghiotto / Mogio mogio, la coda fra le gambe, / Come una vecchia volpe malandrina / Che si senta rapir da una gallina.

Morale
Vuol dimostrare questa favoletta
Che chi la fa l'aspetta.

Dite le vostra sull'argomento

Il Frizzo è su Facebook

 


Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Per la pubblicità
in questo spazio
scrivi alla redazione
il sommelier

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Oggetti smarriti
Newsletter
F.A.Q.