‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
Mostra antologica di Alfredo Russo
| Vai all'argomento principale | Vai all'indice |

Le opere del pittore lucerino in mostra dal 9 al 15 aprile

LUCERA (07 aprile 2004) - Chi non conosce Alfredo Russo e si avvicina ai primi dialoghi con l'uomo e l'artista potrebbe ricevere l'impressione (sbagliata) che si tratti di una personalità intoversa ma, poi, basta approfondire le sue conoscenze, il suo modo di interpretare le forme ed i contenuti nelle proprie opere, per capire che non c'é nulla di "definibile" nel reale e che il mondo interiore non differisce poi molto da quello che circonda l'uomo, poiché ognuno di noi, in fondo, si rifugia quotidianamente in un mondo onirico dieversificato ma che, alla fine, ci accomuna rendendoci omogenei nella stessa eterogeneità esternandone le componenti. Nelle opere di Russo, inoltre, risulta chiaro che il pensiero fa continuamente interagire forme riscontrabili nella realtà con atmosfere immaginifiche.
Alfredo Russo (Lucera, 21 gennaio 1947). Pittore figurativo che predilige la tecnica dell'olio, espone le proprie opere in una "Mostra Antologica" presso lo "Spazio Mostre" di piazza Nocelli a Lucera, dal 9 al 15 aprile 2004. Di tutto rispetto il suo curriculum. Ricordiamo, tra l'altro, che la sua firma è presente nel Dizionario Enciclopedico Internazionale d'Arte Moderna e Contemporanea (Edizione 2003/2004 - Casa Editrice Alba - Ferrara) con quotazioni che oscillano da 2mila a 8mila e cinquecento Euro. Sul suo operato artistico-pittorico si sono espressi diversi critici, tra cui Fiorella Ricci, William Kimberly, Werner, Bruna Filippone, Amerigo Roberti e Salvatore Perdicaro. Il giudizio della critica, riportato sul Dizionario su citato, ed espresso da Salvatore Perdicaro, così riassume l'opera di Alfredo Russo: «Pone sempre l'uomo al centro dei propri interessi estetici. Anche nelle opere qui pubblicate è evidente che le sue scelte espressive si fondano su una ricerca psicologica di forte contenuto, con intuizioni rappresentative, soprattutto per quanto attiene alle soluzioni cromatiche, pienamente aderenti al dramma interiore dei personaggi, al rilievo ambientale, alla metaforica ricerca di un'identità che prende consapevolezza nei contrastati momenti esistenziali. Uno stile, il suo, che rimane coerente alle intenzionalità estetiche, qualunque sia la funzione e la derivazione dei soggetti, perché sa accordare le proiezioni della fantasia alla definizione formale, in suggestivi, surrealistici accenti».

La redazione

 



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Oggetti smarriti
Newsletter
F.A.Q.