Lucera in cartolina



Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
TEATRO
Teatro
I Capuleti e i Montecchi il 13 e 14 a Foggia e Lucera
“I Capuleti e i Montecchi” dell’Accademia Lirica Umberto Giordano per il terzo appuntamento della terza stagione “Invito all’Opera” al teatro Umberto Giordano di Foggia e al teatro Garibaldi di Lucera

Foggia-Lucera, 09.04.2018 - Venerdì 13 aprile presso il teatro Umberto Giordano, con I CAPULETI E I MONTECCHI parte la terza produzione dell’Accademia Lirica Umberto Giordano per la III Stagione 2018 INVITO ALL’OPERA degli Amici della Lirica “Città di Umberto Giordano” con replica presso il teatro Garibaldi di Lucera sabato 14 aprile, patrocinati da: Regione Puglia, Comune di Foggia e Comune di Lucera.
“I Capuleti e i Montecchi” è un'opera in due atti con musica di Vincenzo Bellini su libretto di Felice Romani, rappresentata in prima assoluta al Teatro La Fenice di Venezia, l’11 marzo 1830 con successo.
Il libretto costituisce un adattamento di un precedente melodramma di Romani, già messo in musica da Nicola Vaccaj. Esso si basa su un’ampia tradizione letteraria italiana (tra cui la novella IX di Matteo Bandello del 1554) dedicata alla celebre coppia di innamorati veronesi, e non, come talvolta si legge, sulla tragedia Romeo e Giulietta di William Shakespeare, all’epoca pressoché sconosciuta in Italia. L’opera fu composta in poco più di un mese, tra la fine di gennaio ed i primi di marzo, tanto che Bellini dovette attingere a piene mani a motivi della Zaira, l’opera composta l’anno precedente e andata incontro ad un irrimediabile insuccesso. La romanza di “Giulietta Oh! quante volte, oh quante!”, il brano più famoso dell’opera, fu, invece, ricavata dall’opera d’esordio, Adelson e Salvini. In tutti questi casi, tuttavia, Bellini non si limitò a riciclare la vecchia musica, bensì la sottopose ad un'accurata rielaborazione, per adattarla ai personaggi, ai versi e agli interpreti, al punto che di alcuni brani non è facile riconoscere ad orecchio la fonte.
Come in Zaira, la coppia dei protagonisti è affidata a due voci femminili. La scelta del mezzosoprano en travesti per la parte di Romeo è quanto mai appropriata alla rappresentazione di un amore adolescenziale. È semmai interessante come l’amore tra fratello e sorella in Zaira, spesso con la musica relativa, si converta senza difficoltà in quello tra i due innamorati di Verona.
Nell’arco della parabola creativa belliniana I Capuleti e i Montecchi segna il punto di massima canonizzazione delle macrostrutture e microstrutture operistiche. La successione dei numeri musicali, la loro articolazione interna, così come la struttura del periodo musicale concedono poco all’imprevisto, ma al tempo stesso mostrano un equilibrio maggiore che nelle precedenti partiture. Certo si tratta di una soluzione dettata anche dalla fretta, ma resta il fatto che con quest’opera Bellini sembra gettare le fondamenta su cui si svilupperà la ricerca formale dei capolavori successivi.
Negli ultimi anni I Capuleti e i Montecchi è stata spesso allestita nei teatri italiani, anche in virtù di una scrittura vocale non trascendentale e di una drammaturgia semplice ma efficace, basata su una trama di sicura presa. In precedenza, tuttavia, essa dovette soffrire di ogni genere di stravolgimenti. Per tutto il corso dell’Ottocento, seguendo l’esempio dato da Maria Malibran, il tenero e commovente duetto finale composto da Bellini – libero da vincoli formali ma reo di non concedere abbastanza all’esibizione vocale – venne sistematicamente sostituito dal convenzionale finale dell’opera di Vaccaj.

ATTO I – Capellio Capuleti convoca presso il proprio palazzo i fedeli partigiani della potente famiglia, per metterli a conoscenza della recente presa di posizione di Ezzelino da Romano, definitivamente schierato dalla parte dei Montecchi. Annuncia anche le imminenti nozze della giovane figlia Giulietta con il prode Tebaldo, indicato come colui che vendicherà la morte di un Capuleti caduto per mano di Romeo Montecchi.
Intanto si attende anche l’arrivo di un ambasciatore dei Montecchi, inviato per presentare delle proposte al fine di porre termine alla sanguinosa lotta tra le due potenti famiglie…
Giunge quindi Romeo sotto mentite spoglie: è lui, l’ambasciatore che tutti attendevano. Egli porta l’offerta di pace dei Montecchi in cambio della mano di Giulietta, che chiede venga concessa in sposa proprio all’odiato Romeo, suscitando così il fiero sdegno generale. Dinanzi al netto rifiuto per ragioni di orgoglio, unitamente alla notizia delle prossime nozze della giovane con il rivale Tebaldo, gli eventi precipitano, e ben presto le profferte di pace cedono il passo a terribili minacce.
Giulietta, frattanto impegnata nei preparativi per le nozze, è affranta, combattuta tra l’amore sincero per Romeo ed i propri doveri di figlia. Tale stato d’animo è ancor più penoso in quanto la giovane, per non andare contro la volontà del padre, si vede costretta a rifiutare l’offerta di fuga prospettatale da Romeo, che intanto era riuscito ad introdursi nel palazzo dei Capuleti attraverso un passaggio segreto. Romeo non si dà per vinto, e medita una definitiva risoluzione.
Il giorno delle nozze, nel palazzo in festa, il giovane Montecchi riesce ad introdursi tra gli invitati camuffato da guelfo, mentre in Verona mille ghibellini armati sono pronti ad assaltare la residenza dei Capuleti, anche a prezzo di una strage di innocenti. Allo squillo delle trombe, la tragedia si compie.
Giulietta si rifugia nei propri appartamenti, mentre nel palazzo infuria il combattimento, e viene presto raggiunta da Romeo, che ancora una volta le chiede di fuggire con lui lontano da Verona. Ella, benché ancora libera dal vincolo con Tebaldo, rifiuta ancora, ma quest’ultimo moto di esitazione ha conseguenze infauste, poiché proprio in quel momento giunge armi in pugno, insieme a Capellio, Tebaldo, che, pur non avendo ancora riconosciuto il temibile nemico, impegna il rivale in un serrato duello. Romeo si rivela e, mentre Giulietta cerca di frapporsi tra i due, irrompono nell’appartamento i Montecchi.

ATTO II – Alla luce dei recenti avvenimenti, Capellio risolve di far accompagnare la figlia al castello di Tebaldo, ove avranno finalmente luogo le nozze. Giulietta sente ormai vicina la fine delle proprie speranze, e chiede quindi consiglio a Lorenzo, medico della famiglia Capuleti, che ben conosce i veri sentimenti della ragazza e che in passato ne aveva più volte favorito gli incontri con Romeo.
Egli propone così di bere un filtro di sua preparazione, che le causerà una sorta di morte apparente, in realtà un sonno molto profondo, in maniera da poter definitivamente evitare le nozze con Tebaldo. Sarà poi lui stesso ad avvertire Romeo del piano.
Sopraggiunti i familiari per accompagnarla da Tebaldo, secondo il volere dell’irremovibile Capellio, Giulietta, che aveva già bevuto il filtro, d’improvviso ha un malore.
Lorenzo finge di apprestare le proprie cure, ma non riesce assolutamente ad allontanarsi per rivelare al giovane Montecchi lo stratagemma, poiché Capellio, insospettito, ha disposto che il medico fosse controllato a vista, e ciò mentre Romeo si aggira segretamente nei giardini di palazzo Capuleti per poterlo incontrare. Il giovane però, che comincia a sospettare il tradimento di Lorenzo, viene incrociato proprio da Tebaldo, e mentre i due stanno per metter mani alle spade, il mesto canto di un corteo funebre li raggiunge e li lascia impietriti: Giulietta è spirata.
I Montecchi conducono l’affranto Romeo nei meandri delle tombe dei Capuleti, rispettando la volontà del giovane di rivedere ancora una volta l’amata Giulietta da solo. Egli si accosta quindi al marmo ove giace la ragazza, ignaro di tutto, e, oramai privo di speranza, si avvelena, proprio mentre Giulietta si risveglia.
Ella non ha che una scelta, davanti al proprio amato oramai morente: prende l’ampolla che Romeo ha portato con sé, ed in cui ancora è rimasto del liquido, l’accosta alle labbra, e si ricongiunge così per l’Eternità al proprio amore.

Produzione dell’Accademia Lirica Umberto Giordano di Foggia, che continua ad attirare cantanti lirici da ogni parte del mondo per prendere parte al Laboratorio d’Arte Lirica ormai diventato punto di attrazione didattica Internazionale.
Personaggi e interpreti: Romeo Montecchi (mezzosoprano Marcella Parziale), Giulietta Capuleti (soprano Federica Marotta), Tebaldo partigiano dei Capuleti (tenore Valerio Pagano), Capellio padre di Giulietta (basso Michele Antonetti/Tiziano Antonelli), Lorenzo medico dei Capuleti (basso Angelo Michele Mazza) Regia e Maestro Preparatore,Maria Gabriella Cianci, Maestro Concertatore Giuseppe Stoppiello), Voce Narrante Nazario Vasciarelli, Aiuto Costumista Emanuela Salvatore, Direttore di Produzione Davide Longo, Organizzazione “Associazione Bel Canto”, Costumi Sartoria Shangrillà, Attrezzeria Piccolo Teatro.
Abbonamenti e Biglietti disponibili su www.bookingshow.it, nei punti vendita autorizzati o presso i botteghini dei rispettivi teatri il giorno dello spettacolo dalle ore 18:00. Biglietti platea e posti di palco 15 euro, Loggione 10 euro.
Ingresso ore 20.30 – Sipario ore 21.00
Organizzazione: Associazione Bel Canto.
Per informazioni: Mº Davide Longo (3297430166) oppure belcantofoggia@gmail.com



Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento
Il sommelier

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.