Cartoline



Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
 
LA LETTERA
Lettere al Frizzo
Collegio dei Geometri Lucera: «Un aiuto per il nostro geometra Pierpaolo Piras»
Un appello alla raccolta fondi in una lettera agli ordini ed ai collegi professionali ed affidata alla sensibilità di chiunque voglia contribuire ad aiutare il 42enne originario di Cagliari e residente a San Paolo di Civitate con la sua famiglia.»

Lucera, 15.11.2019 - «Carissimi tutti, ci rivolgiamo a Voi per aiutare un nostro caro iscritto. Il nostro geom. Pielpaolo Piras ha compiuto da poco 42 anni, e vive a San Paolo di Civitate in provincia di Foggia.
Purtroppo, da febbraio 2019, si trova a dover far fronte ad una dura battaglia che porta il nome di linfoma nonHodgkin refrattario, chiamato anche DLBCL (linfoma diffuso a grandi cellule B) ovvero un tumore del sangue inoperabile, che gli sta impedendo di poter portare avanti la sua normale vita e la sua professione ma, cosa ancor più triste, che lo sta tenendo lontano dall’affetto e dall’amore dei suoi figli Maria Chiara e Sergio Paolo di 11 e 8 anni e della moglie Daniela durante i cicli di chemioterapia.
Pierpaolo è stato trattato con più cicli chemioterapici secondo le indicazioni dei protocolli medici nazionali ma il suo male è stato resistente a tutti i trattamenti fino ad ora eseguiti.
Pierpaolo non ha mai ha mollato. Ha affrontato con molto coraggio e fatica le cure che gli sono state somministrate, senza mai abbandonare per quanto possibile il percorso di crescita dei suoi due figli e senza tralasciare gli impegni professionali che ha, però, dovuto drasticamente ridurre.
In questi giorni Pierpaolo affronta l’autotrapianto di cellule staminali, nella speranza che questo ulteriore percorso possa almeno rallentare l’avanzare della malattia, e lo possa portare in breve tempo ad affrontare quella cura che è indicata come l’unica in grado di poterlo guarire: CART-T.
La CART-T consiste in un complesso procedimento in cui alcune cellule del sistema immunitario vengono prelevate dal paziente, geneticamente modificate in laboratorio per poter riconoscere le cellule tumorali e poi re-infuse nel paziente.
Oggi quest’ultima possibilità di cura è una terapia molto costosa che non è disponibile per lui in Italia, pertanto l’unica prospettiva per Pierpaolo al momento è andare all’estero.
L’Ospedale Saint Louis di Parigi e lo Sheba Medical Center di Tel Aviv hanno già dato il loro parere favorevole alla cura con CART-T. Questa terapia è purtroppo solo a pagamento e per quanto la famiglia darà fondo a tutte le sue disponibilità economiche, non potrà far fronte al costo di questa avveniristica terapia, che si aggirerà intorno ai 520.000,00 dollari/euro.
L’unica possibilità è quella di chiedere un aiuto a tutti, in modo tale che, anche con un piccolo contributo a persona, si possa raggiungere quanto necessario per salvare Pierpaolo, ma DOBBIAMO FARE IN FRETTA, poiché il linfoma progredisce su Pierpaolo velocemente.
A questo proposito la sua famiglia ha attivato una raccolta fondi presente a questo link o, in alternativa, su conto corrente intestato a Emma Daniela Pallotta e aperto presso la filiale IntesaSanPaolo di San Severo (FG) – IBAN: IT86 W030 6978 6341 0000 0008 676 – BIC: BCITITMM. Il conto corrente dedicato è stato aperto ESCLUSIVAMENTE per questo scopo dalla moglie Daniela al fine di garantire la massima trasparenza sull’utilizzo dei fondi. Ogni donazione attraverso bonifico bancario dovrà recare la causale: “Donazione volontaria per cure mediche Piras Pierpaolo”.
Per salvarlo è importante che partecipino più persone perché come scrivono i suoi familiari, “solo aggiungendo mattone a mattone si può costruire un edificio, solo aggiungendo goccia a goccia si può formare il mare”.
Abbiamo il “dovere morale” come Geometri, come padri, come fratelli, come figli, come amici di dover fare di tutto affinché un collega, un padre, un marito, un fratello, un figlio, un amico possa continuare a sorridere, a veder crescere i propri figli, a stare accanto alla propria famiglia e a proseguire la propria attività professionale.
Confido nell’aiuto di tutti voi, colleghi iscritti al Collegio Geometri di Lucera, Presidenti e Consiglieri di tutti i Collegi Geometri d’Italia, colleghi geometri di tutta l’Italia».

Collegio Cirdondariale dei Geometri e dei Geometri Laureati di Lucera
Il Presidente: Geo. Cosimo De Troia

 

 

 

 



Scrivete
al Frizzo

Per la pubblicità in
questo spazio
scrivi al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento
Il Sommelier

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.