Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
IN PROVINCIA
Provincia
Celenza Valfortore, piccolo e virtuoso modello di welfare
Su una popolazione di poco meno di duemila abitanti, in pochi anni sono stati erogati servizi che hanno coinvolto alcune centinaia di cittadini. Un dato impressionante, espressione di politiche attente ai bisogni della gente

Celenza Valfortore, 04.03.2017 - Dalle borse lavoro al servizio ADI e SAD, dai contributi econominci ai cittadini indigenti al telesoccorso, passando per il servizio civile, il banco alimentare, ludoteca e biblioteca per ragazzi, la sezione Primavera dell’asilo nido e la mensa. Sono i servizi sociali, solo alcuni, di un elenco ben più ricco ed articolato, attivati, negli ultimi anni, dall’amministrazione comunale di Celenza Valfortore. In parte, si tratta di interventi messi a punto dall’amministrazione nell’ambito della programmazione del Piano Sociale di Zona, in collaborazione con l’Asl, in parte finanziati solo dal Comune. Nonostante i tagli imposti dal Governo agli enti locali, l’amministrazione guidata da Massimo Venditti è andata oltre e finanziato progetti e servizi a sostegno della comunità con fondi del bilancio comunale, riuscendo a realizzare una vera e propria rete di servizi sociali e socio-sanitari. Oggi Celenza Valfortore è tra i pochi comuni dauni ad aver attivato una programmazione a 360 gradi nell’ambito delle Politiche Sociali. Un piccolo e virtuoso modello di welfare. In pochi posssono vantare un asilo nido con sezione Primavera, un servizio importante sia in quanto supporto per le donne e le famiglie, sia in termini occupazionali. Così come la Ludoteca e la Biblioteca comunali, due spazi dove quotidianamente, anche d’estate, bambini e ragazzi in età scolare hanno la possibilità di trascorrere momenti di svago e socializzazione, e fruire di supporto scolastico. Tutto passa attraverso la conoscenza dei bisogni del territorio. Presso il Comune, infatti, è attivo il Segretariato Sociale diretto dalla dottoressa Nicoletta Iacaruso, assistente sociale professionale. Uno sportello che effettua attività di ascolto, informazioni, consulenza sulle procedure di accesso ai servizi. Al Segretariato Sociale è demandato il compito di progettare, organizzare e gestire nuovi interventi nei vari settori.

«Per dare risposte ai cittadini è necessario analizzare il contesto, capire le richieste, esaminare bisogni complessi e sempre più diversi – dice la dottoressa Nicoletta Iacaruso –. Con la somministrazione di un questionario stiamo effettuando una nuova ricerca che ci permetterà di valutare quali e quanti servizi è necessario attivare o modificare». Un’indagine sull’uso e abuso del web, curata dalla Iacaruso e da esperti dell’ASL, ha permesso di capire che l’80% dei giovani celenzani è a rischio dipendenza. Lavoro, sanità, famiglia, disagio, pari opportunità, esclusione sociale e povertà, immigrazione. I settori in cui un Comune è costretto a muoversi sono i più diversi e, determinante, per evitare continue emergenze, è la pianificazione. «Oggi il territorio sconta un lungo momento di crisi in cui erano piombati i Piani Sociali di Zona, ma la riorganizzazione cui è stato sottoposto ci permette una migliore programmazione dice il sindaco Massimo Venditti –. Con i servizi erogati riusciamo a coprire sia i bisogni assistenziali – penso all’erogazione di contributi economici a cittadini in difficoltà, all’assitenza domiciliare, all’Ade, al telesoccorso e teleassistenza – che a quelli di inserimento lavorativo e sociale come le borse lavoro e il servizio di protezione civile, il Red, i servizi all’infanzia». Su una popolazione di poco meno di duemila abitanti, in pochi anni sono stati erogati servizi che hanno coinvolto alcune centinaia della gente. Un dato impressionante, espressione di politiche attente ai bisogni dei cittadini. «La nostra idea di welfare – sottolinea Venditti – è basata sul concetto di partecipazione, sussidiarietà, oltre che di assistenza. Il nostro obiettivo è il miglioramento della qualità della vita dei nostri concittadini, e possiamo farlo solo dando servizi a chi ha una fragilità e, contestualmente includendo, con attività sociali, persone svantaggiate o chi è tagliato fuori dal mercato del lavoro. Nel nostro piccolo crediamo di essere riusciti a realizzare una rete efficiente di servizi. Un piccolo modello di welfare costruito grazie al supporto degli uffici comunali, del PSZ, dell’ASL, della scuola e del segretariato sociale».

Ufficio Stampa Comune di Celenza Valfortore
Rosalia R. Marcantonio



Scrivete
al Frizzo

Le risposte
del Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.