Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
IN PROVINCIA
Provincia
Interviste ad Elena Gentile e a Fernando Caposiena sull'impianto di compostaggio della Sagedil a San Severo
Nell'articolo, il video integrale della conferenza di costituzione del comitato

San Severo, 14.05.2017 - Nella serata di venerdì 12 maggio si è tenuto nella sala Asilo Trotta a San Severo l’evento “Fermiamo il megaimpianto di 60.000 tonnellate”. A margine dell’incontro abbiamo intervistato l’europarlamentare Elena Gentile e l’esponente di Forza Italia Fernando Caposiena, il quale è stato più volte consigliere comunale a San Severo e ha una certa esperienza nell’ambito della strategia rifiuti zero e del compostaggio. È di questi giorni una nota della Regione Puglia che ha preso nettamente le distanze dall’autorizzazione, da parte della Provincia di Foggia e dalla Giunta comunale di San Severo, di un impianto di compostaggio da realizzarsi nella zona ex SAFAB. Gentile pensa, a tal proposito, che questo comunicato sia stato cronometrato proprio alla vigilia dell’importante appuntamento del comitato, dove «senza differenze le forze politiche e la città si sono incontrate per narrare il punto di vista di una comunità la quale si è vista aggredita da una scelta non condivisa e che incide profondamente su un territorio il quale avrebbe invece bisogno di esprimere un’altra visione politica, un’altra idea di crescita e sviluppo». L’Europa, infatti, ha dettato le regole che sono oggi all’attenzione del Parlamento con un obiettivo ambizioso, quello di rifiuti e discariche zero, e gli impianti di compostaggio devono essere commisurati alle effettive esigenze del territorio con una proiezione dimensionale sempre più limitata: «La comunità si difende oggi dall’aggressione di un’iniziativa privata di dimensioni esorbitanti in un territorio, quello della provincia di Foggia, che presenta ulteriori impianti di compostaggio». Di qui la volontà, da parte della stessa Gentile, di sostenere l’iniziativa di questo comitato di cui si è fatto promotore in qualità di consigliere comunale Dino Marino. L’europarlamentare ha detto però di nutrire molti dubbi sul comunicato della Regione innanzitutto perché è «anonimo»; in secondo luogo, se la catena degli impianti di compostaggio deve avere, come vi si afferma, una natura pubblica, la definizione «deve essere precisa, senza dare adito ad equivoci con l’utilizzo del termine “prevalentemente”».


La playlist con le interviste e la conferenza integrale

Francesco Miglio ha già promesso, in seguito al comunicato della Regione, che il 15 maggio terrà un incontro con la cittadinanza in cui spiegherà quelle che secondo lui sarebbero delle cantonate prese nel raccontare con troppo allarmismo la vicenda. Tuttavia, per Caposiena «quando si parla di Miglio sembra parlare del nulla, per il semplice fatto che evidentemente non ha capito niente». Basti pensare, infatti, alla conferenza stampa fatta in Provincia relativamente alla «questione lucerina», quando dichiarò che gli impianti dovevano essere pubblici nel tentativo (fallito) di acquistare all’asta un pezzo della Bioecoagrim di Lucera. Caposiena non riesce a comprendere l’attività frenetica della Provincia, la quale anziché limitarsi a quel ruolo ridimensionato dalla legge, scavalca addirittura i Comuni con un vero e proprio «abuso di ruoli» che crea soltanto confusione: «Queste conferenze aperte al pubblico si dovrebbero fare prima di prendere certe decisioni, Miglio è andato contro gli interessi della città mettendo sotto i piedi una programmazione da lui stesso votata nella precedente amministrazione, quando era all’opposizione, ma noi, qualora si rendesse necessario, ricorreremo anche a situazioni estreme in primis rivolgendoci agli organi competenti».

Greta Notarangelo

 



Scrivete
al Frizzo

Le risposte
del Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.