Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
IN PROVINCIA
Provincia
Ricorsi d’urgenza notificati dalla Rete Gas S.p.A., vittoria del Movimento Consumatori Puglia
Bruno Maizzi: «I consumatori si facciano tutelare e non cedano alla paura, l’accesso coattivo può essere evitato»

San Severo, 17.07.2016 - Il Movimento Consumatori Puglia festeggia l’ennesima vittoria per i consumatori. Il Giudice del Tribunale Ordinario di Foggia ha respinto integralmente il ricorso proposto dalla Rete Gas S.p.A. condannando la società al pagamento delle spese legali in favore del consumatore. Nel dettaglio il Movimento Consumatori Puglia si è preoccupato di affiancare nella sua battaglia un utente raggiunto della ricezione di ricorsi d’urgenza ex art. 700 c.p.c., notificati dalla Rete Gas S.p.A., unitamente alla copia del provvedimento di fissazione d’udienza, a firma del Giudice Istruttore del Tribunale territorialmente competente, mediante i quali la società di distribuzione chiede l’autorizzazione all’accesso all’immobile, di proprietà dell’utente, al fine di provvedere alla disalimentazione fisica del PDR ivi collocato.
«Purtroppo – spiega il Presidente del Movimento Consumatori Puglia, dr. Bruno Maizzisono molti i consumatori che prendono sotto gamba tale provvedimento e preferiscono non costituirsi in udienza. Così senza contraddittorio e in tempi relativamente brevi la società riesce ad ottenere l’autorizzazione di accedere nelle abitazioni dei clienti e di cessare la fornitura del servizio. Ciò comporta per il cliente notevoli disservizi, oltre che spese aggiuntive per il riallaccio del servizio».
Dal Movimento Consumatori Puglia puntano il dito contro il ricorso a tali pratiche intimidatorie nei confronti dell’utenza e invitano i consumatori a non lasciarsi intimorire.

«Con l'autorizzazione del Giudice – continua l’avvocato Rosa Carbonella, che si è occupata del caso – le società per rimuovere il dispositivo di allaccio alla rete possono addirittura ricorrere all’ausilio degli ufficiali giudiziari e della forza pubblica. Abbiamo appurato che negli ultimi tempi sono diverse le società di servizi che stanno promuovendo tali ricorsi per risolvere in tempi brevi situazioni cosiddette di default in cui il cliente finale, per morosità o per altre motivazioni, resta privo del proprio venditore ma continua comunque ad avere accesso al servizio di distribuzione. Metodi che come dimostrato dal ricorso rigettato non sempre hanno ragione di essere posti in essere».
Per informazioni sedi: www.movimentoconsumatoripuglia.it
Per assistenza: puglia@movimentoconsumatori.it – Telefono 338.7979600.

Ufficio Comunicazione M.C. Puglia



Scrivete
al Frizzo

Le risposte
del Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.