Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
IN PROVINCIA
Provincia
Cancellato l’aumento della TARI grazie alle pressioni delle forze di opposizione
Il PD: «Tarantino sfiduci Metta per evitare il fallimento di SIA e il licenziamento dei lavoratori»

Orta Nova, 31.07.2016 - L’aumento della TARI è stato cancellato. Lo ha deciso il Consiglio comunale, riunito la mattina dello scorso 29 luglio, dando ragione alle forze politiche di opposizione che da mesi denunciano l’incapacità dell’Amministrazione comunale e della maggioranza che la sostiene ad affrontare e risolvere i problemi della città.
Oggi, solo oggi, scoprono che imporre un salasso fiscale ai cittadini di Orta Nova non avrebbe migliorato il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, non avrebbe garantito la differenziata, non avrebbe salvato la SIA dal fallimento imminente.
La verità? Ci hanno provato!
Hanno provato a fare cassa mettendo le mani nelle tasche dei cittadini, e quando sono stati scoperti dai consiglieri comunali di minoranza hanno provato a scaricare le proprie responsabilità sulla SIA.
La verità? Hanno compiuto una scelta politica scellerata, e quando hanno capito che i cittadini non gliel’avrebbero fatta passare hanno tirato in ballo la tutela dei posti di lavoro di SIA.
È un obiettivo sociale che per il Partito Democratico è una priorità.
Siamo pronti a fare quanto necessario, tranne che a scaricare sui cittadini di Orta Nova i costi della fallimentare gestione del consorzio e della società nell’ultimo anno.
Siamo pronti a discutere con il sindaco Tarantino le misure più idonee a scongiurare il fallimento di SIA ed a migliorare il servizio di gestione del ciclo dei rifiuti, ma la premessa sono le dimissioni degli organismi del consorzio, presieduto dal sindaco di Cerignola Franco Metta, e della società.
Chi ha provocato la crisi dell’azienda non può gestirne la ristrutturazione finanziaria e operativa. A maggior ragione non può farlo il sindaco di Cerignola che rappresenta il principale debitore del consorzio; salvo che non decida di saldare il conto versando 4,2 milioni di euro.
Invece di utilizzare i lavoratori di SIA come alibi della propria inefficienza, l’Amministrazione comunale di Orta Nova sfiduci Metta e convinca i Comuni dell’Unione dei 5 Reali Siti a fare altrettanto.
Le chiacchiere stanno a zero; servono i fatti.

Partito Democratico
Coordinamento cittadino di Orta Nova



Scrivete
al Frizzo

Le risposte
del Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.