Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
IN PROVINCIA
Provincia
I dubbi del M5S sulla raccolta differenziata
«I cittadini stanno pagando caro e di tasca propria questo vostro fallimento sia tramite gravi aumenti della pressione fiscale e sia in termini di mancanza di servizi» contestano ancora gli attivisti del Meetup di Foggia

Foggia, 20.03.2013 - Dubbi e perplessità da parte degli attivisti del MoVimento 5 Stelle di Foggia riguardo il protocollo d’intesa firmato dal Sindaco Gianni Mongelli con la Regione Puglia, presentato alla stampa lo scorso 14 marzo, per un finanziamento di oltre 2.000.000 euro per far partire la raccolta differenziata a Foggia. «Ad illustrare il progetto nella conferenza stampa il dirigente pro tempore del Settore Ambiente, l'Ing. Paolo Affatato, il dirigente che proprio il giorno prima era risultato assente in una intervista ad un quotidiano web all’assessore al ramo Pasquale Russo sulla perdita di finanziamenti da parte del Comune riguardo alcuni bandi Regionali. Perdite che dimostravano tralaltro l’inefficienza dell’ufficio diretto dallo stesso dirigente, dirottando l'intervista alla responsabile del servizio Dott.ssa Elena D’Orta che ammetteva senza troppe giustificazioni gli errori commessi» dichiarano gli attivisti del Meetup Foggia5Stelle.
«Il giorno dopo quella triste ammissione di responsabilità da parte dei suoi sottoposti ce lo troviamo insieme al Sindaco in prima fila a sbandierare con toni trionfalistici presunti successi, quasi a dimostrare le sue alte capacità di dirigere il settore Ambiente e per prendersi i meriti di una raccolta differenziata per il momento, purtroppo per noi, ancora sulla carta» continuano gli attivisti.
«Nella conferenza stampa del Sindaco e del Dirigente, che visti i toni possiamo definire di propaganda e di inizio della campagna elettorale per le prossime comunali del 2014, il Sindaco ha cercato di sbandierare una azione positiva e propositiva di questa amministrazione, dopo 4 anni di insuccessi e di assenze che hanno ridotto la città nello stato di abbandono e di degrado qual è oggi».
A ben guardare il "progetto" di raccolta differenziata presentato si denota infatti una grave approssimazione e la mancanza di una progettualità seria, a partire da numerosi punti:

• Non si parla di raccolta differenziata "porta a porta" che è quella che dà i migliori risultati in assoluto in termini di raccolta ma si parla di raccolta di "prossimità" (cioè, col sistema dei cassonetti stradali) che, dove è stato sperimentato, è risultato non idoneo a garantire percentuali soddisfacenti di raccolta differenziata tali da consentire ai cittadini lo sconto sulla TARES previsto dalla normativa.
• Il progetto si dice partirà dopo l'estate, ma ci chiediamo chi effettuerà tale servizio se l'accordo con AMIU è solo per un anno?
• Non si fa minimamente accenno al costo del lavoro per espletare tale servizio, costo che incide sulla buona riuscita del progetto, e non si parla più nemmeno della nuova società pubblica in programma.
• Si parla di spendere circa 700.000 euro per l'acquisto dei contenitori per la raccolta differenziata, dimenticando i 500.000 euro già spesi nel 2008 per lo stesso progetto, con l'acquisto di tali materiali da parte dell'Amica da anni però in stato di totale abbandono. 
Spreco già denunciato tempo fa dalle telecamere di "Striscia la Notizia".
• Non si fa un minimo accenno ad una campagna di sensibilizzazione da predisporre prima e durante la messa in opera del servizio in modo da dare le giuste istruzioni alla cittadinanza e per consentire così di avere dei risultati di raccolta differenziata significativi.
• Non si parla di "centri di raccolta" pubblici dove il cittadino può conferire direttamente i rifiuti differenziati.
• Non si parla dell'impiantistica necessaria per smaltire i rifiuti raccolti e differenziati (nonostante ci risulti sia già in progetto un Parco del Riciclo al Villaggio Artigiani rientrato nel nuovo piano urbanistico (PUG).
• Non si parla dei problemi della discarica e del biostabilizzatore di Passo Breccioso e non si parla della mancanza di impianti di compostaggio, mentre contemporaneamente si acconsentono troppo facilmente inceneritori e "centrali a biomasse" (Borgo Tressanti e Borgo Eridania).

«Al Sindaco vogliamo dire che è finito il tempo delle belle parole e delle buone intenzioni e che deve cominciare il tempo delle cose giuste e buone da fare visto lo stato emergenziale in cui si trova Foggia» tuonano gli attivisti a 5 stelle. «Chiediamo al Sindaco di prendere atto che la sua amministrazione e quella dei partiti che la circondano è inadeguata ad amministrare la città, compresa l'opposizione di centrodestra completamente assente ed inerme su tutto quanto fate, ed è stata un fallimento totale per l'amministrazione di Foggia».
«I cittadini stanno pagando caro e di tasca propria questo vostro fallimento sia tramite gravi aumenti della pressione fiscale e sia in termini di mancanza di servizi» contestano ancora gli attivisti del Meetup.
«Dalla fumosità di quanto da lei presentato qualche giorno fa temiamo sia tutto solo una scadente propaganda elettorale pagata da cittadini, cosi come furono le isole ecologiche. Speriamo di essere smentiti ma temiamo sia un bel libro dei sogni per cercare di far dormire sonni tranquilli ai cittadini, che purtroppo non potranno dormire affatto tranquilli. Non ci bastano più le parole, Sindaco e partiti tutti, adesso vogliamo i fatti. Cominciate per questo a rendere pubblico il progetto completo presentato per ottenere il finanziamento, perché se è formato da quelle sole 4 paginette da voi presentate alla stampa crediamo ci troveremo di fronte all'ennesima beffa ed all'ennesima disfatta, dovuto al vostro fallimentare, approssimativo e pericoloso modo di fare politica» concludono gli attivisti del MoVimento 5 Stelle di Foggia.

MoVimento 5 Stelle Foggia



Scrivete
al Frizzo

Le risposte
del Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.