Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
IN PROVINCIA
Provincia
"Cinque Stelle Foggia": «Niente tagli. I consiglieri prendono anche i gettoni di marzo»
Il Comune ha un indebitamento generazionale, tasse locali insopportabili, servizi inesistenti. Gli attivisti “Cinque Stelle Foggia” denunciano distanze sempre maggiori tra politica e cittadini

Foggia, 10.05.2013 - Anche per il mese di Marzo 2013 i consiglieri comunali di Foggia si sono distribuiti oltre 42.000 euro di gettoni di presenza. Ad inizio d’anno, sbandierandola ai quattro venti, la decisione di rivedere i costi della politica, argomento portato in Consiglio Comunale il 16 aprile scorso ma non discusso. Pericolo scampato, tra mancanza del numero legale e polemiche all’interno della stessa maggioranza.
La replica della fumata nera nella seduta del 23 Aprile. Con buona pace del presidente del Consiglio comunale, che tanto si era speso nei mesi scorsi cavalcando la popolarità di un argomento già al centro delle attenzioni e delle denunce del Movimento 5 Stelle (insieme a quello delle indennità di risultato dei dirigenti).
Sia ben chiaro: per gli attivisti del gruppo “Cinque Stelle Foggia” non ha alcuna rilevanza la paternità dell’iniziativa. L’importante è che si possa mettere la parola “fine” allo spreco di danaro pubblico, speso troppo spesso senza risultati o con scarsissima produttività. Proprio questo è il nocciolo dell’informativa inviata nei mesi scorsi alla Procura della Repubblica e alla Corte dei Conti, ai quali è stato chiesto di accertare eventuali sprechi e una verifica dei costi in termini di gettoni di presenza, rimborsi e permessi di lavoro ai consiglieri.
Solo per gettoni di presenza si tratta di circa mezzo milione di euro all’anno (cui devono aggiungersi i rimborsi per le giornate di permesso retribuito dei consiglieri), una somma ingente che potrebbe essere utilizzata molto più proficuamente per fare la manutenzione sistematica delle strade e impedire di scaricare sui cittadini i costi di riparazione delle autovetture del parco macchine circolante nella città di Foggia. Quindi, niente tagli ai costi della politica, come volevano far credere. Anzi. Il Comune di Foggia è ormai impegnato con un indebitamento generazionale, il livello delle tasse locali ha raggiunto livelli insopportabili, i servizi sono ridotti al lumicino, la città è stremata e agli ultimi posti nella classifica della qualità della vita e i cittadini rassegnati ma ecco che, puntuale, il 22 Aprile arriva la liquidazione dei gettoni di presenza relativa al mese di Marzo 2013.
Tramite un nostro attivista abbiamo chiesto l’accesso alla visione (la semplice visione) dei verbali delle Commissioni Consiliari permanenti ma ci è stato negata con il silenzio più assoluto. Abbiamo anche ipotizzato di presentarci alle sedute (che sono pubbliche) di queste commissioni ma il Comune di Foggia non le pubblicizza, come dovrebbe, attraverso il suo portale Internet. Quindi, per sapere quando, dove e perché si riuniscono bisogna recarsi direttamente presso Palazzo di Città. Insomma, i contribuenti tartassati chiedono trasparenza e, in cambio, ricevono solo false promesse registrando l’inesorabile sprofondare della politica di palazzo che sempre di più scava il fossato, ormai incolmabile, rispetto ai cittadini amministrati.
Con la Determinazione Dirigenziale n. 374 del 22 aprile scorso, in seguito alle certificazioni sottoscritte dai presidenti delle Commissioni Consiliari, ben 28 Consiglieri Comunali hanno percepito l’importo massimo riconoscibile di Euro 1.210,37: Paolo Agostinacchio, Raffaele Capocchiano, Rita Chinni, Pasquale dell’Aquila, Francesco D’Emilio, Giovanni Battista Annino De Rosa, Leonardo De Santis, Francesco Paolo De Vito, Consalvo Di Pasqua, Paolo D’Agnone, Giuseppe D’Urso, Alfredo Grassi, Leonardo Iaccarino, Eugenio Iorio, Massimo Laccetti, Bruno Longo, Nicola Mennuno, Anna Rita Palmieri, Gaetano Pedone, Vincenzo Perulli, Emilio Piarullo. Importi diversi, invece, sono stati riconosciuti ad altri 9 consiglieri: Angelo Benvenuto (808,39), Rosario Cusmai (293,96), Franco Landella (1.102,35), Cosimo Leone (1.175,84), Luigi Miranda (734,90), Giovanni Perdonò, (1.175,84), Michele Sisbarra (1.175,84), Giuseppe Antonio Maurelio Trecca (881,88), Raimondo Massimo Cesidio Ursitti (1.175,84).
Al peggio non c’è mai fine, ma presto i cittadini indignati si faranno sentire.

Gli attivisti del Meetup Cinque Stelle Foggia



Scrivete
al Frizzo

Le risposte
del Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.