Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
IN PROVINCIA
Provincia
Nota stampa post presentazione “Criminali di Puglia”
L’organizzazione di questa presentazione era stata programmata ben prima della denuncia fatta al Tribunale di Trani dal sig. Casillo, perché reputiamo fondamentale raccontare queste storie e dare risalto a “La Meridiana”, coraggiosa editrice di libri “scomodi” ma importantissimi

Foggia, 18.05.2013 - A seguito di alcuni articoli apparsi sulla stampa locale e riguardanti la presentazione del libro “Criminali di Puglia” di Nisio Palmieri, da noi organizzata in data 15 Maggio presso la “Sala Arturo Marcone” della Biblioteca provinciale di Foggia, reputiamo opportuno esprimere alcune riflessioni. Dispiace che alcune testate locali si siano soffermate su una polemica, a nostro avviso sterile, del sig. Pasquale Casillo, che è stato assente per tutta la durata dell’incontro, arrivando solo alla fine per raccontare vicende personali, alcune delle quali sono riportate all’interno del volume dall’autore. Queste, però, sono state meramente accennate durante il dibattito, in cui si è raccontata la storia degli anni ‘80 e ‘90 della città di Foggia. Di questa storia il sig. Casillo è stato, nel bene e nel male, protagonista e, tra le altre cose, imputato in processi penali, con sentenze di assoluzione o intervenuta prescrizione.
Il nostro intento era quello di accendere le luci sulla criminalità locale troppo spesso sottovalutata, partendo da uno spaccato di storia del nostro territorio, e più generalmente della Puglia, raccontata da una delle memorie storiche dell’antimafia sociale regionale qual è Nisio Palmieri, e attualizzandola con la preziosa presenza del Procuratore Seccia, autore anch’egli di un libro sulla mafia in Capitanata.
L’organizzazione di questa presentazione era stata programmata ben prima della denuncia fatta al Tribunale di Trani dal sig. Casillo, perché reputiamo fondamentale raccontare queste storie e dare risalto a “La Meridiana”, coraggiosa editrice di libri “scomodi” ma importantissimi per chi, come noi, ha bisogno di sapere e di formarsi su ciò che è avvenuto e su ciò che sta avvenendo in Capitanata.
Abbiamo anche ritenuto giusto lasciare intervenire Pasquale Casillo proprio perché c’è un procedimento in atto che farà il suo corso e si esprimerà in merito ad alcune affermazioni contenute nel libro.
Quanto alla richiesta di una collaborazione con Libera, ci sentiamo di dire che il ruolo del Coordinamento non è certo quello di essere al fianco del sig. Casillo. Questo perché, sentenze a parte, la sua storia è molto distante dalla nostra: noi siamo con coloro che hanno subito la violenza mafiosa o l’isolamento quando hanno scelto di battersi contro ogni forma di sopruso e di criminalità organizzata e di coloro che hanno denunciato le connivenze, come Francesco Marcone e Giovanni Panunzio. Il sig. Casillo non fa parte di questa storia e non certo perché un libro ne sancisce l’esclusione, ma perché esiste un giudizio “storico” che ci fa essere distanti.
In conclusione auspichiamo che ci siano sempre più autori impegnati nello studio del fenomeno mafioso nella nostra Provincia, affinché si possano chiarire anche questi punti oscuri della storia della Città.

“Libera – Associazioni, Nome e Numero Contro le Mafie”
Coordinamento provinciale di Foggia



Scrivete
al Frizzo

Le risposte
del Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.