Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
IN PROVINCIA
Provincia
Lesina Marina: uno spiraglio per 16 tra residence e villette
Ed intanto l’Associazione “Pro Lesina Marina” presieduta dall’ing. Antonio Palma invita i soci a firmare un nuovo documento di protesta da inviare a mezzo fax alla Regione e al Sindaco di Lesina, arch. Pasquale Tucci. Atteggiamenti forse poco consoni, in un momento delicato, alla tanto sospirata collaborazione

Lesina Marina, 10.07.2013 - Novità interessanti ci giungono in queste ore dal Comune di Lesina a ridare speranze ai proprietari di quei cinquecento appartamenti compresi nei sedici fabbricati ubicati a Lesina Marina, interessati da ordinanze sindacali di interdizione a tempo indeterminato emesse tra il 2010 e il 2011. Rinfrescandoci un po’ la memoria ricorderemo che quegli edifici furono gli unici a rimanere “chiusi” su indicazione dell’allora Commissario Delegato, Prefetto di Foggia, a cui seguì una sfilza di Ordinanze, precisamente dalla n. 66 alla n. 73 nel 2010 e dalla n. 74 alla n. 81 nel 2011. E ricorderemo anche la disperazione dei proprietari “logorati” da illusioni disilluse per anni interi, dopo che tutto il resto della “zona rossa” del villaggio veniva a mano a mano liberata dall’incombenza dell’inagibilità ad esclusione di quei sedici fabbricati.
Bene, una piccola luce in fondo al buio si inizia ad intravedere anche per questi ultimi. In data 4 luglio è stata emessa una nuova ordinanza sindacale, la n. 13, con la quale si ordina l’interdizione all’accesso in cui sussistono i sedici edifici per centoventi giorni, ovvero un tempo congruo per permettere al Dirigente del Servizio Risorse Naturali dell’Assessore Regionale alle OO.PP. e Protezione Civile, nelle vesti di soggetto responsabile ai sensi dell’Ord. del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 92 del 13 giugno 2013, di concludere le indagini tecniche preposte alla verifica della stabilità degli edifici. Se in questi tempi nulla sarà ancora stato fatto o portato a termine, le case in questione saranno considerate libere da vincoli amministrativi e quindi potenzialmente agibili ed accessibili.
Ad essere interessati dal nuovo provvedimento sindacale sono: “Residence Tremiti A”, “Residence Tremiti B”, “Residence Tremiti 2”, “Residence Aurora”, “Residence Solemare”, “Residence Levante”, “Residence Florida”, “Residence Riviera”, “Residence Costaverde”, “Residence Holiday”, “Residence Le Torri”, “Residence Il Girasole”, “Residence Torrefortore”, “Hotel Maddalena”, “Villa Carmela”, “Villa Chiara”.
È triste dirlo, ma un’intera costola di Lesina Marina è ancora disabitata. Eppure il Comune di Lesina ce la sta mettendo proprio tutta per ospitare e regalare un gradevole soggiorno ai vacanzieri. Da qualche mese a questa parte è stato attrezzato, nelle pinete del centro urbano, un percorso salute con parco giochi per i più piccini, che rende queste distese boschive non solo semplici passaggi da lido a lido ma punti di attività fisica, divertimento e refrigerio dalla calura estiva.
Altre novità ci vengono comunicate, sempre  in questo frangente, anche dall’Associazione “Pro Lesina Marina” presieduta dall’ing. Antonio Palma. Un nuovo documento di protesta, che dovrebbe essere firmato dai soci dell’associazione e inviato a mezzo fax alla Regione e al Sindaco di Lesina, arch. Pasquale Tucci, lamenterebbe l’illegalità con la quale l’Associazione è stata estromessa dalla possibilità di rappresentare i proprietari di Marina di Lesina nelle riunioni istituzionali. Nell’apposito modulo viene ricordato che la Pro Lesina Marina si è costituita legalmente solo per collaborare alla soluzione del problema del dissesto e quindi si chiede, ai sensi dell’art. 9 della Legge 241/90, di partecipare e di essere documentati. Diversamente l’Associazione ricorrerà all’Autorità Giudiziaria competente per impugnare l’eventuale diniego ai sensi dell’art. 2 della medesima legge e art. 31 del c.p.a.
Lasciateci fare una considerazione: è vergognoso che in un momento così delicato per Lesina Marina, si debba ancora assistere a “bracci di ferro” superflui da parte di chi dovrebbe collaborare per il bene comune.

Deborah Testa



Scrivete
al Frizzo

Le risposte
del Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.