Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
IN PROVINCIA
Provincia
"Sogni e pensieri" con Anna Maria D'Orazi
Poesie e racconti semplici i suoi, che ritraggono spicchi di vita e abitudini di gente altrettanto semplice che si riconosce, non per nome e cognome, ma per soprannomi

Alberona, 01.09.2013 - Mercoledì 28 agosto alle ore 19:00, nell’Auditorium Comunale di Alberona, è stato presentato alla cittadinanza il libro, che raccoglie poesie e prose dell’artista Anna Maria D’Orazi, intitolato “Sogni e pensieri”. L’evento, patrocinato dal Comune di Alberona in collaborazione con il Rotary Club di Lucera e del Club Unesco di Alberona, ha visto l’intervento del Sindaco di Alberona Tonino Fucci, del dott. Giuseppe Trincucci che ha curato collage, prefazione e presentazione del testo antologico e del neo presidente del Rotary Club dott. Donato Russo.
È stata una serata leggera e piacevole laddove il ricordo di questa artista ha suscitato tanta  commozione. Anna Maria non era solo una poetessa ma anche una musicista che si innamorò da adulta del piccolo borgo, per poi viverci gli ultimi venti anni della sua vita esprimendo da subito il desiderio di volerci rimanere per sempre. Era una donna semplice nella sua ricchezza interiore, sempre attiva, gentile e disponibile; tutti la ricordano con grande tenerezza perché ha saputo amare e farsi amare disinteressatamente. Romana d’origine, ha scritto versi anche in romanesco, oltre che in lingua italiana e in dialetto alberonese. Poesie e racconti semplici i suoi, che ritraggono spicchi di vita e abitudini di gente altrettanto semplice che si riconosce, non per nome e cognome, ma per soprannomi. I personaggi annoverati soprattutto nelle prose come nonna Carminuccia, la vecchietta Angela Maria e nonna Gina, sono sempre inseriti in minuziose descrizioni paesaggistiche o ambientali che aiutano il lettore a conoscere i contesti. Dice a proposito di queste donne il dott. Trincucci in un passo della prefazione del libro: «Tre persone che hanno ripercorso con la loro storia momenti fondamentali del nostro Preappennino Dauno. Tre vite semplici che sembrano tratte da un film neorealista con degli scorci di paesaggio che riempiono il cuore e la mente di gioia e di serenità».
A esprimere le più profonde considerazioni sulla compianta poetessa, durante la manifestazione, non potevano mancare alcuni parenti più stretti e cioè suo marito Leopoldo Sorda, suo figlio Sandro ed un cugino acquisito, Antonio Mancino. Molto toccanti le parole di quest’ultimo che ha ricordato quanto Anna Maria amasse tutto ciò che riguardasse Alberona: le tradizioni, il paesaggio, i monumenti e la neve che spesso compare nelle sue poesie. Quella stessa neve che cadde talmente copiosa quando l’artista venne a mancare (febbraio 2009) che per condurre il suo feretro al cimitero di Alberona, il carro funebre dovette essere trainato da un trattore.

Durante la manifestazione i versi della D’Orazi sono stati recitati ed interpretati  da Maria Antonietta Trincucci su sottofondo musicale del maestro Pierluigi Vannella. Il duo ha offerto al pubblico un “reading musicale” molto bello che si è fatto apprezzare proprio tanto.
Con Anna Maria D’Orazi si aggiunge ufficialmente un nuovo nome alla corona di poeti alberonesi i cui versi resteranno nella storia: Vincenzo D’Alterio, Giacomo Strizzi, Michele Caruso, Giuseppe De Matteis, Pietro Lombardi, Nicola Gazzi e Donato Scrocco.
Vi lasciamo con alcuni versi inseriti in “Sogni e pensieri”.

POETA VAGABONDO

Arrampicato nel cielo
poeta vagabondo
cerchi spiagge libere,
fonti limpide,
prati colmi di fiori
ma il sole
brucia le tue ali
e scivoli lungo i sentieri
del cielo
lasciando dietro di te
solchi d’amore vissuto
e di speranze sommerse.



Scrivete
al Frizzo

Le risposte
del Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.