Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
IN PROVINCIA
Provincia
Gestione dei rifiuti tra tutela dell’ambiente e occasioni di lavoro
Giovedì 2 febbraio a partire dalle ore 18:00 nella sala conferenze della Casa di Riposo “Concetta Masselli”

San Severo, 31.01.2012 - Una filiera corta che partendo dal rifiuto prodotto dalla raccolta differenziata riuscirà a produrre risparmi per i cittadini e circa duecento posti di lavoro. Non è un’utopia ma si tratta della concreta possibilità di creare sul territorio dell’Alto Tavoliere un impianto tecnologico per il trattamento dei rifiuti. È di questo che si discuterà nell’incontro programmato dal PD di San Severo dal tema “Gestione dei rifiuti tra tutela dell’ambiente e occasioni di lavoro” che si terrà giovedì 2 febbraio a partire dalle ore 18:00 nella sala conferenze della Casa di Riposo “Concetta Masselli”.
A relazionare sul tema saranno Michele Irmici, del forum ambiente PD, Dino Marino, consigliere regionale PD, Massimo Piscitelli, presidente del comitato scientifico Legambiente Puglia, Giuseppe Altieri, capogruppo del gruppo consiliare del PD, Francesco Damone, consigliere regionale della “Puglia Prima di Tutto”, Massimo D’Amico, assessore all’ambiente del Comune di San Severo e Francesco Roca, presidente della “Navita”, che in città gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti e igiene ambientale.
«L'idea che vogliamo condividere con la città – spiega Dino Marino – è quella di creare una filiera corta dalla raccolta differenziata. Con l’aumento della raccolta differenziata si rende, infatti, necessario programmare nell’agro sanseverese un impianto tecnologico dove trasformare l’umido in compost con un processo anaerobico, cioè senza emissioni di odori, e gestire, selezionandolo, tutto l’altro rifiuto differenziato e indifferenziato, i rifiuti speciali come il rifiuto edile o i rifiuti di elettrodomestici come computer, telefonini e quant’altro. Da un calcolo approssimativo a San Severo, se la raccolta differenziata supererà il 65%, mentre oggi abbiamo raggiunto il 48%, gestendo anche lo smaltimento in zona si potrà avere un’occupazione per circa 200 persone».
Secondo i promotori dell’iniziativa l’impianto installato sul territorio consentirà anche di ridurre i costi di trasporto che oggi sostiene l'amministrazione comunale e permetterà un risparmio che di conseguenza si ripercuoterà sui cittadini.
«Dal prossimo anno – aggiunge Marino – andrà in vigore l’ecotassa e i Comuni, quindi anche i cittadini, che contribuiranno ad incrementare la raccolta differenziata pagheranno molto meno».
L’occasione sarà propizia anche per discutere dell’attuale servizio della raccolta differenziata e di quali sono le difficoltà ancora riscontrate dai cittadini.
«Da questo dibattito – conclude l’esponente del PD – si potranno evincere una serie di proposte per migliorare il servizio che seppur sta dando risultati mostra ancora qualche problematica».

Il Frizzo



Scrivete
al Frizzo

Le risposte
del Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.