Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
IN PROVINCIA
Provincia
«Aggressioni verbali, volgarità e offese personali». Volturino: si dimettono i due consiglieri del PD
La decisione è maturata al termine del Consiglio Comunale dello scorso 24 Febbraio 2012, «su cui si avanzano espresse riserve, anche di carattere giudiziario»

Volturino, 28.02.2012 - Ne hanno avute piene le scatole i due consiglieri comunali di opposizione del PD al Comune di Volturino, il capogruppo consiliare del partito avv. Antonio Santacroce e il geom. Francesco Dell’Aquila, perché non hanno voluto sopportare oltre quel «divario comportamentale» e perché la politica odierna sembra aver abdicato, invero ovunque, lasciando il posto alle «volgarità inammissibili»: i due consiglieri comunali si sono dimessi senza pensarci su mezza volta la sera stessa dell’ennesima seduta di Consiglio che a quanto pare altro veleno ha prodotto ed iniettato nelle vene del dialogo, uccidendo il vulnerabile corpo della democrazia.
Si attendevano, i due dimissionari, che il primo a chiamarli per chiedere contezza di quanto accaduto fosse quel segretario provinciale, Paolo Campo, che a quanto pare continua a perdere pezzi (dopo le dimissioni da consiglieri dovrebbero giungere nelle sue mani anche quelle dal partito) non riuscendo a tenere insieme i cocci ormai sparsi in diversi centri della Capitanata: il caso Lucera, ad esempio, è ormai alla deriva. Ora Volturino, dove le dimissioni di Santacroce e Dell’Aquila potrebbero generare ripercussioni tali da determinare un effetto domino, poiché pare che degli eletti che dovrebbero subentrare ai due dimissionari nessuno voglia subentrare: della lista dei dodici del PD si potrebbe avere una rinuncia dietro l’altra, fino al paradosso del “pescaggio” in un’altra lista, l’UDC per la precisione, che ormai in maggioranza sembra esserci mani, piedi, orecchie e muso.
Paolo Campo, invece di chiamare direttamente gli interessati, è girato al largo ed ha avvisato dell’accaduto l’on. Gero Grassi che, a sua volta, ha telefonato all’avv. Santacroce per sapere.
Faranno discutere non poco queste dimissioni e lasceranno strascichi non solo nel PD, ma anche fuori, almeno leggendo la lettera che i due consiglieri dimissionari hanno inviato all’intero Consiglio Comunale di Volturino, al Prefetto di Foggia Dr. Giovanni Francesco Monteleone, al Segretario Provinciale del PD Paolo Campo ed a quello cittadino Nicola Bozza.
«Preso atto – si legge nella missiva – del grave comportamento posto in essere, ancora una volta, da alcuni assessori e dallo stesso Sindaco durante lo svolgimento del Consiglio Comunale dello scorso 24 Febbraio 2012, su cui si avanzano espresse riserve, anche di carattere giudiziario; del reiterarsi, ingiustificato ed immotivato, di tali comportamenti, divenuti, ormai, una costante, triste ed irridente espressione dei rapporti tra la maggioranza ed il principale partito di opposizione rappresentato dai Consiglieri Santacroce e Dell’Aquila; del ripetersi di gratuite aggressioni verbali, spesso sfociate in volgarità ed inammissibili offese personali rivolte da un assessore al capogruppo PD, avv. Antonio Santacroce; dell’acclarata impossibilità, a causa di tali reiterati comportamenti, di addivenire ad un corretto, sereno e pacifico svolgimento della dialettica politica e del dibattito consiliare, entrambi sviliti a rancorose manifestazioni di ostilità personale ed occasione di ingiuria; del configurarsi, di tali atteggiamenti, come espressione sia di una inaccettabile rappresentazione delle prerogative Consiliari dell’opposizione esclusivamente come mera e tacita accondiscendenza alle scelte assunte dalla maggioranza sia, per altro verso, di idea del mandato elettorale ricevuto nel senso di esercizio di un potere incontestabile ed assoluto, dispotico quanto fine a se stesso ovvero finalizzato ad una gestione disinvolta della res publica; dell’incolmabile divario comportamentale, ideologico e motivazionale sin qui emerso tra la maggioranza e la principale forza di opposizione in Consiglio Comunale; dell’enorme difficoltà, per i suddetti Consiglieri, di espletare serenamente anche i più basilari compiti ad essi istituzionalmente attribuiti nell’interesse della collettività; del concreto timore di possibili recrudescenze e degenerazioni…, formulano, ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 15 comma 4 dello Statuto, le loro dimissioni dalla carica di Consigliere Comunale presso il Comune di Volturino.
Con Osservanza»
.
La parola, se un po' di fiato è rimasto, ai vertici del partito… E ad altri?

Roberto Notarangelo



Scrivete
al Frizzo

Le risposte
del Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.