‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
In Provincia
| Vai all’indice | Vai all'argomento principale |
"Donne tra lavoro e costume"
Conferenza dello studioso e relatore dell’evento Carmine de Leo. Giovedì 4 marzo 2010, ore 18:00. Museo Civico di Foggia (piazza V. Nigri 1 – Sala “M. Mazza”)

Foggia, 02.03.2010 - Questa conferenza dello studioso Carmine de Leo vuole essere un omaggio degli Amici del Museo Civico a tutte le donne di Foggia e della Capitanata.
Nella storia delle nostre tradizioni la donna ha sempre rappresentato un tema di grande interesse.
La donna Dauna è protagonista in antico di tante preziose testimonianze archeologiche, come quei numerosi e splendidi monili conservati soprattutto presso il Museo Civico di Foggia, ma anche presso altre simili istituzioni della nostra provincia.
Reperti che ci riportano indietro nel tempo e che rappresentano anche lo sviluppo di un particolare artigianato, quello orafo, di cui i documenti antichi attestano fiorenti botteghe in alcuni comuni del promontorio garganico fino al XVIII secolo.
Proprio in epoche più vicine al nostro tempo, le testimonianze sulle donne e sul loro lavoro aumentano sensibilmente e si concretizzano in disegni di viaggiatori che le ritraggono nei loro abiti tradizionali.
Il panorama iconografico si allarga notevolmente a partire dal Novecento, epoca in cui, in relazione allo sviluppo della fotografia, abbiamo eloquenti spaccati del costume delle donne che lavorano.
Proprio attraverso queste prime immagini in bianco e nero, risalenti soprattutto ai primissimi anni del secolo scorso, abbiamo conferma e conoscenza delle varie attività lavorative in cui sono impegnate le donne.
Ecco le contadine, che dominano il panorama iconografico insieme alle tessitrici e rappresentano le più importanti attività femminili di quel tempo.
I catasti Ottocenteschi, infatti, in particolare nei registri dei morti, annotano accanto al nome delle persone trapassate anche il mestiere dei vari soggetti; da queste annotazioni possiamo constatare che i lavori più diffusi erano appunto la contadina e la tessitrice, in ogni casa, del resto, è attestata la presenza di un telaio di legno che, oltre a servire per la produzione casalinga degli abiti, offriva un’importante opportunità alle giovani donne, che si affrettavano a realizzare con esso i loro corredi.
Preziose immagini e documentazioni che Carmine de Leo, autore già di numerose pubblicazioni di storia e costume, ha saputo salvare dall’oblio attraverso una certosina ricerca negli archivi ed in vecchi testi a stampa.
Lo studioso proietterà questa importante e numerosa documentazione sul tema della sua conferenza, dando modo a chi parteciperà all’incontro di vivere un flashback negli anni, come in una immaginaria macchina del tempo.
Un viaggio fantastico di circa cento immagini di contadine, filatrici, donne pastore, caprare, terrazzane e tante altre singolari figure che la storia ci ha tramandato.
Una memoria che lo studioso Carmine de Leo, ispettore onorario del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ha in parte ricostruito, perché proprio a Foggia, fino alla prima metà del Novecento, presso l’antico convento dei Padri di San Gaetano e poi degli Scolopi, era attivo un importante Museo delle Tradizioni Popolari, che conservava centinaia di costumi tradizionali, oggi purtroppo andati tutti perduti a causa delle incursioni aeree dell’ultimo conflitto mondiale.
Gli Amici del Museo Civico di Foggia, pertanto, attraverso questa conferenza del de Leo, che è anche uno dei soci fondatori di questo sodalizio culturale, vogliono ricostruire in parte ed almeno virtualmente, questa memoria oggi scomparsa.

Gli Amici del Museo Civico - Foggia



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.