‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
In Provincia
| Vai all’indice | Vai all'argomento principale |
Costruzione della centrale “En Plus” a San Severo
Filca e Fim: «Salvaguardare tutti i posti di lavoro. Non consentiremo discriminazioni a danno dei lavoratori del nostro territorio»

Foggia, 20.03.2010 - In merito ai lavori di costruzione della centrale “En Plusturbogas, a ciclo combinato, a San Severo (contrada Ratino), intervengono le segreterie provinciali della Filca Cisl e della Fim Cisl. «Dopo aver inutilmente posto la questione ai responsabili aziendali, queste organizzazioni sindacali hanno sostenuto – riferiscono Filca e Fim – lo stato di agitazione spontaneo proclamato dai lavoratori edili e metalmeccanici, nelle giornate di lunedì 15 e martedì 16 marzo. Tale mobilitazione deriva dalla mancanza di corrette relazioni sindacali e dall’assenza di garanzie riguardo alla salvaguardia dei posti di lavoro delle maestranze del territorio. Il sindacato sostiene, da sempre – rilevano Filca e Fim – la parità di condizioni fra tutti i lavoratori e condanna ogni discriminazione nei luoghi di lavoro, proprio per questo non può consentire politiche aziendali che pregiudichino i diritti dei lavoratori del territorio. Pertanto, è ingiustificabile la scelta di una delle principali aziende (Landi), impegnate nei lavori svolti sotto la responsabilità e la vigilanza della General Construction, di utilizzare esclusivamente manodopera proveniente dalla Polonia, giustificandosi con la super-specializzazione che questa manodopera straniera avrebbe a differenza di quella del nostro territorio».
Secondo Filca e Fim, «si tratta di una motivazione pretestuosa, con la quale si cerca, in realtà, di nascondere ragioni di stretta convenienza e risparmio sul costo del lavoro, che non possono essere assolutamente tollerate, per i lavoratori edili e metalmeccanici, sia italiani che stranieri. In questa direzione, è fondamentale garantire la continuità dei numerosi contratti in scadenza, assicurando – sottolineano Filca e Fim – la priorità alla riconferma dei lavoratori già impiegati del territorio di San Severo e dell’indotto. Tutto ciò al fine di evitare – continuano i sindacati – un negativo turn over che non assicura la migliore organizzazione e sicurezza del lavoro né la parità di trattamento economico, ma determina una sorta di guerra tra poveri, con un conseguente clima di tensione sociale e preoccupazione tra tutte le maestranze».
Pertanto, le segreterie della Filca e della Fim di Capitanata, dando seguito all’incontro tenutosi in data 16 marzo, nel quale l’azienda ha manifestato disponibilità a considerare i rilievi del sindacato, «continueranno a mantenere alto il livello di impegno ed attenzione sindacale sull’importante vertenza, a partire dai prossimi incontri con l’azienda».

CISL Foggia – Ufficio Stampa
Via Trento, 42 – 71100 Foggia
www.cislfoggia.it



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.