‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
In Provincia
| Vai all’indice | Vai all'argomento principale |
Foggia, la prima circoscrizione chiede maggiori attenzioni per i cittadini
I numerosi interventi richiesti non hanno ottenuto risposte dall’Amministrazione Comunale: «È tempo di dare un segnale che vada in direzione di una seria assunzione di responsabilità»

Foggia, 13.04.2010 - La legge conferisce ai Consigli circoscrizionali dignità di “organismi di partecipazione, di consultazione, di gestione dei servizi di base e di esercizio delle funzioni delegate dal Comune”. Potrebbe apparire superfluo ricordare che questi organismi costituiscono l’interfaccia più immediata tra il Comune e i Cittadini. Proprio per questa funzione, tra l’altro, la Circoscrizione riceve istanze e petizioni e si rende parte attiva per segnalare le necessità e i problemi più immediati provenienti dal territorio urbano.
È noto che da anni, ormai, il Comune di Foggia, governato dal centrosinistra, stretto dalla morsa dei debiti, non riesce più a dare risposte concrete ai foggiani. La crisi, che si traduce nella perdita di contatto con la città, si scarica sui suoi abitanti-contribuenti con l’inefficienza nei servizi essenziali e con la perdita di conoscenza della realtà.
È sotto gli occhi di tutti che la città è sporca e lasciata a se stessa. Non si è in grado neanche di sostituire le lampadine dei semafori!
È una situazione grave, peggiorata dall’assoluta mancanza di dialogo tra gli uffici centrali del Comune e le sue propaggini istituzionali.
In più riprese la 1ª Circoscrizione Arpi-Croci (Nord) e la sua Commissione “Lavori Pubblici – Territorio – Bilancio” hanno effettuato segnalazioni sottolineando l’urgente necessità di intervenire in alcune zone del territorio circoscrizionale. Le richieste, più volte inviate all’assessore e al dirigente dell’Assessorato ai Lavori Pubblici del Comune di Foggia non hanno sortito, però, alcun effetto. Tutte le situazioni di degrado, spesso di grave pericolo, documentate con rilievi fotografici, non hanno avuto risposta (se non in qualche caso sporadico).
«Non abbiamo bisogno di semplici risposte o di lettere interlocutorie (peraltro, neanche queste mai pervenute) – dicono dalla 1ª Circoscrizione il vice presidente Pasquale Rignanese (Alleanza di Centro), il presidente e il vice presidente della Commissione Lavori Pubblici-Territorio-Bilancio, Francesco Salemme (La Puglia prima di tutto) e Roberto Bavaro (PdL) – ma di soluzioni concrete, interventi che rimuovano le situazioni di degrado e di pericolo per salvaguardare l’incolumità dei nostri concittadini».
Via Sant’Antonio, via Ciano, via Ugo Iarussi, via Manfredonia, sono queste (e tante altre) le strade oggetto di attenzione e di apprensione, «per le quali sono state segnalate situazioni di reale pericolo, determinate da buche profonde e, addirittura, pezzi di marciapiede staccati e abbandonati sulla careggiata». E gli incidenti, anche gravi, non sono mancati all’interno del rione; sono stati richiesti rallentatori artificiali per via Alfredo Petrucci, che passa davanti alla scuola media-elementare “Moscati-Altamura”, per scoraggiare le gare di velocità tra autovetture e tra motoveicoli; è stato più volte evidenziato lo stato di abbandono dei parchi gioco di via Luigi Obertj (nel cuore del rione Candelaro) e in via San Severo.
«Non si tratta, quindi, di curare il maquillage dei luoghi in cui viviamo, ma di rendere più sicura la viabilità ed evitare altri possibili incidenti derivanti dalla circolazione veicolare ma anche di salvaguardare la sicurezza dei luoghi in cui vivono le “persone”,» aggiungono i consiglieri circoscrizionali che concludono: «È di questo che stiamo parlando, di “persone”. Perciò, mettiamo da parte i trascorsi elettorali. È tempo di dare un segnale che vada in direzione di una seria assunzione di responsabilità. L’Amministrazione comunale deve farsene carico».

1ª Circoscrizione Arpi-Croci
Foggia



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.