‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
In Provincia
| Vai all’indice | Vai all'argomento principale |
“Biccari nuova” lancia la sfida del cambiamento: Gianfilippo Mignogna candidato sindaco
«Gianfilippo Mignogna è un avvocato di trentun’anni, che ha coraggiosamente accettato di essere l’interprete dell’esigenza di rinnovamento della popolazione biccarese»

Biccari, 01.04.2009 - «Cambiamento: questo il tema centrale dell’incontro di presentazione del candidato sindaco Gianfilippo Mignogna, per la lista “Biccari Cambia”, tenutosi venerdì ventisette marzo alle ore 19:00, presso il ristorante Varese. La sala piena di gente testimonia la volontà di cambiare, sentita da tutti i cittadini. A fare da sottofondo all’evento, la canzone “Il mio canto libero”, capolavoro firmato Mogol-Battisti, potente inno di rinascita e di libertà. La serata comincia con il discorso di Luigi Colanardi, un giovane ingegnere che, come tanti, ha deciso di dire basta al degrado in cui versa il nostro paese, dopo dieci anni di mala amministrazione. Il progetto “Biccari Cambia” nasce dall’amore profondo per Biccari, la nostra terra, e dalla fiducia nelle sue numerose potenzialità e risorse. Trasparenza, partecipazione e sviluppo sono i caratteri salienti del modus operandi di una nuova amministrazione, che si propone. Il primo passo per garantire un’assoluta chiarezza sull’operato dell’amministrazione e per favorire una maggiore partecipazione dei cittadini, sarà l’istituzione dell’albo delle imprese fornitrici, in grado di erogare servizi alla comunità e garantire a tutti, equamente, senza distinzioni, la possibilità di lavorare per il Comune. Lo sviluppo che si intravede è concreto, nasce dalle reali potenzialità del paese, punta sulla realizzazione di progetti che mirano a valorizzare le risorse umane e territoriali naturalmente presenti. Tra gli applausi entra in scena il candidato sindaco, Gianfilippo Mignogna, che con entusiasmo mostra il simbolo della lista: sullo sfondo bianco è ben riconoscibile la sagoma di Biccari; in alto campeggia il nome della lista civica, in basso il nome del candidato. Dominano il giallo e il verde scuro, colori-bandiera del nostro paese.
Gianfilippo Mignogna è un avvocato di trentun’anni, che ha coraggiosamente accettato di essere l’interprete dell’esigenza di rinnovamento della popolazione biccarese. Il giovane capolista riassume il percorso che culmina con la sua candidatura: una candidatura che “parte dal basso”, come ci tiene a precisare, che nasce da un desiderio comune, che arriva dopo un lungo cammino, fatto di proposte e discussioni. Ringrazia tutte le persone che gli hanno dato fiducia da subito e quelli che, dopo le prime perplessità, hanno sposato questa ambiziosa sfida. Una sfida che si gioca tra cambiamento e continuità e che Gianfilippo Mignogna combatte da cinque anni come consigliere di minoranza. Un’esperienza, questa, che ha condiviso con alcuni amici e compagni di lavoro, che gli ha permesso di capire cosa va mantenuto e cosa va cambiato, ma che soprattutto gli ha fatto conoscere la realtà di un paese diverso, che non si riconosce ormai da tempo, nella sua classe dirigente. Un paese vivo, animato dall’entusiasmo delle numerose associazioni, da professionisti che scelgono di rimanere a Biccari pur lavorando in altre sedi, da giovani che si impegnano nello studio, che amano la musica e la cultura: da persone che non accettano il cammino in discesa che Biccari ha intrapreso negli ultimi anni a causa di un’amministrazione inadeguata e inefficiente. Un’amministrazione che ha chiuso le porte a qualsiasi spinta innovativa, che si è distanziata dalla popolazione, che ha illuso e deluso gli abitanti biccaresi. Il candidato si fa promotore di un’amministrazione attivamente e costantemente impegnata per il paese, in grado di rendere nuovamente Biccari il primo comune dei monti dauni: per farlo, c’è bisogno di aprire le porte al cambiamento. Il primo passo è dare fiducia al coraggio di un giovane, che non ha paura di essere troppo giovane, e alla sua candidatura, un “atto d’amore” verso il paese».

Natalia Mansueto
Portavoce di "Biccari Cambia"



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.