‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
In Provincia
| Vai all’indice | Vai all'argomento principale |
Uniti per Sant'Agata: «Bisogna rinegoziare l’eolico»
Le priorità del candidato sindaco Giuseppe Marchese: «Più soldi dai parchi, meno sprechi in Comune»

S. Agata di P., 20.04.2009 - «Rinegoziare le convenzioni per l’eolico, eliminare gli sprechi che hanno portato il paese sull’orlo del dissesto e restituire la Amministrazione comunale a una gestione trasparente e partecipata dai cittadini». Sono queste le priorità indicate da Giuseppe Gerardo Marchese, candidato sindaco della lista civica “Uniti per Sant’Agata, nel comizio di presentazione del proprio programma. Il comizio è stato aperto da Pina Cutolo, coordinatore cittadino del Partito Democratico. Con l’ausilio di un videoproiettore, ai cittadini sono stati mostrati i documenti pubblici che certificano un ammontare complessivo di indebitamento delle casse comunali pari a oltre 10 milioni di euro.
Al centro dell’incontro coi cittadini, anche la proposta di gestire in modo diverso la risorsa del vento. «A fronte di una vera e propria crocifissione del territorio, con pale installate ovunque – ha spiegato Marchese –, il Comune di Sant’Agata ha una percentuale risibile dei ricavi inerenti i parchi eolici: 1,5 per cento contro il 2,5 per cento di Candela che sarà portato al 5 per cento. Per non parlare di Orsara, dove lo schema di convenzione è ancora più vantaggioso. Il nostro territorio non può essere svenduto. Sull’eolico – ha detto il candidato sindaco – il modello deve essere quello della gestione diretta degli impianti».
Con gli introiti delle wind farm, Uniti per Sant’Agata propone la stabilizzazione dei precari della municipalizzata con l’adeguamento dei contratti e la creazione diretta di posti di lavoro derivanti dalla gestione dei parchi. «Dopo 10 anni, c’è bisogno di un nuovo respiro per un governo cittadino aperto al confronto e alla collaborazione con tutte le forze attive della società santagatese – ha dichiarato Maurizio Vivolo, uno dei candidati consiglieri di Uniti per Sant’Agata –. Abbiamo idee e progetti seri, condivisi, scaturiti dall’azione e dal confronto di questi mesi che ci hanno messo di fronte a una cittadinanza stanca dei metodi e delle eterne promesse di chi non ha fatto progredire di un solo passo il nostro paese».

www.unitipersantagata.it
Giuseppe Gerardo Marchese Sindaco



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.