‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
In Provincia
| Vai all’indice | Vai all'argomento principale |
Guerrera: «I nostri operatori del 118 sono discriminati»
In altre realtà l’Asl di Foggia ha permesso l’assunzione di tutti gli operatori addetti al servizio grazie alla Sanità Service, creando così una disuguaglianza di trattamento tra operatori e volontari che operano nello stesso servizio

Carlantino, 13.06.2009 - «È finita la precarietà. Ormai gli attuali 500 operatori del servizio del 118 possono guardare definitivamente il futuro con più serenità. Infatti, la precarietà creata prima dell’avvento di Sanità Service aveva ormai raggiunto livelli indescrivibili, basti pensare a tutti gli operatori che effettuavano tripli turni, che venivano pagati dopo cinque mesi, che non avevano garanzia della propria contribuzione o di essere sottopagati, per un servizio che difatti arricchiva qualcuno».
Con questa nota, circa tre mesi fa, l’USPPI commentava l’operato della nuova società “Sanità Service” che si occupa del servizio di emergenza-urgenza del 118. Peccato, però, che la nuova società abbia risolto le problematiche solo di alcune postazioni del servizio ma non di tutte. Il 118 di Carlantino, infatti, è ancora oggi una realtà composta da volontari, non assunti e mal pagati. In altre realtà, invece, l’Asl di Foggia ha permesso l’assunzione di tutti gli operatori addetti al servizio grazie alla Sanità Service, creando così una disuguaglianza di trattamento tra operatori e volontari che operano nello stesso servizio.
Il comune di Carlantino, in una missiva indirizzata al direttore generale dell’Asl di Foggia, Ruggiero Castrignanò, ha protestato duramente per questa situazione chiedendo quanto prima che gli operatori del 118 di Carlantino siano assunti dalla Sanità Service. «Non si capisce questa discriminazione – ha dichiarato il sindaco del paese, Vito Guerrera –. Ancora una volta le piccole realtà come la nostra stanno vivendo un senso di ingiustizia totale dovuta a decisioni delle quali non si capiscono le motivazioni».
Anche l’Assessorato regionale alla sanità ha auspicato, in tempi brevi, l’assunzione di tutto il personale interessato al servizio del 118 «anche per dare il giusto riconoscimento ai lavoratori e volontari che da sempre operano per garantire e migliorare i servizi sanitari».
Il 118 di Carlantino ha 13 addetti, di cui 4 assunti dall’Associazione “Tour 27”, mentre i restanti 9 sono ancora volontari.

Comune di Carlantino
Sindaco: Vito Guerrera



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.