‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
In Provincia
| Vai all’indice | Vai all'argomento principale |
Vertenza Bellaria Mobili (Gruppo Bontempi), le maestranze ed i sindacati Filca CISL, Feneal UIL e Fillea CGIL rigettano la proposta dell’azienda. Sarà sciopero il 18 e il 21 settembre
Le maestranze tutte, Filca, Feneal e Fillea hanno ritenuto la proposta priva di un piano industriale, oltre che iniqua

Foggia, 16.09.2009 - Sciopero alla Bellaria di Ascoli Satriano. Lo annunciano le maestranze ed i sindacati di categoria Filca CISL, Feneal UIL e Fillea CGIL. «Nella riunione – spiegano – tenutasi lunedì 14 settembre scorso, presso la task-force regionale per l’occupazione, l’azienda Bellaria Mobili del gruppo BONTEMPI aveva ipotizzato la possibilità di attivare, per tutti e 80 i lavoratori, attualmente presenti in azienda, una CIGS (Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria) per un anno, a rotazione di un mese ciascuno, per un numero massimo di 20 unità (di cui 9 fisse per ogni turno, essendo figure infungibili, quindi per un numero reale di 11 unità). Inoltre, in merito alla richiesta di anticipazione della cassa integrazione chiesta dal sindacato, l’unica disponibilità dell’azienda è stata quella di 400,00 euro per il primo mese e, per il secondo e terzo mese, un’anticipazione di altre 400,00 euro, da prelevare però sulle somme eventualmente accantonate dai lavoratori sul proprio TFR».
Le maestranze tutte, unitamente alle segreterie provinciali di Filca, Feneal e Fillea, nell’assemblea tenutasi il 16 settembre, hanno ritenuto la proposta priva di un piano industriale, oltre che iniqua e non rispondente alle aspettative di chi, per agevolare un insediamento importante come la “Bellaria – gruppo BONTEMPI”, ha prodotto un sacrificio enorme, rinunciando a pezzi importanti sia di diritti che di salario. Pertanto, hanno rigettato l’ipotesi avanzata dall’azienda. Secondo maestranze e sindacati «…tale atteggiamento non è consono a chi, illudendo il territorio del Patto territoriale di Ascoli-Candela con un progetto industriale, ha ricevuto ingenti finanziamenti, di cui 7,3 milioni di euro a fondo perduto».
Per questi motivi, è stato indetto per il giorno 18 settembre 2009 uno sciopero di 8 ore, a cui seguirà un’altra giornata di sciopero il 21 settembre, «…al fine di consentire la partecipazione di tutti i lavoratori ad un presidio sotto la sede dell’Assessorato Regionale al Lavoro, in concomitanza con l’incontro convocato dallo stesso Assessorato, al quale parteciperanno oltre all’Assessore al lavoro, la task-force regionale, l’azienda, i sindacati, le istituzioni locali del territorio del patto e il responsabile della società del patto». Secondo i sindacati, «…la mediazione importante della Regione deve essere finalizzata a trovare una soluzione che renda giustizia ad un territorio assetato di lavoro e non solo di sostegni al reddito».

Filca CISL, Feneal UIL e Fillea CGIL
Segreterie Territoriali Foggia



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.