‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
In Provincia
| Leggi le altre di Provincia | Vai all'argomento principale |
Alberona, grande successo per i fuochi di Sant’Antonio
Già alcuni giorni prima della ricorrenza, in paese inizia la raccolta della legna che è successivamente accumulata in grandi covoni

Alberona, 19.01.2008 - Tutto il paese, giovedì sera, ha partecipato all’antica tradizione dei fuochi di Sant’Antonio. Una ricorrenza, quella dedicata al Santo Protettore degli animali, che ha riempito piazze e vicoli di Alberona con centinaia di persone giunte anche da molti centri della provincia. Suggestivo lo spettacolo offerto dai falò, in una serata resa più piacevole e calda dalle condizioni climatiche e dal tepore del fuoco. Affascinante la sfilata di dame, cavalieri, mangiafuoco e trampolieri ad opera degli artisti di strada dell’associazione Liubo, gruppo proveniente da Lucera e che dalla vicina città federiciana ha portato un buon numero di persone.

Particolarmente apprezzato è stato lo stand gastronomico gestito dai volontari della Proloco, dove si sono potuti gustare panini, salsicce, fagioli con le cotiche, pizza coi i cicoli e vino. In Piazza Civetta, lo spazio che si estende ai piedi della chiesa gotica dedicata a San Rocco, sono stati allestiti numerosi tavoli. A pochi passi, all’inizio della discesa che porta alla Chiesa Madre, dai locali della Proloco è stato proiettato un video che racconta Alberona dal punto di vista storico, architettonico, economico e della enogastronomia.

La luce di fiamme scintillanti e il bagliore di antiche lanterne hanno illuminato il giorno dedicato a “I foche de Sant’Antonie”. I fuochi di Sant’Antonio sono un evento tra il sacro e il profano e danno il via, secondo una tradizione che si perde nella notte dei tempi, al lungo periodo del Carnevale. Quella dedicata a Sant’Antonio è una Festa molto sentita ad Alberona, probabilmente in virtù dell’ancora forte vocazione agricola del comune.

Nato nel terzo secolo dopo Cristo, eremita nel deserto egiziano, vissuto per scelta in compagnia di soli animali, Santo Protettore di questi ultimi, la fantasia contadina ha fatto di Sant’Antonio Abate un santo strettamente collegato alla vita rurale e, in particolare, alla ripresa dell’attività agraria. Tra le manifestazioni cerimoniali di cui si compone la festa, la più appariscente è sicuramente quella dell’accensione dei fuochi. Già alcuni giorni prima della ricorrenza, in paese inizia la raccolta della legna che è successivamente accumulata in grandi covoni.

Comune di Alberona
http://www.comunealberona.it



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.