‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
In Provincia
| Vai all’indice | Vai all'argomento principale |
“Faeto Libera Unita Democratica” e la questione Castiglione
I danni subiti in questi anni sono ingenti e difficilmente riparabili

Faeto, 18.06.2008 - Nell’ultimo Consiglio comunale abbiamo discusso su una nostra interrogazione che chiedeva chiarimenti in merito al fatto che da alcuni mesi il Centro polisportivo Il Castiglione ed in particolare le coperture in rame (dalla vendita del quale si ottengono lauti guadagni) sono state oggetto di continui furti. Vogliamo ricordare che Il Castiglione è di proprietà di tutti i cittadini faetani e che in questi anni il Comune nulla o poco ha fatto per proteggere questa proprietà pubblica. I danni subiti in questi anni sono ingenti e difficilmente riparabili. Dal momento che il controllo da parte delle forze dell’ordine, sebbene abbia portato a brillanti risultati, non può essere per ovvi motivi continuo e dal momento che l’Amministrazione ha preferito spendere inopinatamente 10.000 euro di soldi pubblici appartenenti a tutti i cittadini per un sistema di videosorveglianza sul Belvedere di cui non c’era assolutamente bisogno, piuttosto che localizzarlo nella zona del Castiglione a tutela di una proprietà pubblica che era stata continuamente oggetto di furti ma anche di atti vandalici, il Gruppo consiliare Faeto Libera Unita Democratica ha chiesto l’ammontare del danno finanziario subito dalla struttura ed in particolare dai furti di rame verificatisi in questi mesi quanto rame risulta ancora essere presente in questa struttura e, una volta quantificato, si è chiesto che possa essere fatto proprio dal Comune e venduto in modo che si possa utilizzare il ricavato per iniziative destinate ai cittadini.
Questo è quanto emerso:

  • l’ammontare del danno finanziario recato al complesso Il Castiglione dovuto ai furti di rami susseguitisi negli ultimi due anni è di oltre 79.000 euro di soldi pubblici, appartenenti a tutti i cittadini;
  • le coperture in rame sono presenti ancora su quattro strutture del Castiglione che sono state elencate, ma i cui nomi non facciamo per ovvi motivi di sicurezza;
  • la quantificazione del valore economico di tale rame ancora presente, nonostante la nostra interrogazione sia stata presentata il 28 Aprile, non è stata ancora calcolata, ma chiederemo nuovamente tale dato;
  • la nostra proposta (a cui avrebbe dovuto pensare l’Amministrazione in questi anni per tutelare il patrimonio pubblico) di acquisire da parte del Comune il rame ancora presente sulle strutture e di venderlo in modo che il ricavato si possa utilizzare per iniziative destinate ai cittadini, è stata accolta dalla Amministrazione e sarà nostro preciso impegno farvi avere tutte le informazioni di tipo economico e di ogni altra natura riguardante tale questione
  • l’Amministrazione ha inoltre dichiarato che sarà pubblicato un nuovo bando di Project financing che costerà al Comune 1.000 euro;
  • la nostra proposta a questo punto è stata di provare con questo ennesimo tentativo di ripristinare Il Castiglione oltre che di proporlo nel suo complesso anche in un suo spacchettamento, per dare in gestione (magari in maniera separata) le varie strutture ad esso pertinenti come, ad esempio, il maneggio ad un soggetto, i campi da tennis ad un altro ecc. Il Consiglio Comunale ha accettato anche tale proposta.

Vi elenchiamo i soldi pubblici, appartenenti a tutti i cittadini, spesi dal 2000 ad oggi per finanziare iniziative che non hanno sortito alcun effetto positivo riguardo al funzionamento della struttura:

  • 15.000 euro per una consulenza ad una società barese che ha confezionato uno studio di fattibilità economico-finanziario e le cui conclusioni  possono definirsi sostanzialmente scontate e forse superflue: infatti Il Castiglione rimane ancora abbandonato. Il rapporto in sintesi diceva che un soggetto che volesse investire per ripristinare le strutture de Il Castiglione dovrebbe investire 1.500.000 euro come somma iniziale solo per mettere a nuovo la struttura e poi dovrebbe investire altre somme per iniziare a farla funzionare. Questo soggetto inizierebbe a produrre qualche utile solo dopo 15 anni circa di funzionamento della struttura stessa, con la possibilità che le entrate crescano gradualmente con il trascorrere del tempo;
  • 3.000 euro per bandire un concorso di Projet financing che non ha sortito alcun risultato;
  • 12.000 euro per bandire un concorso di idee che attualmente non ha ancora portato ad alcun risultato;
  • 100.000 euro di mutuo per provvedere alla sostituzione del rame rubato dai tetti delle varie strutture con l’alluminio;
  • 1.000 euro per le spese utili a fare un nuovo bando di Project financing.

Il totale ammonta a 131.000 euro di soldi pubblici, appartenenti a tutti i cittadini, e non ha portato nessun beneficio alla struttura che di fatto resta ancora abbandonata ed esposta alle scorribande dei vari teppisti e delinquenti.
Chiudiamo con due dichiarazioni fatte dal Sindaco in due momenti diversi e riguardanti entrambe proprio Il Castiglione.

  • “Vi volevo dire che a Giugno di quest’anno partirà Il Castiglione” (Aprile 2005  nel corso del comizio di ringraziamento per la vittoria elettorale);
  • “Nel mese di luglio scorso il Consiglio Comunale adottò un provvedimento (con il nostro voto contrario, nda) con il quale decise di emettere un bando di idee sul Castiglione e su che cosa fare di esso, bando che è stato espletato ed a cui hanno partecipato due gruppi. La Commissione si è riunita, ha vagliato ambedue i progetti, che sono stati ritenuti idonei e la Commissione ha fatto anche una scelta di quello che ritiene più idoneo per essere messo a bando fra non molto tempo. Gli uffici stanno già lavorando, metteremo a bando questa idea e speriamo di trovare degli imprenditori che abbiano non solo capacità finanziarie per poter sistemare e quindi avviare Il Castiglione…” (Settembre 2007 all’Agenzia giornalistica di Luca Turi e visibile inserendo su Google le parole Il Castiglione Faeto).

Il Gruppo consiliare
“Faeto Libera Unita Democratica”



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.