Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
 
POLITICA
Politica

Pitta e Abate: scontro su nuove assunzioni

Nel video in questa pagina, anche l'interrogazione su un presunto cedimento di uno stabile in via Appulo Sannitica

Lucera, 31.12.2021 – Nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale anche Fabrizio Abate è intervenuto nella fase delle interrogazioni per sollevarne due. La prima riguardava un argomento di attualità trattato dal sindaco Giuseppe Pitta in una diretta Facebook di qualche giorno prima, le assunzioni di nuovi dipendenti comunali, tenuto conto dell’atavica carenza di personale. «Sindaco – ha detto Abate –, mi piacerebbe però che lei mostrasse anche una certa onestà intellettuale e che in un certo qual modo rettificasse ciò che ha detto in quella diretta: lei ha fatto espresso riferimento a un regolamento del dicembre del 2018, la delibera n. 447 del 12 dicembre di quell’anno, e giustamente sosteneva di essersi pedissequamente attenuto ai criteri indicati da quella Giunta nell’andare ad attingere da graduatorie di altri Enti, in particolare quelle di San Severo e Gravina, per fare l’assunzione di personale, ma nel suo intervento ha dimenticato di dire che questa è una facoltà, non un obbligo così come ha inteso farlo passare”. Era vero infatti, come ha continuato a osservare il consigliere, che la Giunta aveva ampliato il ventaglio di possibilità considerando che oltre alle mobilità obbligatoria e volontaria e al concorso si potesse utilizzare anche quell’altro strumento, ma il regolamento approvato nella precedente amministrazione a un certo punto diceva a chiare lettere che il Comune si riservava la facoltà di non procedere all’assunzione del candidato posizionato utilmente qualora, a seguito di colloquio, non venisse ritenuto idoneo alla posizione da ricoprire tenuto conto delle circostanze e competenze acquisite. Le domande di Abate rivolte a Pitta erano allora le seguenti: «Considerato che lei ha utilizzato graduatorie di altri Enti, le è venuto il dubbio se fosse il caso di fare i colloqui? È stata fatta in particolar modo una valutazione certosina oggettiva che ci siano tutte le competenze e le conoscenze per poter ricoprire un incarico così delicato come quello di dirigente del settore Urbanistica? Inoltre, non capisco perché i lavori pubblici e l’ARO siano stati lasciati al dott. Raffaele Cardillo».
L’altra questione affrontata da Abate, collaterale alla prima, concerneva l’approvazione del fabbisogno del personale, fatta il 12 ottobre 2021, in occasione della quale era stata esclusa la mobilità volontaria ed era stata lasciata soltanto quella obbligatoria: nel regolamento per le assunzioni del 2017 era espressamente detto che la procedura di mobilità volontaria dura trenta giorni, decorsi i quali il dirigente del personale con la commissione possono valutare i curricula ed eventualmente fare i colloqui, dopodiché procedere a effettuare l’assunzione, così il consigliere ha chiesto al sindaco perché avesse escluso la possibilità di fare la mobilità volontaria ricorrendo direttamente a graduatorie di altri Enti.

Riguardo alla questione delle assunzioni Pitta ha innanzitutto chiarito, invitando Abate a rivedere la diretta per verificare ciò che stava dicendo, di non aver imposto nulla: «Lei dovrebbe avere il buonsenso di non ingannare i nostri concittadini: dopo anni che questo Comune non assumeva nessuno, a seguito di un declino inesorabile della pianta organica comunale, passata da oltre duecento dipendenti a centodieci circa, noi riusciamo ad assumere un dirigente tecnico, che mancava dal pensionamento di Cinquia, quattro amministrativi e tre tecnici, più di quanto abbia mai fatto nessuno in questa città». Relativamente invece al dubbio sollevato da Abate relativamente alla presunta scelta di Pitta della graduatoria di San Severo per via dell’amicizia del sindaco con Francesco Miglio, Pitta ha fatto notare al consigliere che quell’insinuazione era di un livello indefinibile; inoltre «nella delibera di Giunta del dicembre 2018 tra i votanti c’era anche l’assessore, all’epoca pure vicesindaco, Abate, il quale dettò delle regole». Quanto poi alla scelta di Pitta di non optare per la mobilità, il sindaco ha spiegato che fare ciò avrebbe decretato il fallimento reiterato dato dalle non assunzioni al Comune: «Perché non dice ai suoi concittadini che quest’amministrazione con senso di responsabilità e senza badare a questioni politiche ha approvato la graduatoria di un concorso fatto dall’amministrazione precedente assumendo tutti quelli della medesima graduatoria e dando la possibilità a questi lucerini di vivere dignitosamente?». D’altronde, come ha continuato a spiegare Pitta, ove mai il Comune avesse optato per la mobilità, il Ministero dell’Interno avrebbe detto all’Ente di considerare quello che sarebbe riuscito a fare: «In una fase così difficile il governo ci ha messo nelle condizioni di poter assumere persone che hanno vinto regolari concorsi, mentre la segretaria comunale dott.ssa Acquaviva ha inviato formale richiesta di utilizzo delle graduatorie a tutta la provincia di Foggia ed è stata individuata quella di San Severo, ma lei ha insinuato che quest’amministrazione ha commesso un reato facendo ciò, e se ne deve vergognare: l’operato della dott.ssa nel rispetto delle indicazioni della Giunta è stato la carta vincente per assumere». Alle parole del sindaco proprio Acquaviva ha aggiunto che quando si opta per la mobilità volontaria è elemento imprescindibile che l’Ente di provenienza dia il nulla osta e quasi mai accade ciò dal momento che la carenza di personale è diffusa dappertutto. In seguito, Pitta ha informato che il Comune dall’anno prossimo bandirà i concorsi pubblici per tutte le categorie e si doterà di proprie graduatorie, poi «ci sarà qualche Comune limitrofo che farà lavorare gli idonei delle graduatorie che noi avremo regolarmente costituito».

Greta Notarangelo

 
 
 

SATYRICON

Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.