Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
 
POLITICA
Politica

Antonio Dell'Aquila: «La politica distante dalle cose concrete»
«In una fase come questa – ha lamentato il consigliere del PD in una diretta con Il Frizzo –, dove tanti cittadini soffrono numerosi screzi, uscite come quella dell'ex sindaco evidenziano la distanza della politica dalle cose concrete»

Lucera, 22.03.2021 Abbiamo voluto affrontare in un incontro online col consigliere comunale del PD Antonio Dell’Aquila una questione che ha visto l’associazione da lui stesso presieduta, “Cittadinanzattiva”, protagonista di un ultimo evento attinente all’ospedale Lastaria di Lucera. L’evento in questione si intitolava “Lastaria-Policlinico Riuniti: un anno insieme”. Durante quell’occasione, invero ben riuscita, ci sono stati degli ospiti, primo fra tutti il Dirigente del Policlinico Vitangelo Dattoli, il direttore sanitario dott. Franco Mezzadri ed una cospicua schiera di medici e di personale paramedico sanitario, tutti riunitisi nel piazzale antistante all’ingresso dell’ospedale di Lucera. Tra l’altro, quell’iniziativa si è conclusa con un messaggio musicale di speranza grazie all’intervento musicale offerto da Strumenti e Figure, nelle persone di Gianni e del Mº Francesco Finizio, con la voce di Alessia Carelli ed il Mº Vittorio Barbaro al pianoforte. È stato un momento in cui l’associazione ha voluto inoltre consegnare una targa di riconoscimento al dirigente Dattoli per il lavoro da lui svolto, ma allo stesso tempo si è sottolineato, proprio per tramite di Dell’Aquila, che non andava abbassato il livello di attenzione soprattutto rispetto al Pronto Soccorso, che si dice debba riaprire il 16 aprile.
Sono intervenuti anche il sindaco di Lucera Giuseppe Pitta, dopo che l’evento è stato aperto da Veronica La Rotonna, una componente molto attiva dell’associazione, ed il consigliere regionale Antonio Tutolo. Proprio all’ex sindaco di Lucera, però, sembra che non sia andato giù quest’evento, tanto da fare immediatamente una diretta, poco tempo dopo, in cui si è scagliato contro Dell’Aquila senza una ragione. «In una fase come questa – ha lamentato allora il consigliere del PD –, dove tanti cittadini soffrono numerosi screzi, uscite come quella alla quale abbiamo assistito evidenziano la distanza della politica dalle cose concrete». Quindi, Dell’Aquila è passato a parlare di tutto ciò che di buono è stato fatto per l’ospedale: «Dattoli è solo la punta dell’iceberg, ma non dimentichiamo il personale sanitario, coordinato dal dott. Massimo Zanasi». Come cittadino, invece, il consigliere ha fatto presente allo stesso Dattoli in quell’occasione che il 2 aprile sarebbero stati due mesi che il PS era chiuso e che ciò avrebbe costituito una ferita per la città: «Tuttavia, il Direttore è stato corretto e ci ha dato anche una buona notizia». D’altronde, sul Lastaria c’è stato anche un lavoro svolto dall’assessore regionale Raffaele Piemontese e dal Presidente Michele Emiliano – come ha fatto rilevare lo stesso Dell’Aquila –, e naturalmente il Comune di Lucera ha avuto una sua funzione. Qualcuno, però, ha dovuto trovare del negativo anche laddove non c’era.

I primi segnali di un certo nervosismo da parte di Tutolo si sono avuti già col suo intervento decisamente fuori luogo ed offensivo durante l’evento, quando ha detto che chi non vede che l’ospedale ha qualcosa in più quest’anno rispetto a com’era deve farsi curare nel reparto di disturbi cognitivi. A tal proposito, Dell’Aquila ha fatto notare che gli interventi dell’ex sindaco sono stati veramente eccessivi, dato che lo stesso ha usato un linguaggio scurrile nei confronti del consigliere anche in riferimento alla questione immigrazione. «Ma non è il padrone della città – ha fatto notare il consigliere –, quindi la smetta di insultarmi; se poi vuole da me proposte, ne ho a iosa: vogliamo parlare della ZES, dei fondi rurali e delle case popolari? Intanto cominci lui a dare suggerimenti, e si occupi delle sue cose e non parli di me, dato che si è fatto votare sulla base di un programma!». Dell’Aquila ha proseguito ricordando che il Comune non ha un euro ma che come gruppo consiliare del PD hanno proposto di sbloccare la vicenda legata al microcredito: «Continuo a dire che i creditori del Comune sono in un mare di guai e che alcuni dipendenti comunali sono in difficoltà perché i disperati si rivolgono a loro direttamente». Nonostante tutti questi problemi, il Consiglio Comunale manca dal 25 gennaio e delle Commissioni non si sa nulla né vengono rese pubbliche, nonostante questa fosse stata un’altra questione lamentata dall’ex sindaco oltre sette anni fa chiedendo l’installazione di webcam per permettere ai cittadini di assistere alle riunioni delle stesse Commissioni. «La cosa più grave, però, è che non si riuniscono i capigruppo, pertanto, i consiglieri non hanno nessuna informazione». Peraltro, è stato presentato il bilancio stabilmente riequilibrato ma a dire di Dell’Aquila, «non si riesce ad avere una notizia in merito, così, i consiglieri si aggirano come zombie per il Comune», mentre se si incontrassero sistematicamente, sarebbe diverso: «Come possiamo esercitare la nostra funzione in tali condizioni?».
Che dire, poi, del problema della zona ASI e di tanti altri analoghi? Per il consigliere, insomma, bisogna unire le forze, altrimenti non rimane che scrivere al Prefetto, «anche perché alle interrogazioni a cui sarebbe dovuta seguire una risposta da parte degli uffici non è seguito un bel nulla». Non solo: anche il settore della cultura è improduttivo, quindi, si pagano assessorati (per non dire di quello al Personale) che non producono nulla.
Il consigliere ha concluso lamentando che l’Ente rischia la paralisi per via della mancanza di personale.

Il Frizzo

 
 
 

SATYRICON

Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.