Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
 
POLITICA
Politica

Ipotesi chiusura Pronto Soccorso a Lucera: De Sabato, Buonavitacola e Ventrella: «Si faccia chiarezza»
«La gravità della situazione richiede risposte celeri e iniziative concrete, attivando anche il consigliere regionale Sig. Tutolo, affinché si faccia portavoce (e non solo) delle legittime esigenze sanitarie di Lucera e di tutti i nostri concittadini»

Lucera, 03.11.2020 – Ha subito destato scalpore e fatto dare l’allarme alle forze politiche di minoranza l’ipotesi di chiusura (l’ennesima) del Pronto Soccorso dell’Ospedale Lastaria di Lucera. In particolare a muoversi sono state due componenti della coalzione “Ricomponiamo il futuro”, vale a dire “De Sabato per Lucera” e “Forza Italia” che hanno indirizzato al sindaco di Lucera Giuseppe Pitta, al presidente del Consiglio Comunale Pietro Di Carlo e al direttore generale dell’Azienda Ospedaliera di Foggia Vitangelo Dattoli una comunicazione a firma dei consiglieri Franco Angelo Ventrella, Antonio Buonavitacola e Giuseppe De Sabato che «in qualità di capigruppo in Consiglio Comunale dei partiti e movimenti civici hanno appreso, da notizie di stampa e senza nessuna interlocuzione e notizie da parte delle SS.LL., che il Pronto Soccorso del nostro nosocomio è stato chiuso con effetto immediato e a tempo indeterminato (almeno questo si apprende in via informale) per preservare la sicurezza di pazienti e operatori sanitari».
In effetti, leggendo la nota recante le firme in calce di Dattoli e del direttore sanitario Franco Mezzadri, anche se si parla di sospensione temporanea dovuta all’emergenza Covid (leggi), alquanto ambigua appare l’affermazione successiva laddove si legge che “la statistica degli accessi registrati nell’ultimo anno, segnala d’altronde una scarsa affluenza di pazienti ascrivibile essenzialmente ai codici bianchi e verdi”. Insomma, un passaggio che ha fatto scattare il campanello d’allarme.
«Nell’esprimere la nostra ferma protesta – scrivono i tre consiglieri comunali di opposizione – per l’assurda e ingiustificata decisione che provoca ulteriori danni alla nostra collettività ma, in generale a tutto il territorio circostante, si chiede di conoscere con la massima urgenza se la decisione del direttore generale degli Ospedali Riuniti sia stata concordata con le SS.LL. ovvero sia stata portata a vostra preventiva conoscenza.
Nell’uno e nell’altro caso, ovviamente, si chiedono interventi urgenti affinché sia immediatamente ripristinato il funzionamento del Pronto Soccorso del nostro ospedale congiuntamente anche alla assegnazione di altre unità mediche, paramediche e strutture idonee per fronteggiare l’afflusso di pazienti che si recano al Pronto Soccorso lucerino
D’altra parte, è a tutti noto che il Pronto Soccorso degli Ospedali Riunti è sull’orlo del collasso non riuscendo (evidenti le immagini di autoambulanze che stazionano da giorni nei pressi dell’ospedale per consentire il ricovero di pazienti) più a soddisfare le richieste di assistenza urgente e ricoveri, motivo per cui la decisione di chiudere quello di Lucera appare del tutto controproducente per lo stesso nosocomio di Foggia e mette a rischio la salute e la vita di coloro che dovrebbero spostarsi da Lucera e dai paesi circostanti a Foggia, specialmente se trattasi di casi urgenti che necessitano di interventi immediati e salvavita.
La gravità della situazione richiede risposte celeri e iniziative concrete, attivando anche il consigliere regionale Sig. Tutolo
– aggiunge la nota –, affinché si faccia portavoce (e non solo) delle legittime esigenze sanitarie di Lucera e di tutti i nostri concittadini.
Restando in attesa di conoscere le determinazioni che verranno assunte – concludono De Sabato, Buonavitacola e Ventrella – e le richieste di chiarimenti sopra evidenziate, anche mediante urgente convocazione in videoconferenza, come già svolta in questi giorni, si porgono distinti saluti».

Il Frizzo

 
 
 


Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.