Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
 
POLITICA
Politica

La coalizione del centrosinistra ha presentato il suo candidato sindaco Fabrizio Abate
«Ho condiviso un percorso politico che ad un certo punto, a causa anche dell’ambizione personale di chi ha condotto quel tipo di progetto, si è lasciato naufragare, infatti, in un anno non si è riuscito a realizzare nulla di ciò che era stato promesso all’elettorato»

Lucera, 20.08.2020 – Nella serata dello scorso 19 agosto ha avuto finalmente luogo la presentazione della coalizione del centrosinistra, denominata “Insieme per Lucera”, in vista delle prossime elezioni amministrative lucerine del 20 e 21 settembre 2020. La prima uscita ufficiale per la presentazione del candidato sindaco, quindi, mentre della coalizione a sostegno di Giuseppe Pitta, pur essendo partita molto prima, non vi è mai stato un incontro con i mezzi di informazione. Identico risultato fin qui per quanto riguarda il candidato sindaco della coalizione “Fare, meglio”, Francesco Di Battista che avrebbe tentato in tutti i modi di “tirarsi dentro” sia Michele Consalvo che Elisa De Maso i quali hanno deciso di stare fermi (almeno per questo turno). Si attende, invece, la presentazione del candidato sindaco del centrodestra Giuseppe De Sabato con la coalizione “Ricomponiamo il futuro” formata dalla lista “De Sabato Sindaco per Lucera”, dai partiti “Fratelli d’Italia” e “Forza Italia” e dalla lista “Rialzati Italia”. Fino a ieri si sono succeduti in quel di Foggia gli incontri con la Lega-Salvini la quale alla fine ha deciso di correre da sola (spiegherà le motivazioni nella prossima apertura della campagna elettorale in solitaria?) con la candidata sindaco Dalila Lilian Brescia. Non pochi si chiedono quale approccio con la campagna elettorale avranno, a questo punto, anche pezzi della politica locale rimasti fuori, come Fabio Valerio (ancora una volta rinunciatario rispetto ad una candidatura a sindaco di una coalizione formata in prevalenza da civiche), Giuseppe Bizzarri, Simona Dell’Osso, Renato Gentile, Ettore Orlando ed altri ancora. Chi intercetterà quel flusso che fin qui non si sa ancora se sia solo “potenziale” anziché dinamico? E infine c’è sempre il Movimento 5 Stelle che attende la certificazione della lista da Roma e che ripropone Raffaella Gambarelli candidato sindaco.
Ma torniamo alla conferenza stampa del centrosinistra (il video integrale lo trovate in questa pagina e sul canale YouTube del Frizzo) per riportare quanto detto in apertura – dopo l'introduzione del coordinatore cittadino di Italia in Comune, Raffaele Iannantuoni – dal segretario cittadino del PD Ernesto Maria Giannetta il quale ha sottolineato che non sono stati fatti accordi sottobanco e che la loro coalizione non è fatta solo di liste, ma include anche il mondo del volontariato e delle associazioni ed è aperta a tutte quelle persone moderate che intendono collaborare con le tre liste (Partito Democratico, Italia in Comune e Siamo Lucera) costituenti la stessa coalizione per mettere fine al populismo: «Stiamo ultimando il programma, quindi accogliamo eventuali proposte. Durante questa campagna elettorale non intendiamo polemizzare con nessuno, ma parleremo soltanto di programmi, appunto, ed anche se saremo provocati, non risponderemo».
Gianni Finizio, rappresentante della lista civica Siamo Lucera, ha spiegato che questo progetto è stato sposato perché «veniamo dalla cittadinanza attiva ed impegniamo il nostro tempo per la città», mentre di Fabrizio Abate, designato come candidato sindaco ha detto: «Con lui siamo sicuri di avere un interlocutore disponibile all’ascolto». Questa lista, in particolare, è stata messa su da Finizio e Franco Calabrese, i quali hanno coinvolto una serie di associazioni ed organizzazioni di natura culturale e ricreativa presenti nel territorio. «Gianni – ha dichiarato entusiasta Abate – è una fonte inesauribile di proposte culturali ed ovunque mette le mani garantisce una buona riuscita».


La conferenza stampa di "Insieme per Lucera"

Proprio Abate ha evidenziato che Giannetta ha creduto fortemente nella sua candidatura affinché si potesse ricostruire il campo politico del centrosinistra: «Non era facile dopo l’ultima tornata elettorale ed una serie di situazioni particolari verificatesi, ma siamo convinti di poter raggiungere l’obiettivo di far sì che in questa città prima o poi cessi la situazione che abbiamo vissuto in questi anni: ho condiviso un percorso politico che ad un certo punto, a causa anche dell’ambizione personale di chi ha condotto quel tipo di progetto, si è lasciato naufragare, infatti, in un anno non si è riuscito a realizzare nulla di ciò che era stato promesso all’elettorato, tanto che molte situazioni sono ancora in piedi, così, lasciare sospeso il percorso appena iniziato non mi sembrava giusto». Abate ha proseguito facendo notare che a suo parere, «a questo tavolo ci sono tutte le competenze e personalità che possono contribuire alla soluzione dei problemi», e ha approfittato per ringraziare l’avvocato Pippo Agnusdei, coordinatore provinciale con delega alla giustizia della lista Italia in Comune, che «si è speso molto per il tribunale, pertanto ce la metteremo tutta per ridare lustro a quel palazzo che necessita di interventi strutturali». In riferimento poi alla dichiarazione dell’altro candidato sindaco Francesco Di Battista, il quale ha detto che l’operazione Facciamo Piazza Pulita ha ormai esaurito il suo scopo (quello di “spazzare via la vecchia politica”), l’ex assessore al Bilancio ha ammesso di non aver compreso a cosa si riferisse, chiarendo che non bisogna guardare a “vecchio” e “nuovo”, bensì alle competenze. Abate ha sottolineato che continua comunque a mantenere buoni rapporti interpersonali con gran parte di coloro che compongono lo schieramento pagnottaro (anche se non sembrerebbe, viste le stilettate tutt’altro che delicate indirizzate all’ex compagna Francesca Niro e soprattutto a Giuseppe Grasso circa una vendita di un capannone con terreno ai Montagano-Maia Rigenera), ma vedrebbe con favore anche una collaborazione col Movimento 5 Stelle: «Siamo fiduciosi che questo torni sui suoi passi per pensare ad un percorso condiviso e creare un gruppo solido e coeso». Quanto, invece, alla scelta di Giuseppe Pitta quale candidato sindaco, ha chiarito: «Quando mi è stato chiesto di sposare la sua candidatura senza possibilità di un confronto democratico o di un contraddittorio, non ho accettato, perché ho visto la questione ridotta ad un mero scambio di incarichi». Quello scambio, appunto, che portò l’ex sindaco “del dissesto” a sostituirsi a Pitta rispetto alla candidatura alle Regionali per aprirgli quella di candidato sindaco a Lucera.

Il Frizzo

 
 
 


Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.