Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
 
POLITICA
Politica

Leghisti a pranzo con Massimo Casanova, Daniele Cusmai, Joseph Splendido e Raimondo Ursitti
I leghisti lucerini a banchetto senza la consigliera Marina Petroianni. Anzi, non la invitano e in un giorno il commissario esegue l’ordine di estrometterla dal partito. Achille Petito: «A Lucera non può venire a comandare chicchessia!»

Lucera, 04.02.2020 – “Questione Lega-Salvini Lucera”. Eravamo rimasti al banchetto-pranzo tenutosi ieri presso un ristorante nei pressi di piazza Duomo con l’europarlamentare Massimo Casanova e il segretario provinciale di Capitanata Daniele Cusmai, la comitiva cittadina del partito (non c’è un organo direttivo, né un coordinamento o una segreteria, a livello locale) e il commissario Vincenzo Pecoriello che ormai nessuno fa mistero essere uomo molto vicino al segretario provinciale della Feneal-Uil Yuri Galasso il quale, a sua volta, si era fatto promotore dell’apertura di un comitato di azione civile di Italia Viva: insomma un renziano lega-to a doppio filo, uno rosso-azzurro e l’altro verde. A pranzo c’erano, oltre a Casanova e Cusmai, anche Raimondo Ursitti e Joseph Splendido da Foggia, quest’ultimo ormai prossimo candidato alle Regionali 2020 di Puglia con tanto di benedizione anche dei leghisti lucerini presenti ieri alla tavolata: Dalila Lilian Brescia, Giulio Capobianco, Pasquale Ricci, Alberto Auricchio, Marcello Ferrante (sua figlia Ingrid Maria è stata candidata nella lista della Lega alle elezioni Comunali 2019 a Lucera). Non era presente, stranamente, l’unica rappresentante in Consiglio Comunale per la Lega, vale a dire Maria Petroianni. Addirittura non è stata nemmeno invitata alla luculliana adunata. Probabile che le voci che la volevano candidata per la città di Lucera sotto il simbolo leghista non siano state digerite da chi nel centro federiciano (come in altri centri della Capitanata) spera di pescare voti o dirottarli verso altri lidi che non siano lucerini. Non è un mistero, peraltro, che oramai in ogni sponda lucerina si trovino (come sempre) grandi portatori d’acqua a favore dei cosiddetti “stranieri”. Persino nelle frange tutoliane sono spaccati, visto che lo stesso sindaco avrebbe fatto un passo indietro rispetto ad una eventuale candidatura alle Regionali di suo cognato Vincenzo Checchia (tanto che una parte della coalizione pagnottara ha deviato sui Giuseppe Pitta) per non trovarsi in imbarazzo vista la pseudo-parentela verso la quale, però, non sarebbe arrossito affatto quando si è tratato di investirlo della nomina di assessore comunale. In ogni modo sembra ormai un dato abbastanza certo l’appoggio di Antonio Tutolo (insieme Fabrizio Abate, Leonardo Del Gaudio e tutta la cordata dell’assessore comunale al Bilancio) a Raffaele Piemontese e quindi a Michele Emiliano (per il quale il sindaco di Lucera si è speso in prima persona ancora una volta alle Primarie del centrosinistra).
La candidatura di Marina Petroianni alle Regionali per la Lega di Lucera, d’altro canto, era vista anche nella prospettiva di contribuire a contrastare l’eventuale raccolta voti del candidato pagnottaro e per dare al partito di Salvini un certo peso specifico. D’altro canto la Lega lucerina senza il contributo di Petroianni prima e di Vincenzo Iannantuoni alle Amministrative di maggio 2019 sarebbe ben poca cosa.
Sta di fatto che il mancato invito di ieri alla consigliera comunale ha fatto pensare che si sia preferito portare ancora una volta un “estraneo” in città (abdicando a favore di decisioni dettate da altrettanti estranei) e che per la candidatura ad una lucerina non se ne dovesse parlare. Non le manda a dire il coniuge di Marina Petroianni, Achille Petito, il quale senza mezzi termini avrebbe fatto capire chiaro e tondo, sia ai commensali di ieri che ai vertici provinciali ed europei, che «…a Lucera non può venire a comandare chicchessia!».
E a distanze di 24 ore dal banchetto ecco la prima reazione con un comunicato a firma del commissario cittadino Vincenzo Pecoriello che recita, lapidario: «A far data da oggi 04/02/2020, su indicazione della Segreteria Provinciale, comunico in qualità di Commissario cittadino della Lega di Lucera, che la Sig.ra Marina Petroianni non rappresenta più in seno al consiglio comunale la suddetta formazione partitica. Pur ringraziando l’apporto dato alle scorse elezioni, il provvedimento si rende necessario vista l’impossibilità di coordinare azioni congiunte per il normale prosieguo delle attività politiche».
Ecco così completata l’opera. All’uscita dalla Lega di un po’ di tempo fa del consigliere Vincenzo Iannantuoni si aggiunge quella di Marina Petroianni che a questo punto si vedrà di certo costretta ad aderire ad un nuovo gruppo in seno al Consiglio Comunale, senza però abbandonare l’idea di candidarsi a Puglia 2020 in qualche altra formazione politica. Magari per togliersi qualche sassolino.
E se servisse una dimostrazione che a Lucera nessuno è mai stato padrone in casa sua, basterebbe rileggere quel passaggio del comunicato: «…su indicazione della Segreteria Provinciale, comunico in qualità di Commissario cittadino della Lega di Lucera, che la Sig.ra Marina Petroianni non rappresenta più in seno al consiglio comunale la suddetta formazione partitica». Passa il messaggio, quindi, che il commissario esegue e non va oltre. Magari accettando anche i panni del Caronte di turno che si è caricato su una barca già appesantita e a rischio affondamento qualche aspirante futuro segretario del partito. Dopo le Regionali, però. Chi sarà? Il nome che ha preso a circolare da tempo è quello di Dalila Lilian Brescia.

Il Frizzo

 
 
 


Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.