Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
 
POLITICA
Politica

Consiglio Comunale "dissestato" il 17 settembre prossimo
…ma forse il vero dissesto (oltre quello che la città in fondo sta già vivendo prima che venga eventualmente dichiarato) è nella compagine di opposizione dove Forza Italia paradossalmente potrebbe trovare nel M5S il più sicuro interlocutore. E nella Lega-Salvini la nebbia non si dirada

Lucera, 09.09.2019 – Martedì 17 settembre prossimo si terrà il terzo Consiglio Comunale del "Tutolo bis" per discutere e sottoporre ad approvazione dell'assise il piano di rimodulazione del riequilibrio finanziario dell'ente già bocciato dalla Corte dei Conti.
Facile e prevedibile l'approvazione dell'atto a cui farà seguito quello di ricorso per evitare un dissesto in cui, invero, da più parti si ritiene che la città stia già vivendo da tempo data l'economia asfittica, la tassazione locale al massimo e molti servizi tagliati (e senza contare la sporcizia e l'incuria in cui versano il centro e la periferia fino a quella rurale abbandonata a se stessa).
Intanto, mentre la politica continua a ritenersi estranea ad eventuali ruzzoloni (sempre pronta, però, ad appuntarsi medaglie in caso di esiti favorevoli) chiamando a raccolta tecnici ed esperti da pagare con le tasche dei cittadini, sindaco-assessori-presidente del consiglio e consiglieri continuano a riscuotere indennità di funzione e gettoni vari (magari ci sarà qualcuno che rinuncerà almeno agli spiccioletti giusto per...).
È stranamente saltata, invece, la seduta monotematica propedeutica agli atti sopra citati e promessa durante quella di insediamento dal presidente Giuseppe Pitta e dal sindaco. E di questo l'opposizione probabilmente chiederà conto.
Fratelli d'Italia, invece, pare avesse chiesto di inserire un punto aggiuntivo "collaborativo" con la individuazione e la nomina di un organismo esperto al fine di affrontare la questione pre-dissesto o dissesto che dir si voglia. Una mossa poco astuta? Probabile di sì, perché da una parte se dovesse fallire questa operazione, l'opposizione verrebbe accusata di essere responsabile del fallimento e la maggioranza apparirebbe come una verginella agli occhi della popolazione. Se invece la mossa dovesse portare un risultato si avrebbe la benedizione di una forza di minoranza pronta a divenire maggioranza e a gonfiare il petto per la scelta suggerita.
In entrambi i casi andrebbe bene a chi fin dall'inizio ha usato la linea morbida e le carezze al sindaco e alla maggioranza. 
Qualcuno dell'opposizione, però, avrebbe afferrato il senso "pericoloso" della proposta rimandandola al mittente e, quindi, alla maggioranza.
A chiedere, inoltre, di inserire un punto nella prossima seduta è il Comitato "Lucera Non Tace" che in una lettera aperta ai cittadini (leggi) chiede di tornare a monitorare con attenzione il sempre vivo progetto anaerobico della Maia Rigenera, un progetto che secondo alcune voci starebbe andando avanti spedito.
Tornando all'opposizione, c'è da registrare che al proprio interno, al di là delle apparenze di colore e di coalizione, si respira fin dall'insediamento quella è stata battezzata come un'opposizione all'opposizione con tanto di attacchi pubblici a Forza Italia e a Michele Consalvo che evidenziano disaccordi e dissapori tra le forze interne.
Lega-Salvini, invece. è più una mina vagante seppur ancora vacante per fortuna, visto che segni veri e propri di opposizione non ne ha dati granché e a qualcuno non è sfuggito – nella scorsa seduta del 14 agosto – il "dietro le quinte" con la forza di minoranza "morbida" che ha visto allontanarsi dall'aula (pardon!, dal palco) prima un consigliere della Lega ed immediatamente dopo quello della linea morbida far ritorno dopo tre o quattro minuti. Anzi, per certi versi sembra più dipendere da scelte esterne alla stessa Lega. Dicono che con la nomina del nuovo commissario cittadino Vincenzo Pecoriello "ogni nespole o bubbone giungerà a maturazione", ma c'è anche chi è pronto a giurare che sotto la cenere cova un fuoco pronto a divampare.
La nomina di Pecoriello, invero, stride fortemente con la vicinanza (oltre che a Massimo Casanova da Lesina) al segretario della FENEAL-UIL provinciale che proprio con il nuovo commissario della Lega pare abbia aperto una sede del noto sindacato che a quanto pare sembrerebbe legato più a ragioni leghiste che socialiste.
E intanto Tutolo e la sua maggioranza godono che è una bellezza e possono preparare le Regionali pugliesi in tutta tranquillità. Magari potendo contare proprio sull'aiuto di qualche ammorbidito dell'opposizione e (chissà!, mai dire mai!) di alcuni leghisti.
Se qualcuno nutrisse dei dubbi tanto da indurlo a sproloquiare, mi appello all'emendamento sempre puntuale della buonanima di Giulio Andreotti.

Barbecue

 
 
 


Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.