Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
 
POLITICA
Politica

Marina Petroianni sulla disinfestazione e sulla sicurezza in villa. Michele Consalvo sul Torneo delle Chiavi e il Corteo Storico
Esilaranti e a tratti comiche le risposte di Tutolo alla consigliera Petroianni. Meno teatrali ma preoccupanti quelle fornite dall'assessore Favilla a Consalvo

Lucera, 26.08.2019 – Nella fase delle interrogazioni sono intervenuti i consiglieri di minoranza Marina Petroianni e Michele Consalvo. La prima ha sollevato un’interrogazione relativa alla disinfestazione: nel periodo estivo essa è stata svolta, ma insetti e roditori hanno ugualmente creato problemi, pertanto Petroianni ha chiesto se vi sia la possibilità di aumentare le dosi soprattutto nel centro storico. Circa la disinfestazione e la derattizzazione, il sindaco ha comunicato che dal 1º luglio è in atto il nuovo servizio e che non è possibile aumentare il dosaggio, in quanto si tratta di sostanze nocive; quindi, Tutolo si è cimentato in una lezione scientifica sulle zanzare, le quali a suo dire «pungeranno comunque sempre», ed in seguito ha affermato, usando il linguaggio settoriale: «…ìje se v’ fazz’ vede’ ‘i coss’ mìje stengh’ nìreve nìreve: sono inguardabili, come del resto anche il resto, il resto non lo riesco a capire, l’altro ho più difficoltà». Insomma, molto chiaro come discorso. Ma non è finita qui: «La disinfestazione… se ce ne fosse stato bisogno, c’è sempre stato bisogno, non è che la disinfestazione si fa con l’aerosol piuttosto che col Fluibron, quindi io assolutamente eviterei personalmente… (cosa?, ndr)». Una risposta molto utile, dunque. La seconda interrogazione di Petroianni, invece, riguardava la sicurezza nella villa comunale: a tal proposito, il sindaco ha risposto che gli risulta ci siano diverse ordinanze: «È da circa un mese che tutti i giorni ci sono vigili in villa dalle 20:00 alle 22:00».


L'interrogazione di Marina Petroianni

Michele Consalvo, invece, ha voluto parlare della modalità in cui si è svolto il Torneo delle Chiavi di quest’anno. All’assessore alla Cultura Carolina Favilla il consigliere ha fatto notare innanzitutto che per la prima volta il Corteo Storico non ha attraversato le vie di Porta Albana, ma «il fatto noto è la delibera n. 232 del 9 agosto 2019, che richiama la nota del 1º agosto, con cui la Sovrintendenza archeologica autorizzava la manifestazione con massimo novecentonovanta spettatori»: la delibera ha come oggetto la co-organizzazione e nel deliberato si dice che la Giunta co-organizza l’evento demandando all’ATS 5 Porte l’intera organizzazione, la sicurezza ed il controllo degli accessi, e destinando la somma di 6.100,00 euro. Il comunicato stampa dell’ATS era stato pubblicato qualche giorno prima della delibera indicando il numero di mille posti fino ad esaurimento, ma il manifesto nulla dice del numero contingentato di posti disponibili.


L'interrogazione di Michele Consalvo

«La prima valutazione da fare – ha osservato allora Consalvo – è che da nessuna parte si parla di biglietti d’ingresso da ritirare per poter accedere, non lo sapeva nessuno tranne quelli che li hanno ritirati, non certo i turisti che sono venuti facendo centinaia di chilometri per essere rispediti a casa: una pessima figura per la nostra città, posso dire che c’è stata molta approssimazione». Il consigliere ha concluso invitando l’assessore Favilla a chieder scusa alla città per non aver saputo provvedere a quanto di sua competenza. Riguardo al cambio del percorso del castello, a dire di Favilla, la scelta è stata una decisione della direzione artistica del Corteo Storico dovuta a problemi di sicurezza, mentre il sindaco si è detto assolutamente certo che la cura dei biglietti è stata fatta in maniera trasparente e che comunque sarebbe auspicabile un luogo più capiente.
E che dire delle gravi affermazioni dell’assessore Favilla la quale ha fatto intendere che non fosse affatto un problema il fatto che la presenza di pubblico fosse non di mille ma di milleduecento?
Insomma, si è ammessa l’improvvisazione!

Greta Notarangelo

 
 
 


Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.