Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
 
POLITICA
Politica

Ettore Orlando sull'interrogazione dell'on. Marcello Gemmato circa la condotta idrica in Contrada Ripatetta
Nel frattempo, c’è chi ha tentato di mettere anzitempo una pezza a colori sulla vicenda che su Facebook l’avv. Ettore Orlando definisce «un piccolo giallo idrico». Tentativo fallito, a quanto sembra

Lucera, 08.06.2019 – Oggetto della conferenza stampa tenuta dal segretario cittadino di Fratelli d’Italia Ettore Orlando lo scorso 4 giugno è stata la questione Maia Rigenera ed in particolare l’impianto di compostaggio privato esistente in agro di Lucera in contrada Ripatetta.
È intervenuta, infatti, un’interrogazione parlamentare dell’onorevole Marcello Gemmato (FdI), nella Commissione Sanità a Monte Citorio, il quale ha messo in luce alcuni aspetti che sollevano perplessità relative all’andamento ed alla gestione dello stesso impianto. Sono già diversi anni che questo fa discutere, dal momento che è stato interessato da diversi incidenti, uno dei quali coinvolse persino la condotta idrica di approvvigionamento della città tanto da dover far intervenire il NOE; poi ci sono stati diversi interventi della magistratura per mettere in sicurezza alcuni materiali ritenuti nocivi.
Con la sua interrogazione (leggi), che ripercorre tutte queste fasi fino all’ultimo intervento dell’ARPA in materia e che è ovviamente rivolta al Ministro dell’Ambiente Sergio Costa, Gemmato chiede a quest’ultimo se a suo parere l’impianto sia in condizioni tali da tutelare il diritto alla salute dei cittadini e chiede anche l’intervento del nucleo dei Carabinieri per la tutela ambientale. A gennaio di quest’anno, infatti, c’è stato un intervento dell’ARPA, la quale ha riscontrato l’esistenza in loco di un deposito di materiale organico depositato negli anni ordinandone la rimozione e ravvisando, peraltro, il pericolo di infiltrazione del percolato nel suolo sottostante.
La questione, dunque, è ancora aperta, nonostante il sindaco abbia detto il contrario, ed intanto sul fronte del nuovo impianto anaerobico resta ancora da capire quali risultati abbia prodotto la delibera di Consiglio Comunale contenente un atto di indirizzo al dirigente del settore Urbanistica perché si pronunciasse in merito ad una variante ed al conseguente rilascio della concessione edilizia: pare che egli, a distanza di parecchi mesi, non si sia mai pronunciato a riguardo.
Fratelli d’Italia di Lucera auspica ora che tutte le autorità competenti (ASL, Arma dei Carabinieri, Nucleo di Tutela Ambientale, sindaco di Lucera, Regione Puglia ed AQP) diano finalmente delle risposte.


La conferenza stampa di Fratelli d'Italia

Nel frattempo, c’è chi ha tentato di mettere anzitempo una pezza a colori sulla vicenda che su Facebook l’avv. Ettore Orlando definisce «un piccolo giallo idrico» spiegando: «La condotta idrica secondo l'interrogazione di Fratelli d’Italia è “a rischio di contaminazione” (perché a ridosso di una discarica) ma ci dicono che le analisi fatte a marzo indicavano che l’acqua era buona. Capite bene che c’entra una mazza, anzi è come mischiare “cence e pann lurd” (cenci e panni sporchi, ndr). Che senso ha, di fronte ad un pericolo, dire “a marzo non è successo nulla”? Prima di correre ai ripari dovremmo forse aspettare che si verifichi l’irreparabile? Quindi evitiamo di prestare credito agli insabbiatori professionisti e attendiamo l’intervento del Ministero dell’Ambiente e dei Carabinieri del Nucleo di Tutela Ambientale così come richiesto dall'estensore dell’interrogazione on.le Gemmato. Nel caso in cui il pericolo sia da escludere saremo i primi a felicitarci. Ma al momento attendiamo gli accertamenti». Il coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia si è detto poi meravigliato del fatto che, invece dell'amministrazione, abbia risposto chi non ci azzeccava nulla ma, quel che è peggio, è che lo si sia fatto prima che la stessa interrogazione fosse divulgata. Proprio per questo ha riservato una stoccata ai suoi alleati (visto che solo ad essi aveva fatto menzione in una riunione circa l’interrogazione dell’on. Gemmato): «Per caso in ciò che resta del centrodestra c’è una gola profonda? Se così fosse dovremmo interrogarci anche sui perché di una sconfitta elettorale che è stata di proporzioni bibliche».

Il Frizzo

 
 
 


Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.