Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
 
POLITICA
Politica

Senso Civico per Lucera: presentata la lista per le Comunali
E Leo Di Gioia bacchetta Tutolo: «È assolutamente ingiusto che ci sia una sola persona in un intero Comune a poter rimettere le cose in ordine e ad essere il depositario dell’onestà»

Lucera, 13.05.2019 Il 7 maggio si è svolta la convention di presentazione della lista “Senso Civico per Lucera”, movimento nato dalla spinta propulsiva di Pinuccio De Sabato che ne è coordinatore cittadino. Presente all’incontr, l’assessore all’Agricoltura della Regione Puglia Leo Di Gioia.
«L’unico effetto prodotto da tutti gli incatenamenti del sindaco – ha esordito il coordinatore locale – è stata la chiusura dell’ospedale, del Palazzo di Giustizia e del Giudice di Pace: non abbiamo mai visto la città di Lucera in questo decadimento come lo è attualmente, ma noi ci siamo dati una regola, quella di non parlar male di coloro i quali governano, anche se non va taciuto che nel teatro in questi cinque anni si è esibita una sola persona e la claque non svolgeva l’attività propria dei consiglieri».
Di Gioia, invece, ha spiegato innanzitutto quello che è stato il suo rapporto con Lucera in questi ultimi anni: «Ho cercato di essere sempre disponibile con l’amministrazione comunale perché sapevo che tramite questa si possono risolvere i problemi di un intero comune: ci sono stati momenti di alti e bassi per lo più legati al carattere di alcuni attori istituzionali, però non ho mai pensato che dovessi modificare il mio modo di lavorare». Il limite di tale rapporto, a dire dello stesso assessore, è stato il modo di concepire la politica da parte del pagnottaro: «Parte da un punto di vista che secondo me è assolutamente ingiusto, cioè l’idea che ci sia una sola persona in un intero Comune a poter rimettere le cose in ordine e ad essere il depositario dell’onestà».


La playlist video degli interventi

L’assessore regionale ha ammesso di contestare profondamente questo modo di agire e ha detto di non riconoscere al sindaco, tra l’altro, il primato morale di cui lui ed i suoi sodali si sono sempre fatti vanto. Quest’atteggiamento del pagnottaro ha pian piano allontanato le loro esperienze, in quanto esso, secondo Di Gioia, ha danneggiato la città isolandola e privandola dell’impulso delle grandi progettazioni. L’assessore ha parlato di un Comune che negli ultimi cinque anni ha fatto né più né meno che l’ordinaria amministrazione, con un sindaco che ha mascherato quest’ultima col dire che la stessa corrisponde alla correttezza amministrativa: «Non c’è una battaglia che si sia caratterizzata per una proposta, le sue sono state tutte contro qualcuno, ma penso che Lucera meriti qualcosa in più».
Concetti rafforzati dall’intervento garbato del candidato sindaco del centrodestra Michele Consalvo che non scade mai nel “volgare” e nel denigratorio con spesso avvenuto dall’altra parte, rimarcando che il vero confronto dovrà avvenire sui programmi e non “scappando” sempre verso il passato per nascondere cinque anni di amministrazione pagnottara che non ha visto realizzato un solo punto del suo programma, tanto che dopo un lustro l’amministrazione uscente è costretta a ripresentare gli stessi punti.

Greta Notarangelo

 
 
 


Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.