Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
 
POLITICA
Politica

Conferenza post-Primarie del centrodestra. Michele Consalvo: «Ci stanno sottovalutando»
Il centrodestra di Lucera si ripresenta in conferenza stampa sempre più unito e pronto ad impensierire la coalizione che sostiene la ricandidatura del sindaco uscente

Lucera, 08.04.2019 «Ci tenevamo tanto – ha esordito Michele Consalvo nella conferenza stampa tenuta lo scorso 4 aprile presso la sede del coordinamento di Forza Italia dai tre che fino al 31 marzo erano i candidati sindaci alle Primarie del centrodestra – a quest’incontro di ringraziamento da parte di tutti e tre, perché la città ha risposto molto positivamente all’appello che abbiamo lanciato con le Primarie in maniera anche superiore alle aspettative: tremilanove votanti sono un numero che ci proietta verso il 26 maggio con più forza e con la convinzione di potercela fare, infatti, la soglia per battere l’amministrazione uscente non è irraggiungibile, anzi è ampiamente alla nostra portata». Consalvo, colui che affronterà la coalizione della Pagnotta, ha spiegato che sono riusciti a convincere le persone della bontà delle loro idee e dei loro programmi che in questi giorni stanno sintetizzando per poter offrire alla città un vero progetto di rilancio che faccia uscire la stessa da questo torpore e dalla crisi in cui l’amministrazione pagnottara l’ha purtroppo condotta e che si sta avvertendo in maniera pesante. Il candidato ha poi voluto ringraziare Giuseppe Bizzarri ed Ettore Orlando perché «non era scontato che oggi ci ritrovassimo qui, nel senso che abbiamo sottoscritto un patto di fronte agli elettori del centrodestra e lo stiamo mantenendo poiché sentiamo di avere una condivisione di idee che vanno al di là delle posizioni dei singoli».
Bizzarri, invece, ha detto innanzitutto che l’idea di candidarsi alle Primarie per mantenere unito il centrodestra ha poi trovato una pratica conferma: «Non ci aspettavamo tutta quella gente, e quella situazione manda un preavviso all’altra parte, per cui l’amministrazione deve, a mio avviso, cominciare a preoccuparsi». Riguardo, in particolare, alla sua candidatura, il consigliere ha chiarito che non aveva di certo strutture di partito alle spalle che l’abbiano aiutato a raggiungere quel risultato, ma «si è trattato di una candidatura nata all’interno di un gruppo di amici e sostenitori che in pochissimo tempo si sono fatti in quattro per ottenere un risultato che ritengo assolutamente dignitoso». Adesso, come ha continuato a dire, si apre una partita nuova che dovranno giocare con intelligenza ed astuzia lavorando innanzitutto alla stesura di un programma che «non sia costituito da voli pindarici e non rincorra sogni irraggiungibili, ma che risponda concretamente a quattro o cinque punti consistenti nei problemi maggiori della città».


La conferenza stampa

Su questo programma i tre stanno già lavorando, alcune idee le hanno già individuate durante i primi comizi tenuti in vista delle Primarie: «Deve essere un programma snello, fatto di pochi punti e soprattutto con una prospettiva da lanciare per questa città che ha sofferto per le inefficienze ed incapacità dell’amministrazione ancora in carica». Un’altra delle cose su cui occorrerà lavorare consiste nella formazione delle liste, che, come ha tenuto a precisare, dovranno essere le migliori possibili, e quando dice questo, Bizzarri si riferisce al fatto che dovranno cercare di evitare di prestare il fianco ai loro avversari in relazione ad eventuali contestazioni circa le candidature; inoltre, al consigliere piacerebbe che il centrodestra presentasse subito anche la squadra, che secondo lui dovrà essere basata su bravura e competenza.
A seguire, Orlando ha tenuto a sottolineare che da parte di Fratelli d’Italia c’è la massima soddisfazione e la totale disponibilità a quell’unità mai scalfita; quanto a Consalvo, poi, «oltre ad essere un professionista serio e preparato ed anche un personaggio nuovo per la politica da un lato, dall’altro può rappresentare la giusta sintesi dei valori del centrodestra». Orlando ha fatto notare che le Primarie si sono dimostrate un grande successo non solo in termini di partecipazione, ma anche a livello psicologico, dal momento che hanno ricreato intorno alla politica quell’entusiasmo che si era un po’ perso: «Alcuni parlavano di rotture interne alla coalizione, io parlo semplicemente di dialettica: le premesse ci sono tutte». Eppure, il sindaco uscente ha sminuito l’importanza di queste Primarie (non vorrà mica farci credere che le sue crostate siano più importanti?), e ciò, a dire di Consalvo, è offensivo nei confronti degli elettori del centrodestra: «Ci sta sottovalutando». Infine, il candidato ha spiegato che imposterà la campagna elettorale evitando di scendere a certi livelli, mantenendo quindi dei toni decorosi. Nel frattempo, il pagnottaro trema come una foglia (l’ha detto lui, sia chiaro!), ma questa volta non è influenza: temiamo che sia paura…

Il Frizzo

 
 
 


Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.