Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
 
POLITICA
Politica

Simona Dell'Osso: «Degrado in Piazza San Francesco». Poi, torna a parlare della sede dei Consigli Comunali
La consigliera di opposizione ha denunciato la grave situazione in cui versa la piazza e lo stato dei bagni pubblici che ormai di pubblico hanno fin troppo, tanto da costringere a non rendere utilizzabile uno dei due servizi a suo tempo affidati ad una ditta che continuiamo a pagare

Lucera, 11.07.2018 – Dopo la parte delle comunicazioni si è passati, durante l’ultimo Consiglio Comunale del 5 luglio, ad anticipare l’ultimo punto, Conferimento della cittadinanza onoraria al gen. U.S. Air Force David Lee Goldfein, anche se lo stesso non è avvenuto durante quella seduta consiliare, bensì, com’è noto, qualche giorno dopo, precisamente il sabato successivo 7 luglio. Inutile dire che la relazione dell’assessore Michele Marucci sull’argomento era incomprensibile. Ovviamente, l’accapo è stato votato all’unanimità.
Sono seguite le interrogazioni. La prima sollevata da Simona Dell’Osso riguardava lo stato di degrado in cui versa Piazza San Francesco, soprattutto la parte dei bagni pubblici; inoltre, essa è trascurata dal punto di vista della pulizia dell’erba, gli impianti di illuminazione vengono puntualmente rotti ed è diventata un luogo di spaccio.
«Spero che possano essere finanziate delle telecamere – ha risposto il sindaco –, ma il Santuario nella parte di dietro era stata rimasta ‘na vera schifezza, era stato rimasto il cemento (insomma, si è capito che il pagnottaro ama gli anacoluti e l’utilizzo dei verbi intransitivi come transitivi, ndr)». Dell’Osso, però, ha detto di non essere assolutamente soddisfatta della risposta, perché «come al solito lei fa da scaricabarile» e, peraltro, «l’interrogazione non riguardava la ristrutturazione del marciapiede».

La seconda interrogazione del consigliere è stata fatta dal momento che il sindaco l’aveva invitata a nozze con la risposta data a Sefora Tetta, la quale aveva espresso la propria delusione per il fatto che i Consigli Comunali si tengono in un teatro: il sindaco aveva dichiarato che l’aula consiliare è inagibile. Dell’Osso, allora, gli ha chiesto perché un mese fa le RSU si siano riunite al suo interno e (per non dire degli incontri con le scolaresche svoltesi proprio nella tradizionale aula consiliare), poiché l’altro le ha risposto con una delle sue solite inutili giustificazioni («dipende dal contesto dell’utilizzo…» etc.), il consigliere nella controreplica gli ha fatto notare che la sicurezza è qualcosa che riguarda sia il pubblico che il privato: «Non può fare a suo piacimento!».
Ma tant’è!

Greta Notarangelo

 
 
 


Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.